Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Pazienti che usano la crema retinoide più probabilmente per morire

Uno studio clinico è stato interrotto quando è stato riscontrato che i pazienti che utilizzano una crema contenente tretonoina – un retinoide utilizzato per il trattamento dell’acne e di altre condizioni della pelle – avevano una maggiore probabilità di morire, rispetto ai pazienti che hanno usato un placebo, secondo un articolo in Archivi di dermatologia. Tuttavia, le prove non sembrano suggerire che la terapia abbia causato la morte extra.

Archives of Dermatology è una delle riviste JAMA (Journal of the American Medical Association).

Come informazioni di base, gli autori scrivono “Il potenziale dei composti dei retinoidi per prevenire lesioni cutanee maligne [cancri della pelle] è stato di notevole interesse, e alcuni sono efficaci per questo scopo.”

Nel 1998, è iniziato il processo di prova della VATTC (Veterans Affairs Topical Tretinoin Chemoprevention) per valutare se la terapia ad alte dosi con una crema contenente uno di questi retinoidi, la tretinoina, potesse prevenire il cancro. Un totale di 1131 veterani (97 per cento uomini, età media 71 anni) sono stati assegnati in modo casuale ad applicare una crema contenente 0,1% di tretinoina o una crema non medicata giornaliera al loro viso e alle orecchie. Sono stati quindi esaminati da un dermatologo ogni sei mesi, con una data di fine dello studio pianificata del 15 novembre 2004.

Un rapporto che è stato preparato per uno dei numerosi comitati di supervisione dello studio nel 2004 ha rilevato un “aumento statisticamente significativo” del rischio di morte tra coloro che usano la tretinoina – il risultato è stato arrestato sei mesi all’inizio del maggio 2004.

Martin A. Weinstock, M.D., Ph.D., del VA Medical Center e Brown University, Providence, R.I., e il team hanno esaminato i dati raccolti durante lo studio per vedere se c’era un’associazione tra il farmaco e il rischio di morte.

Poiché la morte non era il punto finale dello studio, sono stati compiuti ulteriori sforzi per identificare coloro che erano morti durante lo studio e raccogliere più dati sulla loro causa di morte, incluso l’accesso al dossier della morte del VA.

Le registrazioni e i dati degli studi originali hanno indicato che 108 pazienti nel gruppo trattato con tretonoina e 76 nel gruppo di controllo erano deceduti prima della fine del periodo di intervento, mentre altri 14 in ciascun gruppo sono deceduti prima della fine del periodo di studio (2004).

È stato rilevato un rischio significativamente più alto di morte nel gruppo di trattamento, anche dopo aver calcolato variabili quali l’età, le malattie concomitanti e se il paziente fosse stato un fumatore.

Tuttavia, ulteriori indagini non hanno supportato la tretinoina come causa di morte. ad esempio, non vi era un chiaro legame tra la quantità di crema utilizzata e la morte. Non c’era coerenza nelle cause di morte tra i partecipanti. D’altra parte, nel gruppo di trattamento, 15 pazienti sono morti per carcinoma polmonare non a piccole cellule, 12 per patologie vascolari e 15 per patologie respiratorie e altre patologie del torace – cause legate al fumo, che alcuni studi precedenti hanno suggerito di interagire con composti in alcuni modi simili alla tretinoina, ma amministrati sistemicamente, per produrre ulteriori rischi per la salute. Ai partecipanti è stato chiesto se fumavano, ma il loro stato di fumatore non è stato confermato, interessando potenzialmente le associazioni rilevate.

“L’implausibilità biologica, la mancanza di specificità delle cause di morte, l’incoerenza con l’esperienza precedente, la debolezza di altre prove di supporto nei nostri dati e il debole segnale statistico mettono in dubbio una potenziale associazione causale di tretinoina topica con la morte nel processo VATTC. Concludo che questo processo fornisce i motivi giusti per esitare a usare la tretinoina topica nella pratica clinica in assenza di ulteriori prove “, hanno scritto gli autori.

Archivi di Dermatologia. 2009; 145 [1]: 18-24

Questo studio è stato sostenuto dal Cooperative Studies Program (CSP) dell’Ufficio di ricerca e sviluppo, Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti e dalla American Cancer Society. OrthoNeutrogena, una divisione di Ortho-McNeil Pharmaceutical Inc., ha fornito la tretinoina, 0,1 per cento, e le creme del veicolo. Si prega di consultare l’articolo per ulteriori informazioni, inclusi altri autori, contributi degli autori e affiliazioni, informazioni finanziarie, finanziamenti e supporto, ecc.

Fonte – JAMA – Archives of Dermatology

Scritto da – Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: