Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché gli uomini potrebbero trovare il multitasking più impegnativo

C’è una credenza popolare che le donne siano migliori degli uomini nel multitasking. Sebbene alcuni studi abbiano sostenuto questa affermazione, altri scienziati hanno indicato le prove insufficienti per questa generalizzazione. Una nuova ricerca supporta il primo, suggerendo che potrebbe essere più difficile per il cervello maschile passare da un compito all’altro, poiché utilizza più risorse per farlo.

[uomo multitasking]

Usiamo comunemente il termine “multitasking” per riferirsi alla capacità del nostro cervello di svolgere più compiti contemporaneamente.

Tuttavia, da un punto di vista psicologico, il “cambio di attività” può essere un termine più accurato. I risultati delle neuroscienze e della psicologia suggeriscono che durante il cosiddetto “multitasking”, il cervello svolge effettivamente un compito, si ferma e passa a quello successivo, il tutto in un brevissimo lasso di tempo.

C’è una credenza popolare secondo cui le donne sono più brave a cambiare compito rispetto agli uomini, ma alcuni scienziati hanno sostenuto che questa rimane una generalizzazione popolare senza prove scientifiche a sostegno. Ad esempio, una vasta panoramica della letteratura scientifica “non è stata in grado di trovare un singolo rapporto scientifico a supporto di questa visione”.

Tuttavia, altri studi suggeriscono che le donne hanno prestazioni migliori almeno in alcuni paradigmi multitasking. Uno di questi studi ha rilevato che le donne hanno superato gli uomini in test basati su computer, a commutazione di attività, così come nei test multitasking “carta e matita”. Gli uomini erano anche molto più lenti nel passaggio da un compito all’altro.

Una nuova ricerca analizza la quantità di energia che il cervello maschile spende durante l’esecuzione di test di cambio di attività, nonché quali aree del cervello sono attivate quando lo fanno.

Studiare lo scambio di mansioni in uomini e donne

Un nuovo studio condotto da ricercatori della High School of Economics (HSE) di Mosca, in Russia, analizza le differenze di genere nelle prestazioni delle attività di passaggio di attenzione.

La ricerca è stata condotta da Svetlana Kuptsova e Maria Ivanova, del Laboratorio neurolinguistico HSE.

I ricercatori hanno esaminato 140 uomini e donne di età compresa tra i 20 ei 65 anni, di cui 69 uomini.

Ai partecipanti è stato chiesto di eseguire un test di commutazione di attività all’interno di una macchina di risonanza magnetica funzionale (fMRI) e di imaging a contrasto di sangue-ossigeno-livello (BOLD) è stata utilizzata per osservare l’attività nel cervello.

Ai partecipanti è stato chiesto di spostare l’attenzione tra due obiettivi, in un ordine pseudo-casuale. Dovevano classificare le figure in base alla forma, vale a dire rotonda o quadrata, e classificarle in base al numero, cioè uno o due.

I ricercatori hanno calcolato i volumi di materia grigia e bianca nell’intero cervello e in aree selezionate.

Inoltre, hanno condotto test neuropsicologici, come il D-KEFS Trail Making Test, per misurare la capacità di commutazione dell’attenzione dei partecipanti e il test della scala di memoria Wechsler per misurare la loro memoria uditiva e visiva.

Gli uomini usano più risorse cerebrali per passare da un’attività all’altra

Indipendentemente dal sesso o dall’età, il cambio di attività attiva di solito le aree prefrontali dorsolaterali del cervello, i lobi parietali inferiori e il giro occipitale inferiore.

Lo studio ha rivelato che rispetto alle donne, i giovani di età compresa tra i 20 ei 30 anni avevano una maggiore attivazione bilaterale nelle aree prefrontali e una maggiore attività nel lobo parietale destro e nell’insula. Inoltre, gli uomini hanno mostrato l’attivazione bilaterale dell’area motoria supplementare, che non è stata osservata nelle donne.

L’età sembrava influenzare in qualche modo i risultati. L’attivazione cerebrale osservata è stata localizzata negli adulti più giovani, ma è diventata più diffusa con l’età. Nessuna correlazione tra i segnali BOLD e l’età è stata notata tra i 20 ei 40 anni nelle donne e tra i 20-55 negli uomini. Tuttavia, dopo questa età, i ricercatori hanno riscontrato un aumento del numero di aree cerebrali attivate sia negli uomini che nelle donne.

Anche le differenze di genere sono diventate trascurabili con l’età, in quanto i ricercatori non hanno registrato differenze significative tra uomini e donne di età compresa tra 51 e 65 anni.

Infine, l’analisi ha mostrato una diminuzione del grigio, ma non della materia bianca con l’età.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista peer-reviewed

Gli uomini possono trovare più difficile il cambio di attività

La ricerca suggerisce che gli uomini potrebbero trovare più difficile passare da un compito all’altro, poiché il cervello maschile sembra aver bisogno di più potenza cerebrale quando lo fa.

“Sappiamo che un’attivazione e un coinvolgimento più forti di aree supplementari del cervello sono normalmente osservati in soggetti che affrontano compiti complessi I nostri risultati suggeriscono che le donne potrebbero trovare più facile degli uomini spostare l’attenzione e il loro cervello non ha bisogno di mobilitare risorse extra nel fare così, al contrario del cervello maschile. “

Svetlana Kuptsova

Sebbene la differenza riscontrata nel tempo di reazione sia scientificamente rilevante, nella vita di tutti i giorni è appena percettibile, spiega Kuptsova, ad eccezione forse di “circostanze veramente stressanti o situazioni critiche che richiedono frequenti passaggi di attenzione”.

Le ragioni di questa differenza rimangono sconosciute. Come sostiene Kuptsova, anche se i fattori evolutivi e sociali potrebbero svolgere un ruolo, qualsiasi ipotesi sul perché la natura potrebbe averne bisogno sono pura speculazione.

Scopri come il multitasking multimediale è stato collegato ai cambiamenti cerebrali.

Like this post? Please share to your friends: