Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Pazienti affetti da polmonite con alti livelli di glucosio a maggior rischio di morte

La polmonite acquisita in comunità è una delle principali malattie infettive nei paesi sviluppati ed è una delle principali cause di morbilità e mortalità. Ora, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti senza diabete preesistente che presentano iperglicemia al momento del ricovero in ospedale con polmonite acquisita in comunità presentano un rischio significativamente maggiore di morte rispetto ai pazienti con livelli glicemici normali al momento del ricovero.

I risultati dello studio, pubblicati sul British Medical Journal (BMJ), indicano che questi pazienti possono richiedere un’assistenza intensificata al fine di ridurre il rischio di morte.

Sebbene alcuni studi affermino che esiste un legame tra iperglicemia e mortalità per polmonite, i risultati di altri studi non mostrano un’associazione chiara.

Al fine di determinare se i livelli di glucosio (o il diabete preesistente) predicono esiti avversi in pazienti ricoverati in ospedale con polmonite acquisita in comunità, un team di ricercatori europei ha esaminato 6.891 pazienti ricoverati in ospedali e pratiche private con polmonite acquisita in comunità tra il 2003 e il 2009 in Germania, Austria e Svizzera.

I ricercatori hanno misurato la gravità della polmonite dei pazienti utilizzando un test standard noto come il punteggio CRB-65 e hanno registrato informazioni sulla loro età, sesso, co-morbidità e stato attuale del fumo. La morte a 28, 90 e 180 giorni è stata calcolata in base ai livelli di zucchero nel sangue al momento del ricovero in ospedale.

In tutti i pazienti, il team ha riscontrato che l’iperglicemia era collegata a un aumento della mortalità a 28 e 90 giorni. Inoltre, quelli con iperglicemia al momento del ricovero erano molto più probabilità di morire rispetto ai pazienti con livelli di zucchero normali al momento del ricovero. Secondo i ricercatori, il rischio di mortalità è aumentato con l’aumentare dei livelli di glucosio nell’ammissione.

Il team ha scoperto che i pazienti con diabete avevano il più alto tasso di mortalità (14%) dopo 90 giorni indipendentemente dai livelli di zucchero al momento del ricovero, pazienti senza diabete ma con iperglicemia al momento del ricovero avevano un tasso di mortalità del 10% e pazienti senza diabete e livelli normali di glucosio ha avuto il tasso più basso (3%).

I ricercatori hanno spiegato: “La mortalità inizia ad aumentare solo a livelli leggermente elevati che rimangono al di sotto della soglia definita per il diabete palese”.

Inoltre, notano che il test del glucosio e il monitoraggio dopo che i pazienti sono stati dimessi dall’ospedale sono fondamentali per diagnosticare il diabete e per prevenire complicazioni successive.

Scritto da Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: