Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Phytophotodermatitis: Quando le piante e la luce influenzano la pelle

La fitoplodermite si verifica quando determinate sostanze chimiche vegetali provocano l’infiammazione della pelle in seguito all’esposizione alla luce solare.

La fitoplodermite prende il nome dai termini “phyto” che significa pianta, “foto” che significa luce e “dermatite” che significa infiammazione della pelle.

Conosciuto anche come malattia della calce (che non è la stessa della malattia di Lyme), i sintomi della fitoplodermatite comprendono infiammazione della pelle, prurito e formazione di vesciche.

Fatti veloci sulla fitoplodermite:

  • La maggior parte dei casi si risolve da sola, ma alcuni richiedono cure mediche.
  • I sintomi includono vesciche e cerotti.
  • Spesso viene erroneamente diagnosticato.
  • Evitare il sole è un metodo di prevenzione.

Quali sono i sintomi?

Phytophotodermatitis.

I sintomi della fitoplodermatite di solito iniziano 24 ore dopo l’esposizione e raggiungono il picco tra 48-72 ore. I sintomi possono essere lievi o gravi e includono:

  • vaste aree di vesciche
  • pizzicore
  • rossore
  • infiammazione
  • dolore
  • tenerezza
  • sensazione di bruciore
  • macchie di pelle incrostate (una volta che le vesciche hanno scoppiato)

I cerotti delle vescicole sono solitamente di forma irregolare. I motivi rappresentano le aree della pelle esposte alla sostanza chimica. Ad esempio, vesciche nel modello di gocce possono derivare dall’esposizione al succo di frutta. Le striature possono indicare che una persona ha spazzolato la loro pelle contro una pianta.

Quando i sintomi iniziali si attenuano, di solito dopo 7-14 giorni, la pelle può mostrare segni di oscuramento, che è noto come iperpigmentazione. Questo stadio di fitoplodermatite, noto come pigmentazione postinfiammatoria, può durare per molte settimane o mesi.

Alcune persone che avvertono solo una reazione infiammatoria molto lieve in seguito all’esposizione al sole potrebbero non essere nemmeno consapevoli di aver avuto una reazione. L’iperpigmentazione può essere il primo indizio che hanno sviluppato fitoplodermite.

La pelle bagnata, il sudore e il calore possono esacerbare i sintomi iniziali, mentre l’esposizione al sole può scurire la pigmentazione della pelle.

Cause e fattori di rischio

Agrumi.

La fitoplodermite si verifica quando qualcuno viene esposto a sostanze chimiche vegetali e successivamente esposto alla luce solare.

I sintomi insorgono in genere dopo il contatto diretto con la pianta, ad esempio toccando.

Molte piante e verdure contengono composti chimici che causano sensibilità alla luce solare. Tali prodotti chimici sono noti come fotosensibilizzanti. Un esempio di un fotosensibilizzatore è psoralen.

Alcune piante comuni che contengono psoraleni includono:

  • pastinaca
  • prezzemolo
  • carota
  • sedano
  • Figura
  • agrumi
  • rue comune
  • Pianta sudafricana del cespuglio della bolla
  • erba del prato

Inoltre, potrebbe essere presente in:

  • alcune fragranze
  • alcuni oli vegetali, come l’olio di bergamotto

Quando esposto alla luce UVA, lo psoralen provoca reazioni fotochimiche nella pelle. Queste risposte danneggiano le cellule della pelle e causano la morte delle cellule, portando ai sintomi sopra descritti.

Fattori di rischio

Chiunque può essere affetto da phytophotodermatitis, indipendentemente da sesso, età o razza. Tuttavia, diversi fattori possono aumentare il rischio di sperimentare la fitoplodermite.

Questi includono:

  • esposizione a determinate piante e prodotti a base vegetale
  • usando profumi o oli che contengono determinate sostanze chimiche vegetali
  • tempo soleggiato
  • impegnarsi in determinate attività

Le attività che possono attivarlo includono:

  • giardinaggio
  • cucinando
  • campeggio
  • pesca
  • escursioni a piedi
  • giochi all’aperto

Alcune professioni possono aumentare il rischio, come ad esempio:

  • agricoltori
  • giardinieri
  • guardie forestali
  • cuochi e personale di cucina
  • baristi

Diagnosi

I medici diagnosticano solitamente la fitoplodermite prendendo la storia medica di una persona e effettuando un esame fisico. Il medico chiederà informazioni sulle attività recenti, sull’esposizione alle piante, sull’esposizione al sole e sui sintomi attuali e precedenti. Esamineranno anche la pelle colpita.

Se il medico non è sicuro o desidera escludere altre condizioni, può eseguire ulteriori test, come un patch test o una biopsia cutanea. I casi lievi di phytophotodermatitis non sempre richiedono cure mediche. Tuttavia, se i sintomi sono gravi o persistono, una persona dovrebbe consultare il proprio medico.

Va notato che la fitoplodermite viene spesso mal diagnosticata. Può essere scambiato per:

  • dermatite atopica
  • ustioni chimiche
  • cellulite
  • infezioni fungine della pelle
  • altre forme di dermatite da contatto
  • scottatura

Opzioni di trattamento

Un impacco freddo applicato al collo.

La maggior parte dei casi di fitoplodermatite si risolve con un intervento minimo. Il trattamento ha lo scopo di ridurre il dolore e abbreviare la durata dei sintomi. Le opzioni di trattamento includono:

  • Evitare la ri-esposizione – è importante adottare misure per evitare la pianta che ha causato la reazione cutanea. Per molte persone questo può essere sufficiente per alleviare i sintomi.
  • Evitare altri irritanti per la pelle – potrebbe essere utile indossare indumenti di cotone ed evitare l’uso di detergenti aggressivi, saponi e prodotti per la cura personale che potrebbero peggiorare i sintomi.
  • Impacchi a freddo: posizionare un panno fresco sulla zona interessata fornisce sollievo.
  • Creme per uso topico: l’applicazione di unguenti, lozioni e creme lenitive sulla pelle può ridurre gonfiore e prurito.
  • Corticosteroidi – creme steroidei topici riducono l’infiammazione e il prurito.
  • Gli antidolorifici da banco – i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’aspirina e l’ibuprofene, possono aiutare a ridurre il dolore e il gonfiore.
  • Farmaci prescritti – un medico può prescrivere corticosteroidi orali o antistaminici per sintomi gravi.
  • Ridurre l’esposizione al sole – trascorrere meno tempo al sole, specialmente quando i raggi UV sono al massimo, può aiutare a prevenire l’iperpigmentazione che diventa ancora più scura. Indossare anche la protezione solare quando non è possibile evitare l’esposizione al sole.
  • Tempo – non esiste una cura per l’iperpigmentazione della pelle, tranne aspettare che svanisca.

Casi gravi di fitoplodermite, o che coinvolgono più del 30 percento della pelle, possono richiedere un trattamento ospedaliero che include il trattamento con corticosteroidi e fluidi per via endovenosa (IV).

La fotochemioterapia è un tipo di trattamento UV che viene utilizzato per alcune malattie della pelle, come la psoriasi. Tuttavia, non è raccomandato per la fitoplodermite perché può rendere l’iperpigmentazione ancora più scura.

Lo sbiancamento della pelle deve essere evitato anche nei casi di fitodododite, poiché questa procedura non ha dimostrato di aiutare la condizione.

In alcuni casi, la fitoplodermite può portare alle seguenti complicazioni:

  • infezione batterica e fungina della pelle
  • grave reazione allergica
  • ricorrenza dei sintomi all’esposizione successiva
  • ansia

Prevenzione

La reazione infiammatoria cutanea associata alla fitoplodermatite può essere prevenuta:

  • Identificare le piante che sono allergeni o irritanti della pelle e prendere provvedimenti per evitare il contatto con loro.
  • Lavarsi le mani con acqua e sapone naturale dopo la cottura, passare il tempo all’aperto o il contatto con le piante. Il lavaggio aiuta a rimuovere le sostanze chimiche vegetali dalla pelle.
  • Coprire la pelle con indumenti adatti quando è all’aperto e nelle aree boschive.
  • Indossare guanti durante il giardinaggio.
  • Indossare guanti per la preparazione dei cibi durante la cottura o affettare gli agrumi.
  • Usando la protezione solare prima di esporre la pelle al sole.

prospettiva

Vedere un medico se i sintomi sono:

  • grave
  • ricorrente
  • non migliorando
  • peggiorando

La fitoplodermite di solito non è grave e si risolve rapidamente. Le complicazioni sono rari. Casi ricorrenti di fitoplodermite suggeriscono che la pianta incriminata non è stata identificata.

Like this post? Please share to your friends: