Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Ossitocina: l’ormone della crisi delle relazioni?

L’ossitocina è ampiamente conosciuta come “l’ormone dell’amore” grazie al suo ruolo benefico nel legame sociale e nella riproduzione sessuale. Secondo un nuovo studio, tuttavia, l’ossitocina non riguarda solo i bei tempi; è anche in gioco durante i periodi di insicurezza relazionale.

[Una coppia che ha una discussione]

I ricercatori hanno scoperto che quando un individuo sente che il proprio partner sta perdendo interesse nella propria relazione, aumentano i livelli di ossitocina.

Il primo autore dello studio Nicholas M. Grebe, Ph.D., del Dipartimento di Psicologia presso l’Università del New Mexico ad Albuquerque, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista.

L’ossitocina è un ormone secreto dalla ghiandola pituitaria, una struttura di dimensioni di un pisello nel cervello che si trova appena al di sotto dell’ipotalamo.

Il ruolo dell’ossitocina è vasto. Non solo l’ormone è responsabile dell’induzione delle contrazioni durante il parto, ma è anche coinvolto nel legame madre-bambino e nell’eccitazione sessuale. I suoi doveri, tuttavia, potrebbero non finire qui.

Lo studio di Grebe e colleghi indica che il cervello rilascia ossitocina in tempi di crisi relazionali, probabilmente nel tentativo di “aggiustare” la relazione.

L’ossitocina cerca di “prendersi cura” di una relazione

I ricercatori hanno raggiunto i loro risultati iscrivendo due gruppi di adulti. Un gruppo era composto da 75 coppie provenienti dagli Stati Uniti, mentre l’altro gruppo era costituito da 148 persone provenienti dalla Norvegia che avevano un partner romantico.

“Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di pensare al loro partner e al modo in cui desiderano che il loro partner si connetta con loro nella relazione”, spiega il coautore dello studio Trond Viggo Grøntvedt, Ph.D., anche del Dipartimento di Psicologia dell’Università del Nuovo Messico.

I livelli di ossitocina dei soggetti sono stati misurati prima e dopo il compito del pensiero.

Il team ha scoperto che i partecipanti che hanno avvertito un forte investimento personale nella loro relazione hanno dimostrato un aumento dei livelli di ossitocina, che supporta ulteriormente il ruolo dell’ossitocina nel legame sociale.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto un risultato interessante nella valutazione simultanea dei livelli di ossitocina dei partner.

Tra le coppie in cui un partner era più investito nella relazione rispetto all’altro, il partner più investito ha mostrato un maggiore aumento dei livelli di ossitocina quando hanno pensato alla loro relazione.

I ricercatori suggeriscono che questo aumento maggiore dell’ossitocina potrebbe essere un tentativo di ricostruire un legame di parentela.

“Ciò che è implicito qui è una dichiarazione su ciò che l’ossitocina sta facendo: forse sta alimentando l’attenzione e la motivazione per ‘prendersi cura’ della relazione”, dice il co-autore dello studio, il professor Steven W. Gangestad, anche del Dipartimento di Psicologia.

L’ossitocina potrebbe non essere in grado di “riparare” le relazioni condannate

Tuttavia, il team ha scoperto che esiste un limite agli sforzi di aggiustamento delle relazioni dell’ossitocina. Tra le coppie la cui relazione si stava dirigendo verso la rottura, il partner che è stato maggiormente investito non ha mostrato un aumento significativamente più elevato dei livelli di ossitocina.

Nel complesso, gli autori ritengono che le loro scoperte supportino la teoria “identifica e investe” in relazione alle relazioni romantiche, in base alla quale il cervello identifica una relazione vulnerabile e cerca di rafforzarla.

“Pensiamo che vedere l’ossitocina in questo modo possa aiutarci a capire perché gioca un ruolo in altri tipi di relazioni sociali interdipendenti – nuovi romanzi, legami madre-bambino, come due esempi.

L’idea è che le relazioni emotivamente salienti, specialmente quando quelle relazioni sono vulnerabili, sono elicitori del sistema di ossitocina. “

Nicholas M. Grebe, Ph.D.

Scopri come l’ossitocina può aumentare il legame tra un padre e un bambino.

Like this post? Please share to your friends: