Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Perdita dei denti negli anziani legata al declino mentale e fisico

I ricercatori che hanno scoperto che la perdita dei denti sembra essere legata al declino fisico e mentale degli adulti all’intrato suggeriscono che potrebbe servire come potenziale precursore del declino nell’età avanzata.

donna più anziana con i bastoni che cammina nel terreno boscoso

Nel, il team dell’University College London (UCL) nel Regno Unito descrive come hanno tratto le loro conclusioni dopo aver analizzato i dati di oltre 3.100 adulti di 60 anni e oltre residenti in Inghilterra.

I dati provengono dall’inglese Longitudinal Study of Aging (ELSA) e hanno permesso ai ricercatori di confrontare le prestazioni in test di memoria e velocità di deambulazione dei partecipanti che non avevano nessuno dei loro denti con gli equivalenti che avevano alcuni denti naturali.

L’analisi ha mostrato che i soggetti che avevano perso tutti i loro denti naturali si comportavano circa il 10% in peggioramento sia nella memoria che nella camminata rispetto alle controparti con denti naturali.

L’autore principale Dr. Georgios Tsakos, del Dipartimento di Epidemiologia e Sanità pubblica dell’UCL, dice quanto segue:

“La perdita dei denti potrebbe essere utilizzata come indicatore precoce del declino mentale e fisico nell’età avanzata, in particolare tra i 60-74 anni”.

Il legame tra la perdita totale dei denti e le peggiori prestazioni della memoria è diventato insignificante quando i ricercatori hanno preso in considerazione una vasta gamma di fattori, come età, sesso, fumo, alcol, depressione, salute fisica e – inparticolare – stato socioeconomico (reddito, istruzione e occupazione) .

Tuttavia, il legame tra perdita totale dei denti e velocità di deambulazione più bassa è rimasto significativo quando tutti questi fattori influenzanti sono stati presi in considerazione; le persone senza i loro denti naturali camminavano ancora un po ‘più lentamente con i loro coetanei.

I ricercatori hanno anche esaminato il collegamento tra la perdita di tutti i denti naturali e la scarsa memoria e una più lenta velocità di marcia 10 anni dopo. Questo è stato notevolmente più forte negli adulti di età compresa tra i 60 ei 74 anni rispetto a quelli di età compresa tra 75 e oltre.

Indipendentemente dal motivo, la perdita dei denti potrebbe essere un marker per un declino più veloce in seguito nella vita

Il dott. Tsakos afferma che le cause della perdita dei denti e del declino fisico e mentale sono spesso legate allo stato socioeconomico, sottolineando “l’importanza di determinanti sociali più ampi come l’istruzione e la ricchezza per migliorare la salute generale e generale dei membri più poveri della società”.

Tuttavia, a prescindere dalle ragioni alla base del legame tra la perdita dei denti e il declino della funzione mentale e fisica, notare la perdita eccessiva dei denti negli adulti è un’occasione per individuare quelli a più alto rischio di decelerazione più rapida nella vita, aggiunge.

“Ci sono molti fattori che possono influenzare questo declino”, suggerisce, “come lo stile di vita e i fattori psicosociali, che sono suscettibili di cambiamento”.

Nell’agosto 2014, un documento pubblicato dalle Associazioni internazionali e americane per la ricerca dentale (IADR / AADR) nei loro articoli, mentre negli ultimi 50 anni c’è stato un forte calo della perdita dei denti negli Stati Uniti, il contrasto tra ricchi e poveri è ora più forte.

La perdita totale dei denti è una condizione rara nelle famiglie ad alto reddito negli Stati Uniti al giorno d’oggi; ha contratto in modo affettivo gli stati con una povertà sproporzionatamente alta, osservano gli autori.

La malattia parodontale o gengivale è la causa più comune di perdita dei denti tra gli adulti. Uno studio del 2012 condotto dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) stima che circa la metà della popolazione adulta negli Stati Uniti ha una malattia parodontale, con casi che vanno da lievi a gravi.

La prevalenza è molto più alta in quelli che vivono al di sotto della soglia di povertà (oltre il 65%), quelli con meno di un’istruzione superiore (circa il 67%), e tra gli americani più anziani (circa il 70%), nota il CDC. Aggiungono che tra gli americani più anziani di 65 anni e più, il tasso di prevalenza è di circa il 70%.

Like this post? Please share to your friends: