Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Oli ricchi di vitamina E legati all’infiammazione polmonare

Secondo un nuovo studio della Northwestern Medicine, gli oli ricchi di vitamina E – inclusi canola, soia e mais – potrebbero contribuire all’incremento dell’incidenza di infiammazione polmonare, iperresponsività delle vie aeree e probabilmente asma. Al contrario, gli oli ricchi di vitamina E come l’olio d’oliva, l’olio di germe di grano, l’olio di mandorle e di girasole migliorano la capacità e la funzionalità dei polmoni.

La ricerca favorisce la nostra comprensione di due delle quattro forme di tocoferolo di vitamina E – gamma-tocoferolo e alfa-tocoferolo – e dei loro vantaggi e svantaggi per la salute.

La vitamina E esiste come antiossidante che protegge il corpo dai radicali liberi che possono danneggiare le cellule, i tessuti e gli organi. La vitamina E mantiene il sistema immunitario, per scoraggiare virus e batteri. È anche significativo nella formazione dei globuli rossi e aiuta l’organismo a utilizzare la vitamina K.

I National Institutes of Health dicono che il modo migliore per ottenere l’assegno dietetico raccomandato (RDA) di vitamina E consiste nel consumo di fonti alimentari ricche di vitamina E, come oli vegetali, noci, semi e verdure a foglia verde.

Il gamma-tocoferolo è la forma più comune di vitamina E presente nella dieta americana, a causa dell’elevata assunzione di colza, soia e olio di mais.

Olio di colza

L’olio d’oliva, l’olio di germe di grano, l’olio di mandorle e di girasole sono tutte fonti di alfa-tocoferolo che hanno un apporto alimentare più elevato nei paesi europei e scandinavi.

Il livello medio di plasma nel sangue del gamma-tocoferolo è quattro o più volte più alto negli Stati Uniti rispetto a quello dei paesi che consumano olio di oliva e di girasole.

Secondo quanto riferito, questo studio è il primo a collegare il gamma-tocoferolo con una diminuita funzionalità polmonare e ci pone alla domanda: quanto sono buoni gli “oli salutari” per la nostra salute?

I ricercatori hanno analizzato il set di dati dallo sviluppo del rischio di arteria coronaria nello studio per giovani adulti (CARDIA), che è stato sponsorizzato dall’Istituto nazionale del cuore, del polmone e del sangue del National Institutes of Health. CARDIA è uno studio osservazionale basato sulla popolazione con 5.115 partecipanti di 18-30 anni reclutati tra il 1985 e il 1986.

I risultati consentono una maggiore comprensione dello sviluppo delle malattie cardiache negli adulti in bianco e nero. Lo stesso numero di persone in sottogruppi di razza, genere, istruzione ed età sono stati selezionati con gli esami di follow-up durante gli anni 2, 3, 7, 10, 15 e 20 dopo l’esame iniziale.

Dei 5.115 individui che hanno preso parte allo studio CARDIA, i dati sono stati esclusi per i partecipanti con BPCO e senza dati per i livelli di tocoferolo, spirometria, BMI, altezza o fumo, lasciando 4.526 persone.

L’autore senior dello studio Joan Cook-Mills ha analizzato i dati spirometrici per misurare la funzionalità e la capacità polmonare negli anni 0, 2, 5, 10 e 20 e i livelli di tipo tocoferolo presenti nel sangue dei partecipanti, negli anni 0, 7 e 15.

“Il plasma sanguigno mostrava quanto avevano acquisito nei loro tessuti”. Dice Cook-Mills. “Prendi la vitamina E dalla tua dieta o dai supplementi.”

Livelli elevati di gamma-tocoferolo associati a una riduzione del 10-17% della funzionalità polmonare

Cook-Mills ha scoperto che concentrazioni più elevate di gamma-tocoferolo nel plasma sanguigno indicavano una riduzione del 10-17% della funzionalità polmonare.

L’aumento dei casi di asma negli ultimi 40 anni potrebbe corrispondere alla nostra missione per uno stile di vita e un cuore più sani, riducendo lo strutto e il burro e passando a oli di soia, canola e mais “più sani”?

Cook-Mills ha osservato che quei paesi con tassi più bassi di asma hanno diete ricche di oli di oliva e di girasole – oli ricchi sotto forma di vitamina E, alfa-tocoferolo.

Cook-Mills, professore associato di medicina in allergia / immunologia presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University, dice:

“Considerando il tasso di persone colpite che abbiamo trovato in questo studio, ci potrebbero essere 4,5 milioni di individui negli Stati Uniti con ridotta funzionalità polmonare a causa del loro elevato consumo di gamma-tocoferolo.”

Questo studio è uno dei tanti che studiano i benefici per la salute e i detrimenti della vitamina E. All’inizio di quest’anno, è stato riportato che gli antiossidanti possono accelerare la progressione del cancro del polmone sotto forma di vitamina E e acetilcisteina.

Like this post? Please share to your friends: