Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Orgasmo femminile – Attività cerebrale catturata nel dispositivo di imaging FMRI

L’attività cerebrale durante un orgasmo femminile è stata descritta come secondaria a un attacco epilettico, dopo che i ricercatori della Rutgers University, New Jersey, USA hanno registrato l’aumento dell’utilizzo di ossigeno in un periodo di 5 minuti di attività cerebrale con un fMRI (risonanza magnetica funzionale scanner).

I ricercatori hanno presentato le loro scoperte alla Society for Neuroscience Annual Meeting, 2011, Washington D.C.

Il video mostra come si sviluppa l’attività cerebrale durante il periodo di crescendo, l’orgasmo stesso e il periodo di recupero. Mostra come le regioni cerebrali non correlate prendono vita, raggiungono il culmine dell’attività e poi si ritirano nuovamente.

Il ricercatore capo, il professor Barry Komisaruk, ha dichiarato:

“Stiamo osservando la sequenza delle regioni del cervello che vengono reclutate ad intensità crescente che portano all’orgasmo: è un fenomeno comportamentale e sensoriale così avvincente con così tante implicazioni e così poca comprensione”.
Nan Wise, 54 anni, terapeuta del sesso, che è un candidato al dottorato di Rutgers, ha raggiunto l’orgasmo tramite l’auto-stimolazione. I ricercatori hanno spiegato che ogni parte del suo cervello veniva attivata quando raggiungeva l’orgasmo.

Wise ha detto:

“Quando ho iniziato la scuola elementare negli anni ’80, non avevamo questi metodi, ora possiamo studiare come il cervello sta reclutando queste regioni per creare il big bang dell’orgasmo.A secondariamente a un attacco epilettico, non c’è un evento di networking cerebrale più grande È un’opportunità fantastica per esaminare la connettività del cervello: teoricamente, sarà utile sapere come funzionano le cose, penso che l’avvertenza sia capire che la sessualità è molto complessa “.
In un’intervista al quotidiano The Guardian, nel Regno Unito, Wise ha dichiarato: “È la mia tesi, mi sono impegnato”.

Il prof. Komisaruk ha detto che mirano a scoprire cosa non va negli individui di entrambi i sessi che non riescono a raggiungere l’orgasmo sessuale.

L’animazione del film, che consiste in una serie di istantanee scattate a due secondi di distanza, mostra come rispondono 80 diverse regioni del cervello (40 per ogni lateralità). Usa i colori per rappresentare i livelli di utilizzo dell’ossigeno nel cervello, visualizzati su uno spettro dal rosso scuro, passando all’arancio, al giallo e infine al bianco (livello più alto di attività). Quando viene raggiunto l’orgasmo, quasi l’intero cervello diventa un giallo / bianco illuminato.

All’inizio del film, l’area genitale della corteccia sensoriale diventa attiva per prima cosa – ciò che i ricercatori dicono è una risposta all’essere toccati nell’area genitale. Quindi il sistema limbico entra in azione: questa parte del cervello è coinvolta nella memoria e nelle emozioni a lungo termine.

Quando l’orgasmo sta per arrivare, il cervelletto e la corteccia frontale diventano molto più attivi – Komisaruk afferma che ciò è dovuto alla tensione muscolare.

L’attività raggiunge un picco nell’ipotalamo durante l’orgasmo – l’ossitocina viene rilasciata, una sostanza chimica che induce piacere che fa contrarre l’utero. Anche il nucleo accumbens, una regione del cervello legata al piacere e alla ricompensa, diventa molto attivo.

Dopo che l’orgasmo si è calmato, così fa l’attività in tutte le regioni del cervello stimolate.

Komisaruk ha sviluppato una tecnica in base alla quale l’individuo sottoposto a scansione può vedere la propria attività cerebrale su un monitor, fornendo neurofeedback. Il team ha lo scopo di aiutare le persone a imparare come modificare la loro attività cerebrale e, eventualmente, a migliorare i sintomi correlati a dolore, depressione e ansia.

Komisaruk ha detto:

“Usiamo l’orgasmo come un modo di produrre piacere.Se possiamo imparare come attivare le regioni del piacere del cervello, allora questo potrebbe avere applicazioni più ampie.”
Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: