Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché le coppie si dividono? E perché stanno insieme?

Perché e in che modo i partner decidono di separarsi? Un nuovo studio indaga sulle ragioni alla base di questo complesso processo decisionale. I risultati portano preziose informazioni sulla soddisfazione della relazione e sul processo decisionale.

uomo che sostiene il suo compagno

Ricercatori dell’Università dello Utah a Salt Lake City, in collaborazione con scienziati dell’Università di Toronto in Canada, hanno esaminato le ragioni che informano la decisione di lasciare o restare in una relazione e l’esperienza soggettiva di questo processo deliberativo.

La ricerca consisteva in due fasi ed era guidata dal Prof. Samantha Joel, dell’Università dello Utah. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Studiare i pro ei contro

Nella prima fase della ricerca, a un campione eterogeneo di partecipanti sono state poste domande a risposta aperta sui motivi per cui avrebbero continuato e sui motivi per cui avrebbero interrotto una relazione.

Lo studio ha esaminato tre gruppi di intervistati. Il primo gruppo consisteva di 135 studenti universitari a cui venivano chiesti potenziali motivi per cui una persona potesse decidere di rimanere o lasciare una relazione.

Nel secondo gruppo, 137 studenti universitari che avevano previsto una rottura in un momento precedente allo studio sono stati invitati a fornire risposte alle domande a risposta aperta.

Il terzo gruppo era composto da lavoratori americani meccanici turchi che stavano valutando se interrompere o meno al momento dello studio.

I ricercatori hanno creato uno schema di codifica per motivi di permanenza e partenza basati su temi di risposta che sono riapparsi nei tre campioni, tralasciando una “categoria incodificabile” per risposte particolarmente ambigue. Ciò ha lasciato i ricercatori con un totale di 27 diversi motivi per restare e 23 ragioni per andarsene.

Nella seconda fase dello studio, il Prof. Joel e colleghi hanno usato questi motivi per redigere un questionario, che poi hanno somministrato a un altro gruppo di partecipanti. Questi intervistati stavano anche deliberando se interrompere o meno la relazione in cui si trovavano al momento dello studio.

Inoltre, questo ultimo gruppo era composto da persone che frequentavano o si sposavano. Quelli che erano in una relazione di fidanzamento erano stati una coppia per una media di 2 anni, mentre i coniugi erano stati sposati o insieme per 9 anni, in media.

Le ragioni variano, l’ambivalenza rimane la stessa

Entrambi gli studi hanno confermato che, nel complesso, i partecipanti avevano ragioni pro e contro simili. I motivi principali per cui volevo rimanere erano l’intimità emotiva, o il sentirsi vicini al partner, l’investimento (che era una categoria che includeva un sottogruppo di ragioni come le barriere logistiche e l’abitudine) e un sentimento di impegno o obbligo nei confronti della famiglia.

Al contrario, i motivi principali della partenza riguardavano la personalità del partner, le violazioni della fiducia (come l’infedeltà o l’ingannevolezza) e il ritiro del partner (manifestato dal fatto che il partner non è più solidale o affettuoso).

Le ragioni per andarsene erano in gran parte le stesse nei due gruppi: quelli che frequentavano e quelli che erano sposati. Tuttavia, c’erano differenze tra i due gruppi quando si trattava di ragioni per rimanere.

I partner che frequentavano sembravano concentrarsi su fattori positivi, cosiddetti basati sull’approccio, come i tratti della personalità che amavano nel loro partner, la vicinanza emotiva che sentivano di avere e il divertimento che avevano tratto dalla relazione.

I partner sposati, d’altra parte, sembravano più concentrati sui vincoli nella loro decisione; hanno menzionato gli investimenti (comprese le barriere logistiche), i doveri familiari e le responsabilità e una paura dell’incertezza.

In tutti i gruppi, circa il 50% dei partecipanti ha segnalato un numero paragonabile di ragioni sia per la permanenza che per la partenza, a indicare che l’ambivalenza è un’esperienza molto comune.

“La cosa che mi interessava di più era il modo in cui le persone si sentivano ambivalenti riguardo alle loro relazioni: si sentivano davvero lacerate, rompere una decisione davvero difficile, puoi guardare una relazione da fuori e dire” hai dei problemi davvero irrisolvibili, dovresti rompere ‘ma dall’interno è una cosa davvero difficile da fare e più a lungo sei stato in una relazione, più difficile sembra essere. “

Prof. Samantha Joel

Parlando del significato della ricerca, il prof. Joel afferma: “La maggior parte della ricerca sulle scioglimenti è stata predittiva, cercando di prevedere se una coppia sta insieme o no, ma non sappiamo molto sul processo decisionale – quali sono le relazione specifica pro e contro che la gente sta soppesando “.

“Gli umani si innamorano di una ragione”, aggiunge. “Da una prospettiva evolutiva, per i nostri antenati la ricerca di un partner può essere stata più importante della ricerca del partner giusto, potrebbe essere più facile entrare nei rapporti che uscirne fuori”.

Like this post? Please share to your friends: