Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Ogni giorno 400 UI di vitamina D sono sufficienti per i neonati

Secondo un nuovo studio su JAMA, i bambini dovrebbero ricevere una dose giornaliera di vitamina D di 400 UI (unità internazionali) per aiutarli a rimanere in buona salute.

La vitamina D è importante per la crescita delle ossa sane e per prevenire il rachitismo, ed è particolarmente importante che i bambini ne ottengano abbastanza durante il loro primo anno di vita perché le loro ossa crescono molto rapidamente.

Per questo motivo, i pediatri spesso suggeriscono che i genitori danno ai bambini un supplemento giornaliero di vitamina D. Uno studio precedente ha dimostrato che sebbene l’allattamento al seno sia il modo ideale per nutrire i bambini, è consigliato l’integrazione con la vitamina D, che inizia subito dopo la nascita, perché i bambini allattati al seno non ricevono in genere sufficiente vitamina D da altre fonti.

Tuttavia, secondo gli scienziati, le attuali raccomandazioni su quanto dovrebbero essere somministrati i bambini con vitamina D variano molto.

Nell’attuale studio, condotto dal Prof. Hope Weiler, della School of Dietetics e Human Nutrition presso la McGill University, e dal Dr. Celia Rodd del Dipartimento di Pediatria di McGill, gli esperti hanno scoperto che 400 UI di vitamina D ogni giorno sono adeguate per la salute dei bambini .

Il Prof. Weiler ha detto:

“A volte si ha la sensazione che di più sia meglio, ma fino ad ora nessuno aveva paragonato le dosi giornaliere raccomandate di vitamina D per vedere cosa avrebbe portato ad una salute ottimale per i bambini, quindi siamo stati molto contenti di essere in grado di farlo”.
La dose giornaliera raccomandata di vitamina D in Francia e Finlandia è di 1000 UI per i neonati, mentre una dose giornaliera di 400 UI è suggerita da Health Canada e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

La Canadian Pediatric Society distingue tra mesi invernali ed estivi e consiglia ai bambini di ricevere 800 UI al giorno durante l’inverno, quando sono meno esposti al sole.

I ricercatori del nuovo studio hanno seguito un gruppo di 132 bambini a Montreal che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere dosi giornaliere diverse di vitamina D per un periodo di 12 mesi. Le dosi includevano 400 UI al giorno, 800 UI, 1200 UI e 1600 UI.

Il peso, la lunghezza e la circonferenza della testa del bambino sono stati misurati dopo l’assunzione iniziale nell’indagine. Gli scienziati hanno anche esaminato i livelli di vitamina D nel loro sangue a tre mesi, sei mesi, nove mesi e un anno di età.

Il team ha anche esaminato la quantità di minerale aggiunta alle ossa dei bambini man mano che si ingrandivano.

Gli autori hanno detto:

“Era chiaro, già a partire dal terzo mese, che non c’erano vantaggi per le dosi più alte di vitamina D e che 400 UI al giorno erano sufficienti.”
“I genitori che abbiamo visto nello studio erano altamente motivati ​​e hanno fatto in modo che i loro bambini assumessero la vitamina D ogni giorno”, ha sottolineato il dott. Rodd.

Dosi più elevate di vitamina non offrivano ulteriori benefici in termini di aiutare i bambini a crescere uno scheletro sano.

Nel 2010, la FDA (Food and Drug Administration) ha suggerito che i bambini non ricevessero più di 400 UI di vitamina D ogni giorno.

Secondo tale rapporto, quantità eccessive di vitamina possono essere dannose per i bambini e possono causare nausea e vomito, perdita di appetito, sete eccessiva, minzione frequente, dolore addominale, stitichezza, dolori muscolari e articolari, debolezza muscolare, affaticamento, confusione e danno ai reni.

Il gruppo di bambini osservati aveva una quantità relativamente buona di vitamina D all’inizio della ricerca, affermano gli autori.

Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire se sono necessari maggiori quantità di vitamina per i bambini con vitamina D inferiore alla nascita.

Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: