Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

OMEGA-3 ha effetti benefici su ansia e infiammazione

Secondo una recente indagine che valuta l’impatto del consumo di più olio di pesce, l’omega 3 ha ridotto sia l’ansia che l’infiammazione in un gruppo di giovani individui sani. Il rapporto è stato pubblicato questo mese sulla rivista Brain, Behavior and Immunity.

Lo studio, sostenuto dall’Ohio State University Center for Clinical and Translational Science (CCTS), è stato realizzato da un gruppo di scienziati che hanno trascorso oltre 30 anni alla ricerca di connessioni tra immunità e stress psicologico.

Janice Kiecolt-Glaser, professore di psichiatria e autrice del rapporto, ha spiegato: “I risultati suggeriscono che se i giovani possono ottenere miglioramenti dagli integratori alimentari, gli anziani e le persone ad alto rischio per determinate malattie potrebbero trarne ancora più beneficio.

Più comprendiamo la complessa interazione tra infiammazione e immunità, più ci avvicineremo a capire quali scelte e cambiamenti di stile di vita hanno l’impatto maggiore sulla salute a lungo termine “.

Per lungo tempo si è creduto che gli acidi grassi polinsaturi omega-3, come l’acido docosaesaenoico (DHA) e l’acido eicosapentaenoico (EPA), siano benefici per la dieta.

Precedenti indagini hanno indicato che i composti – che promuovono l’infiammazione e forse riducono la depressione – possono aiutare a ridurre i livelli di citochine nel corpo.

Poiché gli studi hanno ripetutamente dimostrato che lo stress psicologico aumenta la produzione di citochine, gli investigatori erano curiosi di scoprire se un aumento di omega-3 potesse diminuire quel processo, riducendo l’infiammazione.

Per testare la loro convinzione, i ricercatori hanno iscritto studenti di medicina. Secondo alcuni dei loro primi stress da lavoro, i test di scuola medica hanno ridotto lo stato immunitario dello studente.

Kiecolt-Glaser ha dichiarato: “Abbiamo ipotizzato che dare ad alcuni studenti integratori di omega-3 ridurrebbe la produzione di citochine proinfiammatorie, rispetto ad altri studenti che avevano ricevuto solo un placebo.Abbiamo pensato che l’omega-3 ridurrebbe l’aumento indotto dallo stress nelle citochine che normalmente nasce dal nervosismo nei test “.

Il gruppo ha arruolato 68 studenti di medicina di primo e secondo anno che si sono offerti volontari per partecipare. La metà dei partecipanti ha ricevuto integratori omega-3, mentre l’altra metà ha ricevuto pillole placebo. I partecipanti sono stati divisi casualmente in sei gruppi. Nel corso dell’indagine tutti i gruppi sono stati intervistati sei volte. Ad ogni visita i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue dagli studenti e chiesto loro di compilare una batteria di indagini psicologiche progettate per valutare i loro livelli di stress, depressione o ansia. Inoltre gli studenti hanno compilato questionari riguardanti la loro dieta durante le settimane precedenti.

Martha Belury, professore di nutrizione umana e co-autore nello studio, ha spiegato: “L’integrazione di omega-3 che gli studenti hanno ricevuto era probabilmente circa quattro volte la quantità di olio di pesce che si ottiene da una porzione giornaliera di salmone”.

Tuttavia, parte dell’investigazione non è andata secondo i piani a causa di cambiamenti nel curriculum medico e nella distribuzione di test importanti durante l’anno scolastico, invece che durante un periodo di tre giorni di tensione come era stato fatto in precedenza. Ciò ha eliminato la maggior parte dello stress che gli studenti di medicina avevano sperimentato nelle indagini precedenti.

Kiecolt-Glaser ha dichiarato: “Questi studenti non erano ansiosi, non erano molto stressati, dormivano bene durante questo periodo, quindi non abbiamo ottenuto l’effetto stress che ci aspettavamo”. Sebbene i risultati del sondaggio psicologico abbiano rivelato un cambiamento cruciale nei livelli di ansia tra i partecipanti. Coloro che hanno ricevuto omega-3 hanno avuto una riduzione del 20% nei livelli di ansia rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto il placebo. Anche una valutazione dei campioni di sangue dei partecipanti ha rivelato risultati importanti simili.

Ron Glaser, professore di virologia molecolare, immunologia e genetica medica e direttore dell’Istituto per la ricerca sulla medicina comportamentale, ha spiegato: “Abbiamo preso le misure delle citochine nel siero del sangue, oltre a misurare la produttività delle cellule che hanno prodotto due importanti citochine, interleuchina-6 (IL-6) e fattore di necrosi tumorale alfa (TNFa).

Abbiamo visto una riduzione del 14% nella quantità di IL-6 tra gli studenti che hanno ricevuto l’omega-3. Dal momento che le citochine favoriscono l’infiammazione, tutto ciò che possiamo fare per ridurre le citochine è un grande vantaggio nel trattare con la salute generale delle persone a rischio per molte malattie “.

Anche se l’infiammazione è una risposta immunitaria naturale che aiuta a guarire il corpo, può anche essere dannosa e ospitare una serie di malattie da malattie cardiache e artrite al cancro.

Nonostante i risultati dell’indagine indicano che gli integratori di omega 3 riducono l’infiammazione e l’ansia, così come alcuni dei ricercatori affermano di assumere l’integratore, non sono pronti a suggerire che il pubblico inizi a prendere l’omega-3 ogni giorno.

Beluri ha dichiarato: “Potrebbe essere troppo presto per raccomandare un ampio uso di integratori di omega-3, soprattutto considerando il costo e le scorte limitate di pesce necessarie per fornire l’olio, e le persone dovrebbero semplicemente considerare di aumentare il loro omega-3 attraverso la dieta”.

Collaborando anche alle indagini con Kiecolt-Glaser, Glaser e Belury c’erano William Malarkey, professore emerito di medicina interna, e Rebecca Andridge, assistente professore di salute pubblica.

Oltre ai finanziamenti del CCTS e del Clinical and Translational Science Awards (CTSA), l’indagine è stata finanziata anche in parte da una sovvenzione del Centro nazionale per la medicina complementare e alternativa, parte del National Institutes of Health.

Scritto da: Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: