Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Olio di cocco: salutare o insalubre?

L’olio di cocco è stato di gran moda da un po ‘di tempo. Sostenuto da un certo numero di celebrità come un superalimento, questo grasso dall’odore tropicale – spesso applicato liberamente alla nostra pelle e ai nostri scalpi – è uno dei preferiti di molti. Ma la domanda rimane: è salutare o no?

olio di cocco

Il grasso ha sofferto di una brutta reputazione per molto tempo e ci è stato detto di optare invece per opzioni a basso contenuto di grassi. Ma alla fine le maree si sono trasformate, spingendoci a vedere i grassi sotto una nuova luce.

Le nostre vite sono diventate più semplici. Abbiamo imparato come evitare i grassi cattivi (saturi e idrogenati) e mangiare quelli buoni (insaturi) per mantenere sani i nostri ticker e le arterie.

Poi l’umile cocco è arrivato nel 2003, e le acque erano ancora una volta infangate. Visto da alcuni come un superalimento ma recentemente etichettato dall’American Heart Association (AHA) come parte del pool di grassi insalubri, la polemica continua.

Quindi, quali sono i fatti scientifici dietro l’hype dell’olio di cocco e quali sono gli ultimi sviluppi?

Ingrediente segreto: acidi grassi a “catena media”

Molte delle pretese affermazioni sulla salute che circondano l’olio di cocco derivano da ricerche pubblicate nel 2003 da Marie-Pierre St-Onge, Ph.D. – un professore di medicina nutrizionale alla Columbia University di New York City, NY.

Il Prof. St-Onge ha scoperto che nelle donne in sovrappeso il consumo di acidi grassi a catena media – come quelli trovati nell’olio di cocco – ha portato a un aumento del dispendio energetico e dell’ossidazione dei grassi rispetto alle donne che mangiavano acidi grassi a catena lunga o saturi.

Ma il Prof. St-Onge ha usato una dieta adiposa appositamente formulata nel suo studio, non l’olio di cocco, e non ha mai affermato che l’olio di cocco fosse il segreto dei risultati osservati nella sua ricerca.

Il frantoio delle dicerie aveva iniziato a girare e l’olio di cocco veniva ampiamente considerato un superalimento.

Infatti, uno studio del 2009 che ha coinvolto 40 donne ha dimostrato che 30 millilitri di cocco – consumati giornalmente per un periodo di 12 settimane – hanno aumentato i livelli di lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), accompagnati da una riduzione della circonferenza della vita.

Con il proseguire degli studi, il quadro è diventato meno chiaro.

AHA e WHO consigliano di limitare il consumo

Nonostante il numero di studi che hanno gettato l’olio di cocco in una luce favorevole, l’AHA ha pubblicato una nota consultiva sui grassi alimentari e le malattie cardiovascolari a giugno 2017, raccomandando di sostituire i grassi saturi con grassi insaturi più salutari. Questo include olio di cocco.

Come lo stato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), “I grassi insaturi (ad esempio nel pesce, nell’avocado, nella frutta a guscio, nel girasole, nella colza e negli oli d’oliva) sono preferibili ai grassi saturi (ad esempio nella carne grassa, burro, palma e olio di cocco, panna, formaggio, burro chiarificato e lardo). “

La ragione? Il grasso saturo fa male alla salute cardiovascolare. Tuttavia, c’è un’altra svolta in questa affascinante storia.

Mentre la lipoproteina a bassa densità (LDL) è generalmente considerata un colesterolo “cattivo”, il tipo HDL è ampiamente accettato come controparte “salutare”.

Eppure nel 2017, abbiamo coperto tre studi che potenzialmente trasformano quello che sappiamo di grassi e colesterolo sulla sua testa. Il primo strudy ha scoperto che i grassi saturi potrebbero non “ostruire” le nostre arterie dopo tutto, mentre il secondo ha scoperto un legame tra HDL “buono” e mortalità.

Il terzo studio, pubblicato a novembre 2017, ha dimostrato che alti livelli di HDL potrebbero non proteggerci dalle malattie cardiache, come si pensava in precedenza.

Qual è l’ultima?

Uno dei problemi con la controversia che circonda l’olio di cocco è la mancanza di studi umani su larga scala di buona qualità. Ma aggiungere al corpo delle prove è un nuovo studio del team della BBC “Trust me I’m a Doctor”.

Insieme al dott. Kay-Tee Khaw, professore di gerontologia clinica, e al dott. Nita Gandhi Forouhi, professore di salute e nutrizione della popolazione – entrambi all’Università di Cambridge nel Regno Unito – il team ha confrontato gli effetti dell’olio di cocco, olio d’oliva e burro in 94 volontari umani.

A ciascun partecipante allo studio è stato chiesto di consumare 50 grammi di uno di questi grassi ogni giorno per 4 settimane. I risultati sono stati una sorpresa.

Coloro che hanno consumato olio di cocco hanno visto un aumento del 15% dei livelli di HDL, mentre questo numero si attesta solo al 5% per l’olio d’oliva, che è accettato come buono per il nostro sistema cardiovascolare.

Se stiamo lavorando sulla premessa che l’HDL è buono, allora questi risultati parlano a favore dell’olio di cocco.

È importante notare, tuttavia, che i risultati di questo studio non sono stati sottoposti a revisione paritaria e devono essere trattati come preliminari.

Olio di cocco: il verdetto

Quindi, l’olio di cocco è salutare o no? Come in molte aree di ricerca, non esiste una risposta semplice.

Se stai cercando di perdere peso, vale la pena ricordare che l’olio di cocco è molto ricco di grassi saturi e un cucchiaio contiene 120 calorie.

Se è la salute cardiovascolare che stai cercando, la linea ufficiale del partito disegnata da AHA e WHO continua a mettere l’olio di cocco nella lista dei grassi da limitare. Ma chissà, forse i tavoli gireranno e emergeranno nuove linee guida.

Nel frattempo, l’olio di cocco può essere parte di una dieta sana ed equilibrata, se consumata con moderazione.

Tuttavia, vale la pena guardare fuori per l’olio di cocco in alimenti confezionati, in particolare olio di cocco parzialmente idrogenato. Questa è una fonte di grassi trans, che la Food and Drug Administration (FDA) dice aumentare il rischio di malattie cardiache.

Like this post? Please share to your friends: