Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Paracetamolo: è sicuro come pensiamo?

Indipendentemente dal fatto che nella borsetta, in un cassetto di casa o in ufficio, al lavoro, è probabile che tu abbia il paracetamolo a portata di mano, in caso di mal di testa o dolore alla schiena. È il farmaco antidolorifico più utilizzato negli Stati Uniti ed è anche considerato uno dei più sicuri. Ma recentemente, la sua sicurezza percepita è stata messa in discussione.

[Una pila di tavolette bianche]

Acetaminofene, noto anche come paracetamolo o APAP, è un farmaco comunemente usato per alleviare il dolore da lieve a moderato e ridurre la febbre. È presente in oltre 600 farmaci da banco (OTC) e di prescrizione, tra cui Tylenol e Vicodin.

Mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, mal di denti, raffreddori, dolori mestruali e artrite sono tra le numerose condizioni per cui si usa il paracetamolo.

Secondo il Consumer Healthcare Products Association (CHPA), ogni settimana, circa il 23% degli adulti negli Stati Uniti – o 52 milioni di americani – usa un farmaco contenente acetaminofene.

Alle dosi raccomandate, il paracetamolo è considerato uno dei farmaci da banco più sicuri.

A differenza di altri antidolorifici comuni, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), il paracetamolo non aumenta il rischio di problemi di stomaco o di cuore, rendendolo un farmaco da prendere per le persone che non sono in grado di tollerare i FANS.

Inoltre, gli operatori sanitari considerano il paracetamolo come uno dei pochi antidolorifici che è generalmente sicuro da usare durante la gravidanza; uno studio del 2010 condotto dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha rilevato che il farmaco non causa un aumento del rischio di difetti alla nascita maggiori se usato nel primo trimestre di gravidanza.

Ma, come con tutti i farmaci, ci sono dei rischi, e i ricercatori stanno scoprendo che i rischi legati all’uso di acetaminofene possono essere più gravi di quanto pensiamo.

L’anno scorso, una revisione pubblicata ha concluso che i possibili rischi di paracetamolo sono stati “sottostimati”, con alcuni studi che suggeriscono che il farmaco potrebbe aumentare il rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità.

In questo contesto, diamo uno sguardo ad alcuni dei rischi consolidati di uso di paracetamolo, così come alcuni che possono essere una sorpresa.

Sovradosaggio da acetaminofene e danno al fegato

Il danno epatico è forse il rischio più noto di uso di paracetamolo e tale danno può essere causato da un sovradosaggio del farmaco.

Dopo l’assunzione di paracetamolo, la maggior parte del farmaco viene metabolizzata dal fegato ed escreta attraverso la minzione. Tuttavia, parte del farmaco viene convertito in un metabolita tossico che può danneggiare le cellule del fegato. Assumere troppo acetaminofene aumenta il rischio di danni al fegato e, nei casi più gravi, può portare alla morte.

Secondo la Food and Drug Administration (FDA), tra il 1998-2003, il paracetamolo era la principale causa di insufficienza epatica acuta negli Stati Uniti, e quasi la metà dei casi di insufficienza epatica durante questo periodo erano il risultato di sovradosaggio accidentale.

Inoltre, la FDA afferma che, durante gli anni ’90, il sovradosaggio involontario di paracetamolo era responsabile di circa 56.000 visite al pronto soccorso, 26.000 ricoveri e 458 morti ogni anno.

Poiché il paracetamolo è presente in una vasta gamma di farmaci da banco e da prescrizione a dosi variabili, può essere abbastanza facile accidentalmente assumere troppo, in particolare se si utilizzano più farmaci contenenti acetaminofene contemporaneamente.

Le attuali linee guida raccomandano di non assumere più di 4.000 milligrammi di acetaminofene al giorno. Considerando una singola compressa di Tylenol Extra Strength contiene 500 milligrammi, è facile vedere come si può sovradosizionare accidentalmente il farmaco.

Inoltre, il danno epatico indotto dal paracetamolo si verifica lentamente, spesso passando inosservato fino a quando non è troppo tardi, quindi le persone potrebbero pensare che l’assunzione di un piccolo paracetamolo in più rispetto a quanto raccomandato non sia nociva.

Con questo in mente, nel 2011, la FDA ha chiesto ai produttori di farmaci soggetti a prescrizione di limitare volontariamente la quantità di acetaminofene in ogni compressa o capsula a non più di 325 milligrammi, al fine di ridurre il rischio di overdose accidentale.

A partire dal 2014, l’organizzazione ha riferito che solo la metà dei produttori di farmaci con obbligo di prescrizione aveva volontariamente rispettato la richiesta, inducendoli ad avviare procedimenti per revocare l’approvazione dei farmaci di prescrizione combinati contenenti più di 350 milligrammi.

Inoltre, la FDA raccomanda agli operatori sanitari di prendere in considerazione la prescrizione di farmaci combinati contenenti meno di 350 milligrammi di paracetamolo per dose.

Gravi allergie cutanee e tumori del sangue

Un certo numero di studi ha associato l’uso di paracetamolo a gravi allergie cutanee e l’FDA Adverse Event Reporting System (FAERS) ha rivelato che tra il 1969 e il 2012, 107 casi simili si sono verificati negli Stati Uniti, provocando 67 ricoveri e 12 decessi.

[Una bottiglia di paracetamolo]

Come tale, nel 2013, la FDA ha emesso un avviso che l’uso di paracetamolo, in rari casi, può causare una serie di reazioni cutanee potenzialmente fatali, tra cui la sindrome di Stevens-Johnson (SJS) e la necrolisi epidermica tossica (TEN).

“Le azioni della FDA dovrebbero essere viste nel contesto di milioni di persone che, nel corso di generazioni, hanno tratto beneficio dal paracetamolo”, ha affermato Sharon Hertz, vice direttore della Divisione Anestesia della FDA, Analgesia e Dipendenza. “Tuttavia, data la gravità del rischio, è importante che i pazienti e gli operatori sanitari ne siano consapevoli.”

Nel 2011, uno studio pubblicato nel scoperto un collegamento tra uso regolare paracetamolo e aumento del rischio di alcuni tumori del sangue.

Lo studio, che ha esaminato l’uso di antidolorifici di oltre 64.000 uomini e donne di età compresa tra 50-76 anni, ha scoperto che le persone che hanno usato acetaminofene quattro o più volte alla settimana per almeno 4 anni avevano un duplice rischio di alcuni tumori del sangue, tra cui linfoma e leucemia.

Tuttavia, la coautrice di studio Emily White, del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, WA, ha osservato che il rischio di tali tumori era ancora basso tra gli utilizzatori regolari di paracetamolo a lungo termine, intorno al 2% in un periodo di 10 anni. .

Autismo, ADHD e asma

Nonostante l’uso di paracetamolo durante la gravidanza sia considerato generalmente sicuro, un certo numero di studi ha suggerito che questo potrebbe non essere il caso.

Nel febbraio di quest’anno, uno studio che ha rilevato che le madri in attesa che usavano il paracetamolo avevano maggiori probabilità di avere bambini che sviluppavano asma all’età di 3 anni.

I ricercatori – tra cui la Dott.ssa Maria Magnus dell’Istituto norvegese di sanità pubblica di Oslo, Norvegia – affermano che i risultati sono di importanza per la salute pubblica, scoprendo i possibili effetti avversi dell’uso di acetaminofene in gravidanza.

Tuttavia, affermano che i risultati non giustificano modifiche alle attuali raccomandazioni sul paracetamolo per l’uso durante la gravidanza, che affermano che le donne in gravidanza dovrebbero consultare il proprio medico prima di usare il farmaco.

Ma l’asma non è l’unico rischio che può sorgere con l’uso di paracetamolo in gravidanza.

All’inizio di questo mese, ha riferito uno studio che ha scoperto un legame tra l’esposizione prenatale al paracetamolo, l’autismo e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Da un’analisi di oltre 2.600 donne in gravidanza, i ricercatori hanno scoperto che le donne che usavano il paracetamolo nelle prime 32 settimane di gravidanza avevano il 30% in più di probabilità di avere figli con problemi di attenzione all’età di 5 anni, che si vedono spesso nei bambini con autismo o ADHD.

Inoltre, i ricercatori – incluso il coautore dello studio Jordi Julvez del Centro di ricerca sull’epidemiologia ambientale (CREAL) a Barcellona, ​​in Spagna – hanno scoperto che i bambini esposti prenatalmente al farmaco avevano più probabilità di presentare sintomi clinici di autismo.

Accettando, Julvez ha detto che crede che i medici debbano informare meglio i pazienti – in particolare le future mamme – sui potenziali rischi associati all’uso di paracetamolo.

“Abbiamo bisogno di dire loro questa possibilità [dei problemi dello sviluppo nella prole] e di essere cauti sul suo uso, magari prendendo la dose minima possibile e anche solo quando è strettamente necessario”, ci ha detto.

‘Abbiamo bisogno di riconsiderare che l’uso di paracetamolo non è rischioso’

La maggior parte degli operatori sanitari e dei ricercatori concorda sul fatto che esiste una diffusa percezione che il paracetamolo – principalmente per la sua popolarità e disponibilità – sia un farmaco largamente innocuo.

“Penso che il pubblico non consideri attentamente i possibili rischi per la salute [di uso di paracetamolo], solo recentemente questa possibilità è stata dimostrata da studi epidemiologici.Penso che dobbiamo riconsiderare che l’uso di paracetamolo non è affatto rischioso.”

Jordi Julvez

Va notato, tuttavia, che in molti casi i benefici del paracetamolo – se assunti con le dosi corrette – superano i rischi.

Al fine di ridurre i possibili rischi legati all’uso di paracetamolo, il National Institute of Health (NIH) offre alcune raccomandazioni:

  • Non assumere più di un prodotto contenente paracetamolo contemporaneamente
  • Prendi il farmaco esattamente come indicato sulla prescrizione o sull’etichetta della confezione
  • Non prendere più di 4.000 milligrammi di paracetamolo ogni giorno
  • Informate il vostro medico se avete una malattia al fegato o una storia della malattia
  • Evitare l’uso di acetaminofene se si consumano più di tre bevande alcoliche al giorno
  • In caso di gravidanza, consultare il medico prima di prendere paracetamolo
  • Se pensi di aver preso troppo acetaminofene, contatta immediatamente il medico, anche se ti senti bene.

Scopri come l’uso di acetaminofene potrebbe ridurre l’empatia.

Like this post? Please share to your friends: