Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perché una dieta ricca di DHA migliora la memoria?

In uno studio pubblicato sulla rivista Applied Physiology, Nutrition and Metabolism, i ricercatori dell’Università di Alberta affermano di aver scoperto una potenziale spiegazione del perché una dieta ricca di DHA, un acido grasso omega-3 presente nei pesci, migliora la memoria.

In uno studio su animali, il ricercatore principale Yves Sauve e colleghi hanno scoperto topi che consumavano una dieta ad alto contenuto di DHA avevano il 30% in più di DHA nella regione dell’ippocampo del cervello, rispetto ai topi nutriti con una dieta regolare e sana.

Sauve, ricercatore presso la Facoltà di Medicina e Odontoiatria, che lavora nel dipartimento di fisiologia, nel dipartimento di oftalmologia e nel Centro di Neuroscienze, ha spiegato:

“Volevamo scoprire come l’assunzione di pesce migliora la memoria, abbiamo scoperto che le cellule di memoria nell’ippocampo potevano comunicare meglio l’una con l’altra e messaggi di relè migliori quando i livelli di DHA in quella regione del cervello erano più alti. con una dieta ad alto contenuto di DHA. “
I ricercatori hanno confermato che quando il DHA viene aggiunto a una dieta, depositi supplementari di DHA vengono depositati nel cervello. Sauve spiega che consumare più pesce o assumere integratori potrebbe impedire ai livelli di DHA di diminuire nel cervello con l’avanzare dell’età.

In uno studio precedente, Sauve ha scoperto che il consumo di DHA blocca una molecola tossica nella parte posteriore dell’occhio che causa l’accumulo di perdita della vista legata all’età.

Cos’è il DHA?

DHA sta per acido docosaesaenoico – è un acido grasso omega-3 che è un componente strutturale principale della retina, dello sperma, dei testicoli e della corteccia cerebrale cerebrale umana.

Oli di pesce oceanici di acqua fredda sono ricchi di DHA. Il DHA può anche essere prodotto commercialmente da microalghe.

I seguenti alimenti sono ricchi di DHA:

  • Alghe
  • acciughe
  • Tonno rosso o alalunga
  • Latte materno (anche latte artificiale per lattanti)
  • Caviale o uova di pesce
  • aringa
  • salmone
  • sardine
  • Pesce spada

Oli di pesce DHA e morbo di alzheimer: gli esperti hanno a lungo creduto che gli oli di pesce DHA assunti regolarmente possano contribuire ad alleviare i segni e i sintomi delle persone con malattia di Alzheimer. Tuttavia, un recente studio pubblicato su JAMA (Journal of American Medical Association) ha rilevato che per un periodo di 18 mesi il consumo regolare non era migliore del placebo. (Link all’articolo)

DHA e fertilità maschile – i ricercatori dell’Università dell’Illinois hanno scoperto che il consumo regolare di DHA di olio di pesce aiuta a costruire l’arco che trasforma una cellula spermatica rotonda e immatura nel super nuotatore aerodinamico con una coda extra lunga, migliorando così la fertilità maschile. (Link all’articolo)

Basso livello di DHA legato a un maggiore rischio di suicidio – gli scienziati della Uniformed Services University of Health Sciences (USU) e l’Istituto nazionale di alcolismo e abuso di alcool (NIAAA) presso il National Institutes of Health (NIH) hanno scoperto che bassi livelli di DHA possono essere collegato a un più alto rischio di suicidio tra il personale militare. Il loro studio è stato pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry. (Link all’articolo)

Scritto da Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: