Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché ho freddo quando nessun altro è?

Guanti? Dai un’occhiata. Cappello? Dai un’occhiata. Strati termici? Dai un’occhiata. Ma perché sono l’unico preparato per l’assalto di una tempesta di neve? Il freddo colpisce tutti in modo diverso.

La donna si sente fredda

Con Halloween ormai fermamente alle nostre spalle, ci troviamo sul pendio scivoloso in inverno in piena regola. Mentre molti di noi amano passare il tempo all’aria aperta in una giornata invernale frizzante, poche persone amano sentirsi fredde.

La nostra capacità di rilevare i cambiamenti di temperatura è essenziale per la nostra sopravvivenza. Piccoli cambiamenti nella nostra temperatura interna possono avere effetti negativi, mettendoci a rischio di colpi di calore in estate o ipotermia in inverno.

Per mantenere una temperatura corporea costante, i nostri corpi hanno sviluppato meccanismi sofisticati per rilevare e rispondere alle fluttuazioni di temperatura.

I nervi nella nostra pelle sono la nostra prima linea di difesa. Raccolgono i cambiamenti di temperatura e trasmettono queste informazioni al cervello.

Eppure la nostra percezione del freddo è molto soggettiva. Perché alcune persone iniziano a rabbrividire al solo pensiero di precipitare le temperature, mentre altri si accalcano sugli strati caldi solo con riluttanza?

Cosa succede quando abbiamo freddo?

Una volta che il cervello è stato informato di una caduta di temperatura, invia segnali ai nostri vasi sanguigni per limitare il flusso di sangue alla pelle.

John Castellani, Ph.D. e Andrew Young, Ph.D. – Sia dalla divisione di Medicina Termale e di Montagna dell’Istituto per la ricerca sull’Esercito degli Stati Uniti di Medicina Ambientale di Natick, MA – spiegano che questo processo di vasocostrizione impedisce ulteriori perdite di calore e protegge il nucleo del corpo.

La vasocostrizione nelle dita delle mani e dei piedi è una sensazione che molti probabilmente conoscono mentre si allungano verso guanti e calzini spessi.

Oltre a limitare il flusso di sangue alla pelle, iniziamo a tremare. Queste contrazioni muscolari involontarie e ritmiche sollevano il calore per riscaldare i nostri corpi.

Queste risposte fisiologiche sono cablate nel nostro sistema ma variano da persona a persona. Quindi, cosa influenza il modo in cui rispondiamo al freddo?

La forma del corpo

Le dimensioni contano davvero quando si tratta di freddo. Più grande è la superficie corporea di una persona, più calore si perde.

Questo è strettamente legato alla dimensione del tessuto adiposo sottocutaneo o al grasso sotto la superficie della nostra pelle. Il grasso è un ottimo materiale isolante. Più grasso sottocutaneo ha una persona, migliore è il loro isolamento.

La differenza tra il modo in cui uomini e donne rispondono al freddo è in parte dovuta alla forma del corpo.

Prendiamo un uomo e una donna con la stessa massa corporea e superficie comparabile. Poiché la donna avrà probabilmente più grasso sottocutaneo, sarà meglio isolata contro il freddo.

Se confrontiamo questo scenario con un uomo e una donna con la stessa quantità di grasso sottocutaneo, la donna avrà probabilmente una superficie maggiore ma una massa corporea più piccola e perderà il calore più rapidamente.

Sesso ed età

Tuttavia, il sesso ha un ruolo da svolgere quando si tratta delle nostre estremità, dove la vasocostrizione è più pronunciata nelle donne. Infatti, vi è evidenza da un ampio studio che coinvolge i gemelli per suggerire che le dita fredde e le dita dei piedi sono, in parte, determinate dai nostri geni.

Le fluttuazioni degli ormoni contribuiscono anche a come sentiamo il freddo. Le risposte delle donne al freddo variano durante i loro cicli mestruali. Negli uomini, livelli più alti di testosterone possono ridurre la sensibilità al freddo desensibilizzando uno dei principali recettori del freddo, TRPM8, nella pelle.

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare la malattia di Raynaud, che lascia le persone colpite con dita o dita prevalentemente fredde quando le temperature scendono. Le cause esatte della malattia di Raynaud sono sconosciute.

A partire dai 60 anni circa, la capacità dei nostri corpi di conservare il calore e percepire il freddo inizia a declinare.

Anche gli anziani non iniziano a rabbrividire fino a quando la temperatura è molto più bassa, rispetto alle loro controparti più giovani, e hanno anche difficoltà a riscaldarsi.

Come abituarsi al freddo

Quando i nostri corpi sono esposti ripetutamente a temperature fredde, alla fine si adattano – cioè, se non si ha la malattia di Raynaud. Ma non stiamo parlando di spuntare fuori per 5 minuti una volta al giorno mentre passiamo il resto del nostro tempo coccolati alla stufa.

Molti residenti che vivono in regioni polari hanno una risposta meno pronunciata al freddo, Drs. Castellani e Young spiegano. Continuano a tremare e limitano il flusso sanguigno alla pelle, ma in misura minore.

Ci sono altri due modi in cui il corpo può adattarsi alle temperature in calo: aumentando la generazione di calore metabolico o la conservazione del calore.

Il modo in cui un individuo reagisce al freddo ripetuto è probabilmente fino alla portata della perdita di calore dal corpo, ma c’è ancora molto che i ricercatori non sanno su come i nostri corpi percepiscono e si adattano alle basse temperature.

Quindi, se tendi a sentire il freddo, potresti provare a passare del tempo fuori per costruire una tolleranza. In alternativa, prendi i tuoi guanti e mettili su per tenere a bada il freddo.

Comunque tu scelga di affrontare l’inevitabile inizio dell’inverno, speriamo che tu possa goderti il ​​tuo tempo all’aria aperta.

Like this post? Please share to your friends: