Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Parto: come dovrebbero le donne che affrontano il lavoro avvicinarsi al loro piano di nascita?

Prepararsi all’arrivo di un bambino è un momento emozionante per potenziali madri, ma c’è molto da considerare. Oltre a dipingere la scuola materna e imparare come cambiare un pannolino, le donne incinte ei loro partner devono prendere decisioni su come vogliono portare il loro bambino nel mondo. Sia con mezzi naturali, farmaci o chirurgici, ci sono rischi e benefici associati a tutti i livelli, a seconda delle circostanze. In questa funzione, esaminiamo diversi metodi di nascita e i loro risultati.

Sedia da parto

Le pratiche e le ideologie del parto hanno subito molti cambiamenti nel corso della storia. Nel 98 d.C., un romano di nome Soranus scrisse un manuale di ostetricia ampiamente usato fino al XVI secolo.

Durante il Medioevo, l’attività del parto era nelle mani dell’ostetrica, che in inglese antico significa “con donna”. Alle donne incinte hanno partecipato le loro amiche, i parenti e le donne locali con esperienza nell’aiutare il parto.

Le raffigurazioni del travaglio in questo periodo di solito mostrano le donne che partoriscono in posizione eretta, usando uno sgabello da parto che lascia lo spazio sul sedile.

Altre posizioni durante questo periodo di solito includevano posizioni semi-sdraiate o persino una posizione accovacciata e, naturalmente, non erano disponibili anestetici. Tuttavia, le ostetriche tipicamente usavano oli e unguenti per aiutare a ridurre la lacrimazione perineale.

Ci fu un significativo cambiamento nel business del parto durante il 1700. Le nuove tecnologie hanno avuto un ruolo, così come le ostetriche o i medici maschi, che hanno iniziato a subentrare per l’ostetrica femminile. In effetti, durante questo periodo, le ostetriche femminili persero molto del loro status e furono ritratte come antigieniche e non illuminate, e furono persino associate alla stregoneria.

Questa è l’era che ha annunciato l’uso di alcuni strumenti, come il forcipe e altri strumenti più distruttivi come il vectis – uno strumento a leva per alterare la posizione del bambino – e un uncinetto con un uncino, usato per estrarre un feto morto dal corpo della madre.

Il 20 ° secolo ha portato il parto dalla casa all’ospedale, dove dispositivi e procedure hi-tech – come il cardiofrequenzimetro fetale, i tagli cesarei (sezioni a C) e le epidurali – sono diventati comuni. Verso la fine degli anni ’70 negli Stati Uniti, i tassi di natalità in casa sono scesi a circa l’1%.

L’ascesa della sezione C.

Avanti veloce ai giorni nostri, e il business del parto sembra molto diverso dalle sue origini primitive. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riportano che ci sono stati più di 3,9 milioni di nascite registrati negli Stati Uniti nel 2012. Di questi, oltre 2,6 milioni sono stati consegnati vaginalmente e quasi 1,3 milioni sono stati consegnati attraverso il taglio cesareo.

Inoltre, la stragrande maggioranza di queste nascite si è svolta in un ospedale; solo l’1,4% delle consegne avveniva altrove. Di questi, oltre il 65% ha avuto luogo a casa e il 29% si è verificato in un centro di parto.

Nel 2009, il tasso di consegna totale della sezione C ha raggiunto il massimo storico, al 32,9%, che rappresenta un aumento del 60% rispetto all’ultimo minimo del 1996, al 20,7% di tutte le nascite.

Dato questo picco significativo, l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) ha pubblicato linee guida cliniche nel febbraio di quest’anno per ridurre l’insorgenza di sezioni ces- sate che non erano clinicamente indicate, così come l’induzione del travaglio prima delle 39 settimane. Queste linee guida includevano iniziative volte a migliorare l’assistenza prenatale, il cambiamento delle politiche ospedaliere e l’educazione del pubblico.

Le sezioni C sono ritenute necessarie dal punto di vista medico quando le circostanze rendono rischiosa la nascita vaginale per la madre o il bambino. Per esempio, i medici o le ostetriche possono raccomandarne uno quando il feto è in posizione di culatta – quando i glutei oi piedi del bambino sono rivolti verso il bacino piuttosto che la testa – o quando la placenta copre la cervice – chiamata placenta previa.

Abbiamo recentemente riportato uno studio pubblicato nell’agosto di quest’anno che ha suggerito che i bambini podalici presentano un rischio maggiore di morte per parto vaginale rispetto al cesareo.

Rischi cesarei

Tuttavia, alcune donne optano per le sezioni C elettive quando non ci sono ragioni mediche per farlo. Parlando, il dott. Sinéad O’Neill, del Centro irlandese per la ricerca traslazionale fetale e neonatale, ha ammonito che questa procedura è un serio intervento chirurgico addominale che comporta alcuni rischi:

“Per la madre, questi possono includere infezioni, coaguli, emorragie, un periodo di recupero più lungo e, sebbene raro, un aumento del rischio di rottura uterina nelle consegne successive. Per i bambini con taglio cesareo, i problemi respiratori che richiedono un trattamento nell’unità di terapia intensiva neonatale sono più Comune.”

Ha aggiunto che le donne che si sottopongono a un taglio cesareo possono anche soffrire di dolore pelvico cronico, e alcuni dei loro bambini sono a maggior rischio di sviluppare asma, diabete e sovrappeso.

A luglio, il dottor O’Neill e i suoi colleghi hanno pubblicato uno studio in cui suggeriva un piccolo ma significativo aumento del rischio di una successiva gravidanza nati morti o ectopica in seguito a un taglio cesareo nel primo parto di una donna.

Chirurghi che eseguono un intervento chirurgico

Nel dettaglio, il team ha scoperto che le donne che avevano un taglio cesareo nel loro primo parto vivo avevano un aumento del 14% del tasso di natimortalità e un 9% di aumento del rischio di gravidanza extrauterina nella loro prossima gravidanza, rispetto alle donne che avevano un parto vaginale.

I ricercatori hanno concluso il loro studio osservando che le loro scoperte “informeranno meglio le donne sui benefici e sui rischi associati a tutte le modalità di consegna e aiuteranno le donne e i loro partner a prendere una decisione più consapevole sulla modalità di consegna in base alle loro circostanze di gravidanza individuali”.

In seguito al loro studio pubblicato a luglio, il dott.O’Neill e colleghi hanno condotto una ricerca sugli effetti del taglio cesareo e della fertilità – pubblicati sulla rivista – che hanno suggerito che le donne con un taglio cesareo primitivo presentavano fino al 39% in meno di probabilità di avere un parto vivo successivo rispetto alle donne che presentavano vaginalmente.

Tuttavia, il Dr. O’Neill ha aggiunto che “questo è molto probabilmente dovuto alla scelta della madre di ritardare o evitare consegne successive come evidenziato nei rapporti di riduzione del rischio in base al tipo di taglio cesareo.”

In un rapporto ACOG sulla prevenzione della cessione di sezioni primarie, i ricercatori osservano che “per la maggior parte delle gravidanze, che sono a basso rischio, il parto cesareo sembra rappresentare un rischio maggiore di morbilità e mortalità materna rispetto al parto vaginale”.

Sebbene il National Institutes of Health noti che le nascite vaginali dopo taglio cesareo (VBAC) hanno successo nel 60-80% delle volte, il Dr. O’Neill afferma che i VBAC falliti sono associati ad un aumentato rischio di rottura uterina, e le sezioni C diventano più rischiose con ogni successivo intervento chirurgico.

“In definitiva, ostetriche e ostetriche devono essere in grado di discutere con le donne le loro opzioni per la nascita dopo un taglio cesareo e se una nascita normale sarebbe possibile attingere alla base delle prove e alla conoscenza, e tenendo conto della storia medica di una donna”, ci ha detto .

Per droga o no alla droga?

Un altro aspetto del parto che le donne incinte affrontano è come gestire il dolore. Il libro della Genesi della Bibbia ha Dio che condanna Eva alla dolorosa parto per aver mangiato il frutto proibito (“Nel dolore darai figli”), ma la medicina moderna ha scoperto meccanismi biologici causali dietro la pressione delle donne durante il travaglio.

Gravidanza / lavoro

Ci sono tre fasi di lavoro:

  1. Fase 1: lavoro precoce e attivo
  2. Fase 2: la nascita del bambino
  3. Fase 3: consegna della placenta.

Il primo stadio comporta una fase di diradamento e apertura quando la cervice si dilata e si assottiglia per incoraggiare il bambino a scendere nel canale del parto. Questo è quando le donne sperimenteranno contrazioni lievi a intervalli regolari che saranno meno di 5 minuti a parte verso la fine del travaglio precoce.

Secondo la Mayo Clinic, per le prime mamme, la durata media di questo travaglio precoce è tra le 6 e le 12 ore, e in genere si riduce con le consegne successive.

La maggior parte delle donne riferisce che il travaglio precoce non è particolarmente scomodo, e alcuni addirittura continuano con le loro attività quotidiane.

Durante la porzione di lavoro attivo del primo stadio, tuttavia, le contrazioni iniziano a diventare più forti, più lunghe e più vicine. I crampi e la nausea sono lamentele comuni, come lo è la crescente pressione di ritorno. Questo è il momento in cui la maggior parte delle donne si reca nel luogo in cui desidera partorire, sia che si tratti di un ospedale, di un centro di parto o di un’area designata a casa.

Il lavoro attivo può durare fino a 8 ore, e questo è tipico quando la maggior parte delle donne che desiderano un’epidurale ne richiede una.

L’anestesia spinale ed epidurale sono farmaci che intorpidiscono le parti del corpo per bloccare il dolore. Somministrati attraverso un catetere posto nella parte posteriore o colpi nella colonna vertebrale o attorno alla colonna vertebrale, questi farmaci consentono alla donna di rimanere sveglia durante il travaglio.

Sebbene questi medicinali siano considerati generalmente sicuri, comportano certi rischi e complicazioni, come reazioni allergiche, sanguinamento intorno alla colonna vertebrale, calo della pressione sanguigna, infezioni spinali, danni ai nervi, convulsioni e forte mal di testa.

Rischi epidurali

Nel maggio di quest’anno, ha riportato uno studio condotto dal Dr. Robert D’Angelo, della Wake Forest University School of Medicine nel North Carolina, e colleghi, che hanno esaminato le gravi complicanze dell’anestesia.

Queste complicazioni includevano:

  • Alto blocco neuroassiale – un livello elevato inaspettato di anestesia che si sviluppa nel sistema nervoso centrale
  • Arresto respiratorio in travaglio e parto
  • Catetere spinale non riconosciuto – un’infusione non rilevata di anestetico locale attraverso una puntura accidentale di una membrana esterna del midollo spinale.

Dopo aver esaminato i dati su oltre 257.000 consegne tra il 2004-09, i ricercatori hanno scoperto che c’erano solo 157 complicanze segnalate, 85 delle quali erano correlate all’anestesia.

Hanno concluso che, data la grande dimensione del campione, le complicazioni dell’anestesia durante il parto sono “molto rare”. Sebbene lo scopo del loro studio fosse quello di identificare i fattori di rischio associati alle complicanze al fine di elaborare linee guida di pratica formale, perché le complicanze legate all’anestesia erano così rare, c’erano troppe poche complicazioni in ciascuna categoria per identificare i fattori di rischio.

Il Dr. D’Angelo ha detto che, in seguito alla loro ricerca, la Società per l’anestesia ostetrica e perinatologia (SOAP) e l’Istituto per la qualità dell’anestesia (AQI) hanno concordato di collaborare allo sviluppo di un registro nazionale delle complicanze gravi per l’anestesia ostetrica.

Ha aggiunto che la Taskforce Serious Complication di SOAP ha sviluppato una bozza che elenca gravi complicazioni legate all’anestesia e che AQI ha incorporato queste informazioni nel loro sito Web, che è sottoposto a test finali.

Alla domanda su come, alla luce di altri effetti collaterali epidurali – come interferire con il naturale processo di nascita o rallentare la dilatazione – consiglierebbe alle donne di contemplare la nascita epidurale o naturale, il Dr. D’Angelo ci ha detto:

“Sfortunatamente, il parto è molto doloroso e nessuna modalità allevia il dolore del lavoro così efficacemente come l’analgesia epidurale. Facciamo del nostro meglio per educare i pazienti sui rischi e benefici dell’analgesia epidurale, sostenere e incoraggiare il parto naturale quando stanno considerando questa opzione e renderci disponibili dovrebbero cambiare idea mentre il lavoro progredisce. “

Ha aggiunto che la ricerca suggerisce che l’epidurale rallenta solo la prima fase del travaglio di 45 minuti e la seconda fase del travaglio “di circa 15 minuti”.

Cosa possono offrire metodi di nascita naturali e alternativi?

Sulla scia dell’aumento dei tassi di C-section e delle donne che optano per il sollievo dal dolore indotto dalla medicina, ci sono ancora donne che vogliono fare le cose in modo naturale – o il più vicino possibile.

Per tali donne, ci sono una serie di opzioni diverse che possono aiutare ad alleviare il dolore del travaglio in modo naturale e persino a prevenire alcuni risultati negativi.

In uno studio sullo yoga durante la gravidanza pubblicato sulla rivista, i ricercatori osservano che lo stress del travaglio stesso può causare cambiamenti nel corpo di una madre di parto:

“Il dolore al parto evoca una risposta generalizzata allo stress, che ha effetti fisiologici diffusi sul partoriente e sul feto di una donna: aumenta la produzione di catecolamine materna, che influenza il processo del lavoro riducendo la forza, la durata e la coordinazione delle contrazioni uterine”.

Gestendo questa risposta allo stress, le donne laboriose “sono state in grado di trascendere il dolore e sperimentare il comfort psicologico e spirituale”, aggiungono i ricercatori.

Nel loro studio, hanno scoperto che un gruppo sperimentale di donne che erano randomizzate a partecipare a un programma di yoga durante la gestazione aveva livelli più elevati di conforto materno durante il travaglio, aveva meno dolori del travaglio e aveva anche una minore durata della prima fase del travaglio come il tempo totale di lavoro, rispetto a un gruppo di controllo che non ha partecipato al programma di yoga.

Ipnosi per alleviare il dolore

Un altro studio che ha esaminato l’effetto dell’ipnosi sugli esiti del parto e del parto in adolescenti gravide ha rilevato che il gruppo di ipnosi ha mostrato risultati migliori in termini di consegne complicate, procedure chirurgiche e durata della degenza ospedaliera, rispetto a un gruppo di controllo.

Yoga in gravidanza

I ricercatori di questo studio – pubblicato nel e guidato dal Dr. Paul G. Schauble – osservano che l’ipnosi è stata utilizzata per il controllo del dolore durante il travaglio e il parto per più di un secolo, ma che l’introduzione di anestetici durante la fine del XIX secolo ha portato al suo declino.

“L’uso dell’ipnosi nella preparazione del paziente per il travaglio e il parto si basa sulla premessa che tale preparazione riduce l’ansia, migliora la tolleranza al dolore (riducendo la necessità di farmaci), riduce le complicanze del parto e promuove un processo di recupero rapido”, aggiungono.

Attraverso questo metodo, i partecipanti acquisiscono un senso di partecipazione attiva e controllo imparando a conoscere il processo di nascita e modi alternativi per produrre l’anestesia all’interno del corpo in modo naturale, attraverso il rilascio di endorfine – i neurotrasmettitori antidolorifici.

Poiché l’acqua ha effetti di rilascio di endorfine sul corpo, molte donne scelgono anche di combinare il loro metodo di ipnosi con un parto in acqua, che impiega l’uso di una piscina per la nascita.

“Ricerche fatte finora indicano che l’uso dell’ipnosi riduce costantemente le complicazioni dell’anestesia e facilita una riduzione del disagio e dei farmaci durante il travaglio e il parto”, ha detto Schauble.

Ha aggiunto:

“Incoraggio vivamente le donne che stanno attualmente sviluppando i loro piani di nascita a considerare l’aggiunta dell’ipnosi come mezzo per preparare il processo di consegna del lavoro, aumentando così la probabilità di un processo di nascita confortevole e sano”.

Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, un metodo chiamato HypnoBirthing viene insegnato dai professionisti in varie aree.

Sebbene ci siano un numero di opzioni diverse che le donne possono prendere in considerazione per i loro piani di nascita, gli esperti di tutti gli approcci concordano sul fatto che le donne dovrebbero educarsi e parlare con le loro ostetriche o medici per determinare il percorso migliore per loro.

Like this post? Please share to your friends: