Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché le lesbiche sembrano essere a maggior rischio di sviluppare il cancro al seno?

Studi e relazioni sul fatto che essere lesbiche o bisessuali siano associate a un rischio più elevato di cancro al seno sono state irregolari e spesso con risultati contraddittori. I registri, le indagini e le banche dati sui tumori nazionali non raccolgono di routine informazioni sull’orientamento sessuale delle persone.

Mentre i sostenitori di gruppi etnici, razziali e geografici sono riusciti a raccogliere dati e a sostenere il loro caso in modo convincente riguardo alle disparità nello stato di salute e all’accesso a cure sanitarie adeguate, quelli della comunità lesbica non possono – semplicemente, perché non esiste un modo semplice per raccogliere tali informazioni .

Liz Margolies scrive nel National LGBT Cancer Network e spiega che mentre alcune ricerche incentrate sui rischi e sulle esperienze del cancro lesbico sono state condotte, i risultati sono stati “incoerenti” a causa delle piccole dimensioni del campione.

Liz Margolies sollecita le organizzazioni, come il Lesbian Health Research Center presso l’UC Medical Center di San Francisco, e altri come loro, a svolgere ulteriori studi su larga scala su lesbiche e cancro. Con finanziamenti adeguati, potrebbero essere raggiunti alcuni studi veramente rilevanti con risultati accurati.

La National Cancer Network LGBT afferma che una teoria del “cluster di fattori di rischio” continua a dominare tra alcune persone riguardo alle lesbiche e al rischio di cancro al seno. Probabilmente questa teoria prevarrà fino a quando non verranno eseguiti accurati studi su larga scala.

Le donne lesbiche ed eterosessuali non sono diverse dal punto di vista fisiologico o genetico. Pertanto, qualsiasi variazione nei tassi di cancro al seno molto probabilmente deriva dallo stress e dallo stigma di vivere in una società in cui l’omofobia e la discriminazione continuano ad avere un impatto. I comportamenti che ne derivano hanno probabilmente un effetto sul rischio di cancro, che potrebbe forse addirittura raddoppiare le probabilità di sviluppare un cancro se assunti insieme. È importante sottolineare che senza un’adeguata ricerca, questi fattori sono solo teorici.

Margolies sottolinea che nessuno è sicuro di quale impatto possa avere ogni possibile fattore di comportamento. Un numero considerevole di persone con fattori di rischio stabiliti non ha mai avuto un cancro.

I quattro fattori di rischio più comunemente citati usati nelle ricerche recenti che si sono concentrati sulle lesbiche e sul rischio di cancro includono:

  • Fumo – secondo alcuni studi, il fumo regolare di tabacco è più diffuso tra gli adulti lesbiche rispetto alle donne eterosessuali
  • Il consumo di alcol – l’abuso di alcool e / o un consumo regolare di alcol sembra essere più comune tra le lesbiche, rispetto ad altre donne, secondo alcune ricerche
  • Peso corporeo: si dice che le lesbiche siano in media più probabili a pesare più delle altre donne della stessa età e altezza
  • Gravidanza e allattamento al seno: è probabile che una percentuale più elevata di donne eterosessuali allatta al seno durante la loro vita, rispetto alle donne lesbiche. L’allattamento al seno ha dimostrato di ridurre il rischio di cancro al seno. Liz Margolies afferma che le lesbiche hanno meno probabilità di rimanere incinte e avere figli prima che abbiano 30 anni (a quanto pare, una gravidanza a pieno termine prima dei 30 anni riduce il rischio di cancro).
  • Screening del cancro: gli studi hanno costantemente dimostrato che una percentuale inferiore di lesbiche riceve mammografie, pap test e colonscopie rispetto ad altre donne. Liz Margolies ritiene che ciò sia dovuto in parte ai problemi finanziari e alla credenza della lesbica che non sarà accolta favorevolmente, sia per paura percepita che per esperienza precedente.

Anche se una lesbica ha una relazione stabile, è meno probabile che abbia una copertura assicurativa sanitaria dal suo partner perché non sarà vista come una moglie. Con le donne eterosessuali, c’è una maggiore possibilità, se il suo partner riceve la copertura attraverso il suo datore di lavoro, che sarà coperta anche lei.

Un numero significativo di lesbiche non cerca assistenza medica per esami di routine a causa della paura di essere evitati o maltrattati dallo staff sanitario. Come accennato in precedenza, questo è a volte il risultato di esperienze reali, scrive Liz Margolies.

Anche se gli screening di routine sono forniti gratuitamente, fino a quando gli operatori sanitari non capiscono ciò che è rilevante per la vita e le esigenze di una lesbica, ad esempio fornendo moduli rilevanti, è improbabile che cambieranno molto – i tassi di screening tra le lesbiche continueranno ad essere inferiore rispetto alle donne eterosessuali.

La tragica conseguenza di questi ostacoli allo screening di routine è che una percentuale più alta di lesbiche viene diagnosticata con il cancro nelle fasi successive della malattia, quando è molto più difficile da trattare.

Liz Margolies, che vive a New York, immagina come deve essere una lesbica che vive in una piccola città, viene diagnosticata un cancro e cerca gruppi di supporto, solo per scoprire che tutti sono indirizzati alle donne eterosessuali.

Scritto da Christian Nordqvist (adattato da un testo scritto da Liz Margolies)

Like this post? Please share to your friends: