Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Omega-3 di derivazione ittica migliore per prevenire il cancro al seno

Quando si parla di prevenzione del cancro al seno, gli studi hanno dimostrato che è possibile aumentare l’assunzione di acidi grassi omega-3. Una nuova ricerca, tuttavia, indica che alcuni tipi di omega-3 possono essere più efficaci di altri.

salmone fresco

Scienziati dell’Università di Guelph in Ontario, Canada, hanno rivelato che gli acidi grassi omega-3 derivati ​​dall’olio di pesce possono essere circa otto volte più efficaci per arrestare lo sviluppo di tumori al seno aggressivi rispetto a quelli provenienti da fonti vegetali.

Il coautore dello studio, il prof. David Ma, che attualmente lavora presso il Dipartimento di salute umana e scienze nutrizionali dell’Università di Guelph, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati nel.

Dopo il cancro della pelle, il cancro al seno è il tumore più comune tra le donne negli Stati Uniti. Si prevede che circa 266.120 nuovi casi di carcinoma mammario invasivo verranno diagnosticati negli Stati Uniti quest’anno e circa 40.920 donne moriranno a causa della malattia.

Uno dei tipi più aggressivi di cancro al seno è il carcinoma mammario HER2-positivo, in cui i tumori al seno contengono livelli aumentati della proteina del recettore 2 (HER2) del fattore di crescita epidermico umano, che favorisce la crescita delle cellule di cancro al seno.

Circa il 25% dei tumori al seno ha HER2-positivo.

Ricerche precedenti hanno scoperto che gli acidi grassi omega-3 possono impedire lo sviluppo del cancro al seno, ma alcuni tipi di omega-3 sono più efficaci di altri? Il prof. Ma e i colleghi volevano scoprirlo.

EPA, DHA migliore per ridurre la crescita del tumore

Esistono due tipi di acidi grassi omega-3 presenti nell’olio di pesce: uno è l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’altro è acido docosaesaenoico (DHA). Il terzo tipo di omega-3 è l’acido linolenico a base vegetale (ALA), che si trova in soia, olio di colza e semi di lino.

Per il loro studio, il Prof. Ma ei suoi colleghi hanno confrontato gli effetti di questi tre tipi di omega-3 sullo sviluppo del tumore al seno nei topi allevati per sviluppare il carcinoma mammario HER2-positivo.

“Questo studio è il primo a confrontare la potenza antitumorale degli omega-3 derivati ​​da piante e derivati ​​marini sullo sviluppo del tumore al seno”, afferma il prof. Ma. “Esistono prove che sia gli omega-3 delle piante che le fonti marine sono protettivi contro il cancro e volevamo determinare quale forma sia più efficace.”

Ogni topo è stato esposto a uno dei tre diversi omega-3 dalla nascita, il che ha permesso ai ricercatori di avere una migliore idea di come gli acidi grassi influenzino lo sviluppo del tumore.

Il team ha scoperto che i topi esposti a EPA e DHA omega-3 derivati ​​dall’olio di pesce hanno subito una riduzione del 60-70% delle dimensioni del tumore e una diminuzione del 30% del numero di tumori al seno.

Le stesse dosi di ALA vegetale non hanno avuto lo stesso impatto sui tumori al seno come EPA e DHA. Per ottenere lo stesso effetto, i topi dovevano essere esposti a dosi molto più alte di ALA.

Nel complesso, il team ha scoperto che EPA e DHA erano otto volte più efficaci nel prevenire lo sviluppo di tumori al seno rispetto ad ALA.

Mangia due o tre porzioni di pesce settimanalmente

Il Prof. Ma e il team spiegano che gli acidi grassi omega-3 possono prevenire lo sviluppo del cancro attivando geni specifici che aiutano la funzione del sistema immunitario, che inibisce i percorsi responsabili della crescita del tumore.

Sulla base dei loro risultati, i ricercatori suggeriscono che EPA e DHA sono i migliori acidi grassi omega-3 per questo effetto protettivo.

Inoltre, le dosi utilizzate nel loro studio suggeriscono che le donne potrebbero raccogliere i frutti di EPA e DHA consumando da due a tre porzioni di pesce grasso – come salmone, tonno e trota – a settimana.

“In Nord America, non abbiamo abbastanza omega-3 dai frutti di mare, quindi c’è l’opportunità di migliorare la nostra dieta e aiutare a prevenire il rischio di cancro al seno.”

Prof. David Ma

Il Prof. Ma aggiunge che anche le uova e gli integratori di olio di pesce sono buone fonti di DHA.

In una ricerca futura, il team intende studiare in che modo i tre acidi grassi omega-3 influenzano lo sviluppo di altri tipi di cancro al seno.

“Vedere i benefici significativi che gli omega-3 possono avere nel combattere una forma altamente aggressiva di cancro al seno”, spiega il prof. Ma, “significa che gli omega-3 saranno probabilmente utili per altri tipi di cancro”.

Like this post? Please share to your friends: