Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Oltre la carie: perché una buona igiene dentale è importante

Molti di noi sono consapevoli che una scarsa igiene dentale può portare a carie, malattie gengivali e alitosi – ma non lavarsi i denti potrebbe anche avere conseguenze per malattie più gravi.

In questa caratteristica, in concomitanza con il mese nazionale dell’igiene dentale, scrutiamo sotto la placca per indagare su quali altre condizioni di salute, forse inaspettate, sono influenzate dalla cattiva salute dentale.

Il morbo di Alzheimer

Nel 2010, i ricercatori della New York University (NYU) hanno concluso che esiste un legame tra l’infiammazione delle gengive e il morbo di Alzheimer, dopo aver esaminato 20 anni di dati sull’associazione.

spazzolino da denti con dentifricio

Tuttavia, il numero di partecipanti allo studio della NYU era piuttosto ridotto. I ricercatori hanno analizzato i dati di 152 soggetti arruolati nello studio di invecchiamento di Glostrop – uno studio che esamina la salute psicologica, medica e orale in uomini e donne danesi. Lo studio ha attraversato un periodo di 20 anni e si è concluso nel 1984, quando i soggetti avevano più di 70 anni.

Confrontando la funzione cognitiva a 50 e 70 anni, il team della NYU ha scoperto che la malattia di gomma all’età di 70 anni era fortemente associata a punteggi bassi per la funzione cognitiva.

I partecipanti allo studio avevano una probabilità nove volte maggiore di avere un punteggio nel range più basso del test cognitivo – il “test del simbolo numerico” (DST) – se avessero avuto un’infiammazione delle gengive.

Sebbene questo studio abbia preso in considerazione fattori potenzialmente confondenti come l’obesità, il fumo di sigaretta e la perdita dei denti non correlata all’infiammazione gengivale, c’era ancora una forte associazione tra il basso punteggio DST e l’infiammazione gengivale.

Nel 2013, i ricercatori britannici dell’Università del Lancashire centrale (UCLan) si sono basati sui risultati di questo studio, confrontando campioni di cervello di 10 pazienti viventi con l’Alzheimer con 10 campioni di cervello di persone che non avevano la malattia.

L’analisi ha mostrato che un batterio – – era presente nei campioni di cervello di Alzheimer ma non nei campioni provenienti dal cervello di persone che non avevano il morbo di Alzheimer. Ciò che è stato interessante è che di solito è associato alla malattia cronica delle gengive.

Il team ha seguito questa ricerca nel 2014 con un nuovo studio sui topi, i cui risultati sono stati pubblicati nel. ha parlato con il co-autore Dr. Sim K. Singhrao per quanto riguarda i risultati.

Singhrao afferma che ci sono prove scientifiche sufficienti per dimostrare che due dei tre batteri che causano malattie gengivali sono capaci di movimento (o “motili”) e sono stati costantemente trovati nel tessuto cerebrale.

“Questi batteri mobili possono lasciare la bocca e entrare nel cervello attraverso due vie principali”, spiega. “Possono usare la loro capacità di movimento per entrare direttamente nel cervello, uno dei percorsi è quello di strisciare i nervi che connettono il cervello e le radici dei denti, mentre l’altro è l’ingresso indiretto nel cervello attraverso il sistema di circolazione sanguigna”.

In un paziente che ha sanguinamento delle gengive, dice il dott. Singharo, i batteri che causano malattie gengivali entreranno nel flusso sanguigno ogni volta che puliscono la loro bocca e anche quando mangiano cibo.

Lui continua:

“è particolarmente interessante in quanto ha trovato il modo di attaccare un ascensore dai globuli rossi quando si trova nel flusso sanguigno e invece di scendere dal bus dei globuli rossi nella milza, essi scelgono di scendere nel cervello in un’area dove non ci sono controlli immunitari, da lì si diffondono al cervello a loro piacimento, inoltre, nei soggetti più anziani, i vasi sanguigni tendono ad allargarsi e a perdere “.

“Il lavoro pubblicato confermato nelle bocche dei topi trova la sua strada al cervello una volta che le malattie gengivali si stabiliscono per prime”, conclude Singhrao. “Inoltre, la nostra ipotesi è rafforzata dai recenti risultati che dimostrano che le sostanze chimiche rilasciate dal sistema immunitario del cervello in risposta al raggiungimento del cervello” involontariamente “danneggiano i neuroni funzionali nell’area del cervello correlati alla memoria.”

Cancro del pancreas

Un team di ricerca della Harvard School of Public Health di Boston, MA, è stato il primo a segnalare forti prove su un legame tra malattie gengivali e cancro del pancreas, nel lontano 2007.

illustrazione che mostra la posizione del pancreas

Il tipo di infiammazione gengivale associata al cancro del pancreas nello studio era la parodontite, che colpisce il tessuto che sostiene i denti e può causare la perdita di tessuto osseo intorno alla base dei denti.

L’altro tipo principale di malattie gengivali – gengivite; dove il tessuto intorno ai denti si infiamma – non era legato ad un aumentato rischio di cancro. Tuttavia, la gengivite può portare a parodontite se persistente. La gengivite si verifica quando i batteri nella placca attorno alla base dei denti si accumulano a causa della cattiva igiene dentale.

Esaminando i dati sulle malattie gengivali dallo studio di follow-up dei professionisti della salute, che ha coinvolto una coorte di oltre 51.000 uomini e iniziato a raccogliere dati nel 1986, i ricercatori di Harvard hanno scoperto che gli uomini con una storia di malattie gengivali avevano un rischio aumentato del 64% di pancreas cancro rispetto agli uomini che non hanno mai avuto malattie gengivali.

Il più grande rischio di cancro del pancreas tra questo gruppo era negli uomini con recente perdita dei denti. Tuttavia, lo studio non è stato in grado di trovare collegamenti tra altri tipi di problemi di salute orale – come la carie – e il cancro del pancreas.

I ricercatori suggeriscono che potrebbe esserci un legame tra alti livelli di composti cancerogeni trovati nella bocca di persone con malattie gengivali e rischio di cancro al pancreas. Sostengono che questi composti – chiamati nitrosammine – possono reagire alle sostanze chimiche digestive nell’intestino in un modo che crea un ambiente favorevole allo sviluppo del cancro del pancreas.

Tuttavia, uno studio di follow-up condotto dal team nel 2012 non è stato in grado di dimostrare se i batteri parodontiti sono una causa o un risultato del cancro del pancreas – lo studio ha potuto solo dimostrare che i due erano collegati.

“Questo non è un fattore di rischio stabilito”, ha ammesso l’autore Dominique Michaud.”Ma mi sento più fiducioso che qualcosa stia succedendo. È qualcosa che dobbiamo capire meglio.”

Malattia del cuore

Forse più ben consolidata è l’associazione tra igiene dentale e cardiopatia.

primo piano della bocca

Nel 2008, ha riferito sulla ricerca da team congiunti presso l’Università di Bristol nel Regno Unito e il Royal College of Surgeons a Dublino, in Irlanda, che ha scoperto che le persone con gengive sanguinanti da scarsa igiene dentale potrebbero aumentare il rischio di malattie cardiache.

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di malattie cardiache è aumentato perché – nelle persone che hanno sanguinamento delle gengive – i batteri dalla bocca sono in grado di entrare nel flusso sanguigno e attaccarsi alle piastrine, che possono quindi formare coaguli di sangue, interrompendo il flusso di sangue al cuore e innescando un attacco di cuore.

“La bocca è probabilmente il posto più sporco del corpo umano”, ha detto il dott. Steve Kerrigan del Royal College of Surgeons, spiegando che ci sono fino a 700 diversi tipi di batteri che coesistono nelle nostre bocche.

Il prof. Howard Jenkinson, dell’Università di Bristol, ha aggiunto:

“Le malattie cardiovascolari sono attualmente il più grande killer nel mondo occidentale: batteri orali come e sono agenti infettanti comuni, e ora riconosciamo che le infezioni batteriche sono un fattore di rischio indipendente per le malattie cardiache”.

I ricercatori della Bristol University hanno studiato come i batteri interagiscono con le piastrine imitando la pressione all’interno dei vasi sanguigni e del cuore. La squadra del Prof. Jenkinson ha scoperto che i batteri usano le piastrine come meccanismo di difesa.

Raggruppando le piastrine insieme, i batteri sono in grado di circondarsi completamente. Questa armatura piastrinica protegge i batteri dall’attacco delle cellule immunitarie e li rende meno riconoscibili agli antibiotici.

Sebbene alcune delle associazioni che abbiamo esaminato in questa funzione di riflettori siano ancora sotto esame, una buona igiene dentale rimane importante per ridurre il rischio di una varietà di condizioni.

L’American Dental Hygienists Association (ADHA) raccomanda di spazzolare per 2 minuti, due volte al giorno. Le linee guida ADHA sottolineano anche l’importanza del filo interdentale quotidianamente e il risciacquo con il collutorio. È possibile leggere i consigli completi sul sito Web ADHA.

Like this post? Please share to your friends: