Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Pazienti con ictus in grado di camminare di nuovo dopo il trapianto di cellule staminali

I risultati di un piccolo studio clinico offrono speranza per le persone con problemi motori a seguito di un ictus, dopo aver scoperto che un’iniezione di cellule staminali adulte nel cervello ha ripristinato la funzione motoria di tali individui, nella misura in cui alcuni pazienti hanno riacquistato la capacità di camminare.

[Una scansione CT di un tratto]

L’autore dello studio principale Dr. Gary Steinberg, professore e presidente di neurologia alla Stanford University School of Medicine di Palo Alto, California, e colleghi pubblicano le loro scoperte sulla rivista.

Mentre lo studio includeva solo un piccolo numero di partecipanti all’ictus, i risultati sono stati raggiunti con molta positività, con alcuni esperti di salute che sostengono che i risultati potrebbero portare a “trattamenti che cambiano la vita” per i pazienti colpiti da ictus.

Negli Stati Uniti ogni anno, più di 795.000 persone hanno un ictus nuovo o ricorrente.

L’ictus ischemico è la forma più comune e rappresenta circa l’87% di tutti gli ictus. Si verifica quando il flusso di sangue ricco di ossigeno verso il cervello si blocca, principalmente a causa di coaguli di sangue.

L’ictus emorragico rappresenta circa il 13 percento di tutti gli ictus, derivanti dalla fuoriuscita o dalla rottura dei vasi sanguigni nel cervello.

Esattamente come l’ictus colpisce una persona dipende da quale parte del cervello si verifica e dalla quantità di danno che provoca. Alcuni individui possono sperimentare temporaneamente debolezza alle braccia o alle gambe, mentre altri potrebbero perdere la capacità di parlare o camminare.

Secondo la National Stroke Association, circa 2 sopravvissuti su 3 hanno una qualche forma di disabilità e l’ictus è la principale causa di disabilità tra gli adulti americani.

Ci sono trattamenti disponibili per l’ictus, come l’attivatore del plasminogeno tissutale (tPA) – considerato il trattamento “gold standard” per l’ictus ischemico. Agisce sciogliendo il coagulo di sangue che blocca il flusso di sangue al cervello.

Tuttavia, la tPA deve essere somministrata entro poche ore dalla comparsa dell’ictus, al fine di massimizzare la probabilità di recupero – un periodo di tempo che il Dr. Steinberg e colleghi osservano viene spesso superato dal tempo necessario al paziente per arrivare all’ospedale.

Se il trattamento non viene ricevuto in tempo, la possibilità di un recupero completo dall’ictus è limitata. Ma nel nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che il trapianto di cellule staminali ha migliorato il recupero dei pazienti quando somministrato fino a 3 anni dopo l’ictus.

‘I pazienti che erano in sedia a rotelle stanno camminando ora’

Per il loro studio, il team ha arruolato 18 individui – di età media di 61 anni – che avevano avuto un primo colpo da 6 mesi a 3 anni prima. Tutti i partecipanti hanno avuto disabilità della funzione motoria a causa del loro ictus; alcuni pazienti non erano in grado di muovere il braccio, mentre altri non erano in grado di camminare.

Ogni paziente ha subito un trapianto di cellule staminali, che ha comportato la perforazione di un foro nel cranio e l’iniezione di aree danneggiate da ictus cerebrale con cellule SB623.

Le cellule SB623 sono cellule staminali mesenchimali (MSC) che sono state prelevate dal midollo osseo di due donatori e modificate per potenziare la funzione cerebrale.

Dopo la procedura, ciascun paziente è stato monitorato tramite imaging cerebrale, esami del sangue e valutazioni cliniche.

Entro un mese dalla procedura, i ricercatori hanno notato che i pazienti hanno iniziato a mostrare segni di ripresa e tali miglioramenti sono continuati per diversi mesi.

Sul componente della funzione motoria della valutazione Fugl-Meyer – un test di compromissione specifico dell’ictus – i pazienti hanno registrato un miglioramento complessivo di 11,4 punti.

Inoltre, il Dr. Steinberg osserva che questi miglioramenti sono stati mantenuti per almeno 1 anno e più di 2 anni per alcuni pazienti.

“Questo non era solo, ‘Non potevano muovere il pollice, e ora possono.’ I pazienti che erano in sedia a rotelle ora camminano. “

Dr. Gary Steinberg

Un partecipante che ha visto un significativo miglioramento della funzione motoria seguendo la procedura delle cellule staminali è Sonia Olea Coontz, 36 anni, di Long Beach, CA.

Dopo aver avuto un ictus nel maggio 2011, ha perso l’uso del braccio destro, e mentre lei ha avuto qualche uso della gamba destra, ha spesso richiesto l’uso di una sedia a rotelle.

In seguito all’intervento, tuttavia, Coontz afferma che le sue membra si sono “svegliate” e che il dott. Steinberg e colleghi sperano che la procedura possa offrire lo stesso risultato a milioni di altri sopravvissuti a un ictus.

“Ci sono quasi 7 milioni di pazienti con ictus cronico negli Stati Uniti”, afferma il dott. Steinberg. “Se questo trattamento funziona davvero per quell’enorme popolazione, ha un grande potenziale.”

Il potenziale per trattare l’ictus, altri disturbi neurodegenerativi

I ricercatori sono stati sorpresi di scoprire che dopo essere stati iniettati nel cervello, le cellule SB623 vivono solo per circa 1 mese, ma i pazienti hanno continuato a mostrare miglioramenti per diversi mesi.

Il Dr. Steinberg ipotizza che, subito dopo l’impianto, le cellule SB623 secernano depositi vicino alle aree del cervello danneggiate dall’ictus, e queste amplificano la riattivazione o la rigenerazione del tessuto nervoso, il che migliora la funzione motoria.

I ricercatori ritengono che un tale trattamento non possa essere limitato ai pazienti colpiti da ictus: ha il potenziale per trattare un numero di condizioni correlate al trauma cranico.

“Questo potrebbe rivoluzionare il nostro concetto di ciò che accade dopo non solo ictus, ma trauma cranico e persino disturbi neurodegenerativi.

L’idea era che una volta che il cervello è rimasto ferito, non si riprende – sei bloccato con esso. Ma se riusciamo a capire come far ripartire questi circuiti cerebrali danneggiati, possiamo cambiare l’intero effetto. Pensavamo che quei circuiti cerebrali fossero morti. E abbiamo imparato che non lo sono. “

Dr. Gary Steinberg

I ricercatori osservano che il 78% dei partecipanti ha avuto mal di testa provvisori, che secondo loro erano legati alla procedura di trapianto.

Alcuni pazienti hanno manifestato nausea e vomito transitori, sebbene non siano state identificate anomalie significative del sangue.

Uno dei principali vantaggi dell’uso di cellule staminali mesenchimali, secondo gli autori, è che non vengono rifiutati dal sistema immunitario, nonostante siano derivati ​​dal midollo osseo dei donatori. In questo studio, nessuno dei partecipanti ha ricevuto farmaci immunosoppressori.

I ricercatori sono ora in procinto di assumere uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico di fase IIb, che valuterà ulteriormente la sicurezza e l’efficacia della procedura sulle cellule staminali in pazienti con ictus cerebrale con disabilità motoria.

Commentando i risultati del team, il dott. Shamin Quadir, responsabile delle comunicazioni di ricerca presso l’associazione britannica Stroke, afferma:

“Attendiamo con impazienza i risultati dello studio di Fase II, che potrebbe dirci molto di più su questo tipo di trattamento con cellule staminali, anche se sono ancora all’inizio della ricerca sulle cellule staminali, questi risultati potrebbero potenzialmente portare a trattamenti che cambiano la vita per i pazienti colpiti da ictus nel futuro.”

Scopri come la gravità dell’ictus potrebbe essere peggiore per i turnisti.

Scritto da Honor Whiteman>

Like this post? Please share to your friends: