Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché il tempo vola quando ti diverti

Anche se sappiamo che i secondi di un orologio segnano sempre il ritmo normale, molti di noi hanno sperimentato la “quarta dimensione”, che è tutt’altro che ordinaria. Avete mai aspettato in fila o seduti in una riunione noiosa e il tempo sembra essersi appena spostato? O che dire di quando ti stai divertendo così tanto da perdere completamente il senso del tempo?

Un nuovo studio della scienza psicologica suggerisce che il vecchio detto “il tempo vola quando ci si diverte” potrebbe essere vero, con una leggera svolta: il tempo vola quando si ha un divertimento motivato dagli obiettivi.

Quando le persone stanno vivendo emozioni o stati positivi, sentono che il tempo passa più veloce di quando provano sentimenti negativi, secondo la ricerca precedente. Tuttavia, nuove ricerche hanno dimostrato che non tutti gli stati positivi sono considerati uguali.

I sentimenti di appagamento o serenità sono sicuramente emozioni positive, tuttavia, non sono considerati molto alti in quello che gli esperti chiamano motivazione di approccio. In altre parole, questi sentimenti non fanno desiderare alle persone di uscire e raggiungere un obiettivo.

Il desiderio e l’eccitazione sono considerati molto alti nella motivazione dell’approccio perché fanno desiderare alla gente di realizzare qualcosa.

Le persone si sentono come se il tempo passasse rapidamente quando sono particolarmente in quegli stati che sono molto motivati ​​dall’approccio, ipotizzati scienziati psicologi Philip Gable e Bryan Pool dell’Università dell’Alabama.

Per testare la loro ipotesi, hanno condotto una serie di tre esperimenti che hanno pubblicato nel numero di agosto 2012 di Psychological Science, una rivista dell’Association for Psychological Science.

Un esperimento ha addestrato i partecipanti a distinguere tra le immagini mostrate per un periodo di tempo “breve” (400 ms) o “lungo” (1600). Le immagini neutre (forme geometriche) che erano o positive ma a basso livello di motivazione (come i fiori), o che erano positive e alte nella motivazione di approccio (deliziosi dessert) sono state mostrate ai partecipanti. Dovevano determinare se ciascuna immagine veniva visualizzata per un breve o lungo periodo di tempo.

Come previsto, i partecipanti hanno percepito le forme geometriche neutre e le immagini piacevoli del fiore come se fossero state esposte per un periodo di tempo più lungo rispetto alle immagini allettanti dei dessert.

I risultati hanno anche mostrato che la quantità di tempo percepita per le immagini allettanti era correlata al tempo che era stato quando i partecipanti hanno mangiato l’ultima volta. Se i partecipanti hanno mangiato di recente, cosa che ha abbassato la loro motivazione di approccio al cibo, hanno giudicato le immagini dei dolci come se fossero state esposte per un periodo di tempo più lungo rispetto a quelle che erano più affamate.

È stato condotto un secondo studio che ha confermato questi risultati; i partecipanti hanno riferito che il tempo passava più velocemente quando sono stati mostrati i dessert, aspettandosi di mangiare quei dessert più tardi. Questo dimostra che il nostro desiderio di avvicinarci a qualcosa fa davvero volare il tempo velocemente.

Questa sensazione che il tempo si muove più velocemente sembra essere il risultato specifico del nostro desiderio di approcciare o perseguire qualcosa, non un effetto più generale di maggiore attenzione o eccitazione fisiologica. Un terzo studio ha rilevato che la percezione del tempo da parte delle persone non si è accorciata quando hanno osservato immagini che hanno suscitato emozioni molto spiacevoli, che possono rendere le persone più vigili e attente.

L’alta motivazione dell’approccio degli stati fa sembrare che il tempo stia passando velocemente perché limita i nostri processi di memoria e attenzione, che interrompono pensieri e sentimenti che non sono correlati, secondo Gable e Pool.

La riduzione del tempo che percepiamo potrebbe potenzialmente aiutarci a persistere per periodi di tempo più lunghi nel perseguire obiettivi adattativi importanti, come acqua, cibo e compagnia

Gable ha concluso:

“Anche se tendiamo a credere che il tempo vola quando ci divertiamo, questi studi indicano che cos’è il tempo piacevole che lo fa andare più rapidamente. Sembra essere la ricerca dell’obiettivo o l’azione diretta verso il successo sei impegnato in questa faccenda: essere contento o soddisfatto non può far volare il tempo, ma essere eccitato o perseguire attivamente un oggetto desiderato può farlo “.
Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: