Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Perdita di peso a lungo termine estremamente difficile per le donne in post-menopausa

Le donne in postmenopausa consumano naturalmente molta meno energia rispetto a quando erano più giovani, le strategie e i comportamenti che hanno seguito in precedenza nella vita non sono più sostenibili o efficaci a lungo termine, hanno riferito i ricercatori del Dipartimento di salute e attività fisica dell’Università di Pittsburgh nel Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics. Gli autori hanno aggiunto che diversi fattori funzionano contro le donne in postmenopausa quando cercano di perdere peso a lungo termine.

Diversi studi hanno esaminato il controllo del peso corporeo in post menopausa e le diete. Un team di ricercatori dell’Università dell’Illinois ha detto che le donne in dieta postmenopausale dovrebbero mangiare molte proteine ​​in modo da non perdere troppi muscoli. Un altro studio ha avvertito che le diete ad alto contenuto proteico possono favorire la perdita di densità ossea nelle donne in postmenopausa.

Anche per le donne e gli uomini più giovani di tutte le età, la riduzione dei chili inizialmente durante una dieta è solitamente ottenibile, ma mantenere il peso a lungo termine è difficile. Per le donne in postmenopausa, dicono gli autori, è molto più difficile.

Le donne in postmenopausa sono a più alto rischio di sviluppare determinate malattie e condizioni – coloro che sono in sovrappeso hanno un rischio ancora maggiore. Le donne in sovrappeso in postmenopausa che riescono a perdere peso hanno risultati di salute molto migliori. Uno studio condotto da ricercatori del Centro di prevenzione presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, nello stato di Washington, ha rilevato che coloro che hanno perso almeno il 5% del loro peso corporeo hanno mostrato una notevole riduzione dei marcatori di infiammazione.

I ricercatori hanno scoperto che i comportamenti che sono legati alla perdita di peso inizialmente durante una dieta e l’esercizio fisico, semplicemente non funzionano dopo un po ‘per le donne in post-menopausa. Ritengono che gli interventi mirati a tali comportamenti possano aiutare le donne anziane a ottenere risultati positivi a lungo termine, in particolare le donne obese.

Il ricercatore capo Bethany Barone Gibbs, PhD, ha spiegato che diversi fattori rendono la perdita di peso molto più difficile per le donne in post-menopausa:

“Non solo diminuisce la motivazione dopo aver iniziato a perdere peso, ci sono cambiamenti fisiologici, incluso un ridotto tasso metabolico a riposo, aumentano gli ormoni legati all’appetito. I ricercatori che stanno studiando il cervello ora stanno scoprendo di avere ricompense aumentate e maggiore motivazione a mangiare quando si” ho perso peso. “
Se li aggiungi tutti, più appetito, un tasso metabolico a riposo inferiore, ecc., È molto difficile per le donne in post-menopausa perdere peso e tenerlo fuori.

Tradizionalmente, i trattamenti, in particolare quelli comportamentali per l’obesità, si sono eccessivamente concentrati nel tenere basse le calorie – un approccio che può sembrare buono in teoria, ma ha risultati a lungo termine molto deludenti. Il dott. Gibbs e il team hanno deciso di scoprire quale impatto alcune alterazioni nei comportamenti alimentari e negli alimenti selezionati potrebbero avere sulla perdita di peso dopo sei e 48 mesi. Si sono concentrati solo sulle donne in post-menopausa che erano in sovrappeso.

508 donne hanno preso parte al loro studio. Sono stati collocati casualmente in due gruppi:

  • Un gruppo di educazione sanitaria – sono stati offerti seminari sulla salute generale delle donne. I seminari non includevano dettagli specifici sulla perdita di peso.
  • Un gruppo di cambiamento dello stile di vita. – i partecipanti hanno avuto diversi incontri con psicologi, fisiologi e nutrizionisti. Sono stati incoraggiati a ridurre il loro consumo di grassi, mentre allo stesso tempo aumentano il consumo di cereali integrali, frutta e verdura. Sono stati inoltre incoraggiati a fare regolarmente esercizi moderati.

Il team ha scoperto che nelle popolazioni combinate dei due gruppi, le abitudini alimentari legate fortemente alla perdita di peso a sei mesi comprendevano mangiare meno cibi fritti, meno dessert, più pesce, uscire a mangiare meno spesso e meno bevande zuccherate.

Coloro che pesavano meno a quattro anni mangiavano meno dolci e consumavano meno bevande zuccherate.

Meno carne, formaggio, più frutta e verdura: questi erano ulteriori importanti fattori predittivi di perdita di peso a lungo termine.

A 48 mesi tutti i partecipanti stavano mangiando di meno, anche quelli che non avevano perso peso. Gli autori ritengono che ciò possa essere dovuto alla crisi economica del paese: quando un’economia è nei guai, la gente mangia di meno.

Pianificare di mangiare meno cibi fritti potrebbe non durare molto a lungo, spiegano gli autori.

Il dottor Gibbs ha detto:

“Le persone sono così motivate quando iniziano un programma di perdita di peso, puoi dire” Non mangerò mai un altro pezzo di torta “, e vedi che i chili si staccano. Mangiare frutta e verdura potrebbe non fare la differenza più grande nel tuo apporto calorico, ma quel piccolo cambiamento può accumularsi e darti un risultato migliore a lungo termine, perché non è così difficile come rinunciare alle patatine fritte per sempre “.
Mangiare meno dessert e bevande zuccherate è strettamente legato alla perdita / mantenimento di peso a breve e lungo termine. Tuttavia, il consumo di più frutta e verdura e meno carne e formaggio contribuiscono ulteriormente al successo del controllo del peso corporeo a lungo termine, hanno scritto gli autori.

Dr. Gibbs ha scritto:

“Se l’obiettivo è ridurre il peso dell’obesità, l’attenzione deve essere concentrata sulle strategie a lungo termine, perché i cambiamenti nei comportamenti alimentari associati alla perdita di peso a breve termine sono probabilmente inefficaci e insostenibili”.

Cos’è la post menopausa?

La post menopausa è il periodo della vita di una donna dopo la menopausa. Molti dei suoi sintomi indesiderabili che lei avrebbe potuto provare quando era più giovane o durante la menopausa vanno via via. Tuttavia, diversi fattori, tra cui bassi livelli di estrogeni, significano che i suoi rischi di sviluppare alcune condizioni di salute e malattie aumentano, tra cui le malattie cardiache, diventando sovrappeso, diabete di tipo 2, alcuni tipi di cancro e l’osteoporosi.Il rischio di cancro al seno è ancora maggiore per le donne in postmenopausa se aumentano di peso.

Una donna è in menopausa quando non ha avuto un periodo di 12 mesi. Un esame del sangue per FDH (ormone follicolo-stimolante) è anche un altro modo per determinare se una donna è in postmenopausa. Dopo che le ovaie iniziano a spegnersi, i livelli di FSH nel sangue aumentano.

L’età media di una donna durante la menopausa è 51; alcuni possono attraversarlo prima o dopo.

La parola “menopausa” deriva dagli uomini greci (gen menos) che significano “mese”, e pausis che significa “una cessazione, una pausa”. Insieme il prefisso e il suffisso significano letteralmente “la cessazione del mensile” (periodi mensili).

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: