Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché l’acqua potabile è importante?

Mantenere idratato è fondamentale per la salute e il benessere, ma molte persone non consumano abbastanza liquidi ogni giorno.

Circa il 60 percento del corpo è costituito da acqua e circa il 71 percento della superficie del pianeta è coperto dall’acqua.

Forse è la natura onnipresente dell’acqua che significa bere abbastanza ogni giorno non è in cima alle liste di priorità di molte persone.

Fatti veloci sull’acqua potabile

  • Gli umani adulti hanno il 60% di acqua e il nostro sangue è il 90% di acqua.
  • Non esiste una quantità d’acqua approvata universalmente che deve essere consumata giornalmente.
  • L’acqua è essenziale per il funzionamento dei reni.
  • Quando si disidrata, la pelle può diventare più vulnerabile a disturbi della pelle e rughe.
  • Bere acqua invece di soda può aiutare con la perdita di peso.
  • In un questionario CDC, il 7% degli intervistati ha riferito di non bere acqua per niente al giorno.

Benefici

Acqua potabile della donna

Per funzionare correttamente, tutte le cellule e gli organi del corpo hanno bisogno di acqua.

È anche necessario per:

  • lubrificare le articolazioni
  • forma la saliva
  • fornire ossigeno in tutto il corpo
  • attutire il cervello, il midollo spinale e altri tessuti sensibili
  • regolare la temperatura corporea
  • produrre ormoni e neurotrasmettitori
  • aiutare il cibo a passare attraverso l’intestino
  • sciacquare il corpo

Una parte dell’acqua richiesta dall’organismo viene ottenuta attraverso alimenti ad alto contenuto di acqua, come zuppe, pomodori, arance, ma la maggior parte proviene da acqua potabile e altre bevande.

Durante il funzionamento quotidiano, l’acqua viene persa dal corpo e questo deve essere sostituito. Notiamo che perdiamo acqua attraverso attività come sudorazione e minzione, ma l’acqua si perde anche quando si respira.

L’acqua potabile, sia dal rubinetto che dalla bottiglia, è la migliore fonte di liquidi per il corpo.

Latte e succhi sono anche buone fonti di liquidi, ma le bevande contenenti alcol e caffeina, come bibite, caffè e birra, non sono l’ideale perché contengono spesso calorie vuote. Bere acqua invece di soda può aiutare con la perdita di peso.

In precedenza si pensava che le bevande contenenti caffeina avessero proprietà diuretiche, il che significa che causano il rilascio di acqua da parte del corpo. Tuttavia, gli studi dimostrano che la perdita di liquidi a causa di bevande contenenti caffeina è minima.

Assunzione consigliata

La quantità di acqua necessaria ogni giorno varia da persona a persona, a seconda di quanto sono attivi, quanto sudano e così via.

Non esiste una quantità d’acqua approvata universalmente che deve essere consumata quotidianamente, ma c’è un accordo generale su quale sia una quantità sana.

Secondo le accademie nazionali statunitensi di scienze, ingegneria e medicina, l’assunzione giornaliera media raccomandata di acqua da cibi e bevande è:

  • Per gli uomini: circa 3,7 litri o 125 once
  • Per le donne: circa 2,7 litri o 91 once

Questo sarebbe circa 15,5 tazze per gli uomini e poco più di 11 tazze per le donne. Tuttavia, circa l’80% di questo dovrebbe provenire da bevande, compresa l’acqua, e il resto sarà dal cibo.

Ciò significa che:

  • Gli uomini dovrebbero bere circa 100 once o 12,5 tazze di liquido
  • Le donne dovrebbero bere circa 73 once o poco più di 9 tazze

Molte persone avranno sentito la frase “bevete otto bicchieri d’acqua da 8 once al giorno”.

Questo è un po ‘meno la raccomandazione per le donne delle Accademie Nazionali, ma “8 by 8” è un importo facile da ricordare che può mettere le persone sulla strada giusta. Ricorda, tutti i liquidi non alcolici contano per questa raccomandazione.

Danno ai reni

Sezione trasversale dei reni.

L’acqua aiuta a dissolvere minerali e sostanze nutritive, rendendole più accessibili per il corpo. Aiuta anche a rimuovere i prodotti di scarto. Queste due funzioni rendono l’acqua vitale per i reni.

Ogni giorno, i reni filtrano circa 120-150 litri di liquido.

Di questi, circa 1-2 litri vengono rimossi dal corpo sotto forma di urina e il resto viene recuperato dal flusso sanguigno.

L’acqua è essenziale per il funzionamento dei reni.

Se i reni non funzionano correttamente, i rifiuti e i liquidi in eccesso possono accumularsi all’interno del corpo.

Malattia renale cronica non trattata può portare a insufficienza renale. Gli organi smettono di funzionare e è necessaria la dialisi o il trapianto di rene.

Infezioni del tratto urinario (UTI) sono il secondo tipo più comune di infezione nel corpo. Essi rappresentano circa 8,1 milioni di visite agli operatori sanitari negli Stati Uniti ogni anno.

Se le infezioni si diffondono alle alte vie urinarie, compresi i reni, possono verificarsi danni permanenti. Infezioni renali improvvise o acute possono essere pericolose per la vita, in particolare se si verifica una setticemia.

Bere molta acqua è un modo semplice per ridurre il rischio di sviluppare una UTI e per aiutare a curare una UTI esistente.

I calcoli renali interferiscono con il funzionamento dei reni. Quando presente, può complicare le UTI. Queste UTI complicate tendono a richiedere periodi più lunghi di antibiotici per curarle, in genere durano dai 7 ai 14 giorni.

La principale causa di calcoli renali è la mancanza di acqua. Le persone che li segnalano spesso non bevono la quantità giornaliera raccomandata di acqua. I calcoli renali possono anche aumentare il rischio di malattia renale cronica.

Nel novembre 2014, l’American College of Physicians ha emesso nuove linee guida per le persone che hanno precedentemente sviluppato calcoli renali. Le linee guida affermano che l’aumento dell’assunzione di liquidi per consentire 2 litri di minzione al giorno potrebbe ridurre il rischio di recidiva della pietra di almeno la metà senza effetti collaterali.

La disidratazione si verifica se usiamo e perdiamo più acqua di quella che il corpo assorbe. Può portare a uno squilibrio negli elettroliti del corpo. Gli elettroliti, come il potassio, il fosfato e il sodio, aiutano a trasportare segnali elettrici tra le cellule. I reni mantengono stabili i livelli di elettroliti nel corpo quando funzionano correttamente.

Quando i reni non sono in grado di mantenere un equilibrio nei livelli di elettroliti, questi segnali elettrici si confondono. Questo può portare a convulsioni, che coinvolgono movimenti muscolari involontari e perdita di coscienza.

Nei casi più gravi, la disidratazione può portare a insufficienza renale, che può essere pericolosa per la vita. Le possibili complicanze dell’insufficienza renale cronica comprendono anemia, danno al sistema nervoso centrale, insufficienza cardiaca e un sistema immunitario compromesso.

effetti

Non solo i reni sono colpiti dalla mancanza di acqua.

Ecco alcune delle altre conseguenze negative della disidratazione:

  • Il sangue contiene oltre il 90 percento di acqua. Una mancanza di acqua può far sì che il sangue diventi più spesso, aumentando la pressione sanguigna.
  • Quando si disidrata, le vie aeree sono limitate dal corpo nel tentativo di minimizzare la perdita di acqua. Questo può peggiorare l’asma e le allergie.
  • La pelle può diventare più vulnerabile a disturbi della pelle e rughe premature.
  • L’intestino ha bisogno di acqua per funzionare correttamente. La disidratazione può portare a problemi digestivi, costipazione e uno stomaco eccessivamente acido. Ciò aumenta il rischio di bruciore di stomaco e ulcere gastriche.
  • La cartilagine, che si trova nelle articolazioni e nei dischi della colonna vertebrale, contiene circa l’80% di acqua. Disidratazione a lungo termine può ridurre la capacità di assorbimento degli urti delle articolazioni, portando a dolori articolari.
  • La disidratazione può influenzare la struttura e la funzione del cervello. Una disidratazione prolungata può portare a problemi di pensiero e ragionamento.

I fatti

Ecco alcuni fatti sull’acqua:

  • I bambini e i bambini hanno una percentuale più elevata di acqua rispetto agli adulti. Quando i bambini sono nati, rappresentano circa il 78 percento di acqua, ma questa percentuale scende al 65 percento dall’età di 1 anno.
  • Il tessuto grasso ha meno acqua rispetto al tessuto magro.
  • Gli uomini hanno più acqua rispetto alle donne, in percentuale.

Beviamo abbastanza acqua?

Uno studio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) nel 2013 ha analizzato i dati del National Cancer Institute del 2007 sull’Attività per gli atteggiamenti e il behaviour Survey.

Su un campione di 3.397 adulti, i ricercatori hanno scoperto:

Persona che riempie un bicchiere dal rubinetto.

  • Il 7% degli adulti non ha riportato alcun consumo giornaliero di acqua potabile
  • Il 36% degli adulti ha riferito di bere 1-3 tazze di acqua potabile al giorno
  • Il 35% degli adulti ha riferito di bere 4-7 tazze di acqua potabile al giorno
  • Il 22% degli adulti ha riferito di aver bevuto 8 tazze o più al giorno

Le persone avevano più probabilità di bere meno di 4 tazze di acqua potabile al giorno se consumavano 1 tazza o meno di frutta o verdura al giorno.

Lo studio ha solo misurato l’assunzione di acqua potabile. Mentre il fluido può essere acquisito da altre bevande, l’acqua è la fonte ideale di liquidi perché è priva di calorie, senza caffeina e senza alcool.

Il sette per cento degli intervistati ha riferito di non bere acqua per niente al giorno, e coloro che hanno bevuto un basso volume di acqua hanno anche consumato meno frutta e verdura. Ciò suggerisce che un certo numero di persone sta mettendo a rischio la propria salute non assumendo abbastanza liquidi.

Anche se gli intervistati che dichiarano bassi livelli di assunzione di acqua stavano ottenendo abbastanza liquidi, è probabile che lo otterrebbero da fonti che potrebbero potenzialmente compromettere la loro salute in altri modi.

“Il requisito biologico per l’acqua può essere incontrato con acqua naturale o attraverso cibi e altre bevande”, scrivono gli autori dello studio. “I risultati di precedenti studi epidemiologici indicano che l’assunzione di acqua può essere inversamente correlata al volume di bevande caloricamente addolcite e ad altri apporti di liquidi”.

Like this post? Please share to your friends: