Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Olio extravergine di oliva o olio d’oliva: che è più salutare?

Sommario

  1. L’olio d’oliva è salutare?
  2. Olio d’oliva o olio extravergine d’oliva?
  3. Olio extravergine d’oliva
  4. Olio d’oliva vergine puro o leggero?
  5. Conservazione
  6. Cottura e punto di fumo
  7. Prossimi passi

Sei mai andato nel magazzino del petrolio al negozio e sei stato immediatamente sopraffatto?

Ci sono così tante scelte ora, tra cui:

  • verdura
  • canola
  • oliva
  • semi di canapa
  • noce
  • avocado
  • sesamo
  • noce di cocco
  • oliva vergine
  • olio extravergine di oliva (olio extravergine di oliva)
  • olio infuso con erbe o condimenti

L’elenco sembra andare avanti all’infinito. Ma come fai a sapere quale usare? In realtà hanno un sapore diverso? È più sano degli altri? Ecco come navigare nel corridoio dell’olio.

L’olio d’oliva è salutare?

Olio extravergine d'oliva

Oli diversi hanno usi diversi. L’olio d’oliva è relativamente stabile al calore per cucinare. Ha un sapore eccezionale per mangiare non riscaldato. Ma l’olio d’oliva ha recentemente iniziato a cadere dalla grazia. È sano o no? E se è OK da usare, quale tipo è il migliore?

Il principale tipo di grasso presente nell’olio di oliva è rappresentato dagli acidi grassi monoinsaturi (MUFA), che sono considerati grassi sani. Cosa significa “grasso sano”, dal momento che suona come un ossimoro?

Significa che se si sostituiscono altri grassi nella dieta – grassi trans e grassi saturi – con i MUFA, è possibile ridurre il rischio di malattie cardiache. Aumenterai il tuo HDL (colesterolo “buono”) e abbasserai il LDL ossidato (colesterolo “cattivo”) nel sangue.

I professionisti dell’acquisto di olio extra vergine di oliva:

  1. Ha meno sostanze chimiche e radicali liberi rispetto al normale olio d’oliva.
  2. È più alto negli antiossidanti dell’olio d’oliva.
  3. È pieno di grassi buoni.

Olio d’oliva o olio extravergine d’oliva?

La maggior parte dei modificatori che precedono l’olio d’oliva, come “vergine” o “extra vergine”, si riferiscono al processo che ha prodotto l’olio. Ad esempio, l’olio extravergine d’oliva significa che è stato toccato di meno. Ma perché importa?

Gli oli vegetali sono piuttosto fragili per quanto riguarda il cibo, ed è per questo che il tuo amico culinario avrà alcuni tipi diversi di olio. Decideranno cosa usare a seconda di cosa stanno cucinando ea quali temperature.

Alcuni oli diventeranno rancidi se conservati a temperature sbagliate o troppo a lungo, e altri diventeranno instabili se cotti a temperature più elevate, perdendo sostanze nutritive e sapore.

Quando gli oli vengono lavorati, vengono puliti con prodotti chimici e quindi riscaldati. Queste cose prolungano la durata di conservazione, che è grande per l’industria alimentare, ma non così grande per il tuo corpo. Questi processi eliminano anche gran parte del sapore dell’olio.

L’olio extravergine d’oliva buono, fresco e non trasformato:

  • essere un po ‘fruttato (le olive sono frutta, dopo tutto)
  • sii un po ‘amaro (come mordere un’oliva
  • avere una pepata piccante

Se è metallico, senza sapore o ammuffito, è andato male o è stato sovraccaricato.

Dovresti comprare olio extravergine d’oliva?

La prossima volta che sei al negozio, vorrai sborsare qualche soldo in più per l’olio extravergine d’oliva. Ancora una volta, EVOO ha un sapore migliore.

Quando comprendi quale delle opzioni di EVOO utilizzare, cerca le parole “premuto a freddo” e “non filtrato”.

Se riesci a trovare anche tipi più elaborati, come “pietra pressata”, prendi il comando. Ma le due cose principali da cercare sono:

  • non si desidera aggiungere calore al processo, come avviene con l’olio d’oliva normale
  • non vuoi filtrarlo (che normalmente introduce sostanze chimiche)
  • Che dire dell’olio d’oliva puro o dell’olio d’oliva vergine?

    Non lasciatevi ingannare dalle affermazioni di “olio d’oliva puro”. Guarda il pacchetto e assicurati di sapere cosa stai ricevendo.

    L’olio d’oliva puro e persino l’olio d’oliva vergine (l’olio d’oliva vergine leggero è un colpevole comune) sono una miscela di olio d’oliva extravergine e olii lavorati.

    Indipendentemente dalle affermazioni sulla parte anteriore della bottiglia, leggi sempre anche l’etichetta completa. In questo contesto, “luce” non significa calorie inferiori. Significa un colore più chiaro. Ciò significa che è stato elaborato e rifinito per eliminare il colore e, quindi, il sapore.

    La lavorazione fa durare più a lungo l’olio e spesso può essere riscaldato a temperature più elevate, ma aggiunge anche sostanze chimiche e elimina i nutrienti.

    Deposito di olio d’oliva

    Conserva il tuo olio d’oliva in un luogo fresco, asciutto e buio. Non devi preoccuparti di spostarlo continuamente dal tuo piano cottura mentre stai cucinando.

    Ma quando hai finito, mettilo da qualche parte, non otterrà calore radiante, né dagli elettrodomestici né dal sole. Rimarrà saporito e salutare più a lungo.

    Olio d’oliva in cucina e punto fumo

    Se stai usando l’olio per cucinare, tieni a mente il tuo livello di calore. Se hai intenzione di bruciare qualcosa ad alte temperature, scegli un altro grasso per aiutare a lubrificare la superficie di cottura.

    Il punto di fumo dell’olio è la temperatura alla quale l’olio inizia a rompersi, diventare cancerogeno e rilasciare il fumo nell’aria. In altre parole, quando l’olio inizia a bruciare. Il punto di fumo per l’olio d’oliva varia, quindi fai la tua ricerca.

    Per una cottura a calore più elevato, prendi in considerazione la possibilità di esaminare altre opzioni di olio salutare, come l’avocado.

    Prossimi passi

    Se le tue scelte sono olio d’oliva o olio extravergine d’oliva, vai con EVO di alta qualità ogni volta. Ha meno sostanze chimiche e radicali liberi. È anche più alto negli antiossidanti e ha ancora vitamine K ed E, che vengono rimosse durante la lavorazione dell’olio d’oliva normale.

    L’EVOO ha anche un’alta percentuale di grassi omega (grassi polinsaturi che fanno bene al cuore) insieme alla sua bontà monoinsaturi.

    Evita gli oli lavorati e ricorda di usare EVOO con moderazione. Sì, i tipi di grassi in EVOO sono buoni per te. Possono ridurre il rischio di malattie cardiache e aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue.Ma anche l’EVOO di altissima qualità è ancora ad alto contenuto di calorie e basso contenuto di nutrienti rispetto alle verdure attuali. Usa EVOO invece di oli e burro eccessivamente lavorati, non con loro.

    Il tuo EVOO medio contiene circa 120 calorie per cucchiaio. Mentre è la scelta più salutare di fronte all’olio d’oliva normale e ad altri oli vegetali lavorati, non iniziare a berlo e consumare cibo perché è salutare.

    Pensala come un’alternativa di grassi o oli più sani, non un elisir di salute.

    Like this post? Please share to your friends: