Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Per il cervello, la privazione del sonno è ‘come bere troppo’

Una nuova ricerca conferma che la mancanza di sonno adeguato ha un forte impatto sul funzionamento del cervello, con conseguenze potenzialmente pericolose che si verificano nella vita quotidiana.

autista stanco

Ultimamente, molti studi si sono concentrati su come il sonno influisce sui modi in cui funziona il nostro corpo, e in particolare su come influisce sul cervello.

Gli studi recentemente trattati hanno suggerito che quanto – e quanto bene – dormiamo possa essere la chiave per l’apprendimento visivo, il consolidamento della memoria e il disimparamento necessario.

Una nuova ricerca dalla David Geffen School of Medicine dell’Università di Los Angeles, California (UCLA) e dall’Università di Tel Aviv in Israele conferma ora che le persone private del sonno sperimentano vuoti di memoria e possono avere una percezione visiva distorta; la comunicazione tra i neuroni è temporaneamente compromessa.

“Abbiamo scoperto che affamare il corpo del sonno deruba anche i neuroni della capacità di funzionare correttamente, aprendo così la strada alle interruzioni cognitive nel modo in cui percepiamo e reagiamo al mondo che ci circonda”.

Autore dello studio senior Dr. Itzhak Fried

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista.

I neuroni “pigri” comunicano in modo inefficiente

I ricercatori hanno lavorato con 12 persone con epilessia, che erano anche registrate come pazienti con UCLA. Tutti i partecipanti avevano impianti di elettrodi nel cervello, con lo scopo di registrarsi dove i loro attacchi hanno origine nel passaggio alla chirurgia.

Come parte della loro valutazione, le convulsioni sono state indotte dall’insonnia: i partecipanti sono stati tenuti svegli durante la notte fino a che non hanno avuto un attacco convulsivo, quindi l’attività elettrica nel cervello potrebbe essere debitamente monitorata.

Nell’esperimento, ai partecipanti è stato assegnato un compito di categorizzazione in cui hanno dovuto ordinare diverse immagini in categorie il più rapidamente possibile.

Mentre svolgono questo compito, i ricercatori si sono concentrati sull’attività elettrica nel lobo temporale del cervello, che è stato associato alla memoria e al riconoscimento visivo.

Gli scienziati hanno notato che più i sonnolenti sono diventati più stanchi e più stanchi, più è difficile trovare il compito e più lentamente si sono esibiti.

“Siamo rimasti affascinati dall’osservare come la deprivazione del sonno smorzasse l’attività delle cellule cerebrali”, spiega l’autore dello studio principale Dr. Yuval Nir. Egli osserva che con la mancanza di sonno, le cellule cerebrali sono diventate “lente” e la comunicazione neurale è stata compromessa.

“A differenza della solita reazione rapida,” dice, “i neuroni hanno risposto lentamente, sparando più debolmente, e le loro trasmissioni si sono protratte più a lungo del solito”.

Quello che è successo è che l’insonnia ha influito sul modo in cui i neuroni codificano informazioni regolari e su come gli stimoli visivi sono stati trasposti nella percezione cosciente.

L’attività nei cervelli stanchi è ‘assonnata’

Gli scienziati hanno citato alcune ricerche esistenti che dettagliavano alcuni effetti potenzialmente catastrofici della privazione del sonno. Quando i conducenti sono stanchi, ad esempio, la loro attenzione vaga perché i neuroni non rispondono in modo efficiente come dovrebbero.

“L’atto stesso di vedere il pedone rallenta nel cervello sovraffaticato del conducente, richiede più tempo al suo cervello per registrare ciò che percepisce”, afferma il dott. Nir.

Si è anche scoperto che le cellule cerebrali che impiegavano più tempo a rispondere erano associate a onde cerebrali più lente – come quelle normalmente registrate durante le fasi del sonno – e che questa attività al rallentatore era localizzata nelle stesse regioni cerebrali.

“Onde lente come il sonno hanno disturbato l’attività cerebrale dei pazienti e l’esecuzione dei compiti”, spiega il dott. Fried. “Questo fenomeno suggerisce che alcune regioni selezionate del cervello dei pazienti stessero sonnecchiando, causando delle interruzioni mentali, mentre il resto del cervello era sveglio e correva come al solito.”

I ricercatori sostengono che la privazione del sonno dovrebbe essere presa molto più seriamente di quanto non sia attualmente, dati i suoi reali pericoli. Il dottor Fried arriva persino a paragonare la mancanza di sonno con l’overdrinking e a suggerire che dovrebbero essere intraprese azioni più adeguate contro la guida stanca.

“Il sonno inadeguato esercita un’influenza simile sul nostro cervello come bere troppo”, afferma il dott. Fried. “Tuttavia non esistono standard legali o medici per identificare i conducenti stanchi sulla strada nello stesso modo in cui indirizziamo i conducenti ubriachi”.

Gli scienziati osservano che gli studi futuri dovrebbero mirare a indirizzare i meccanismi cerebrali responsabili della memoria e della percezione, nonché a mettere in primo piano i benefici di una buona notte di sonno.

Like this post? Please share to your friends: