Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Placenta: un “superfood” o una moda dietetica?

Sia incapsulato, mescolato in un frullato, o addirittura arrostito con verdure, ci sono molti modi in cui una donna può scegliere di consumare la sua placenta dopo il parto. Con questo organo vitale della gravidanza che si sta facendo strada come “superfood”, più nuove neomamme stanno prendendo in considerazione la pratica. Ma mangiare placenta è davvero vantaggioso?

una donna guardando un piatto con un punto interrogativo su di esso

La pratica di mangiare placenta, o “placentofagia”, è comune nel regno animale.

Si ritiene che la maggior parte dei mammiferi non umani con una placenta consumino la “placenta” – come la placenta è altrimenti nota – come un modo per sradicare il profumo del loro neonato e proteggerli dai predatori.

Altre pubblicazioni suggeriscono che gli animali mangiano la loro placenta come mezzo per recuperare i nutrienti che potrebbero essere andati persi durante il parto e per incoraggiare il legame tra madre e figlio.

Sono le ultime ipotesi che hanno reso la placentofagia attraente per le madri umane, e con celebrità come Kim Kardashian e January Jones che difendono la pratica, è più popolare che mai.

Mentre molte nuove madri salutano i benefici per la salute del mangiare la placenta, i critici dicono che la pratica potrebbe essere più dannosa che utile. Diamo un’occhiata alle prove per entrambi i lati dell’argomento.

Lo scopo della placenta

La placenta è un organo che si forma sulla parete dell’utero durante la gravidanza ed è collegato al feto dal cordone ombelicale.

un medico in possesso di una placenta

La placenta agisce come un sistema di trasporto: l’organo eroga ossigeno e sostanze nutritive dal sangue della madre al bambino in via di sviluppo, oltre a rimuovere i prodotti di scarto dal sangue del bambino.

Inoltre, la placenta protegge il bambino dal sistema immunitario della madre e produce anche ormoni che aiutano a mantenere una gravidanza sana.

Tutti questi processi sono fondamentali per la crescita e lo sviluppo del bambino.

Quando una madre partorisce, viene consegnata anche la placenta. Se la somministrazione avviene in modo vaginale, la placenta seguirà normalmente il bambino entro 5 minuti, anche se può richiedere fino a mezz’ora. Se è attraverso un parto cesareo, la placenta verrà rimossa durante l’intervento chirurgico.

Quindi cosa succede alla placenta dopo la nascita? Mentre la maggior parte degli ospedali e dei centri di parto tratta automaticamente le placente come rifiuti medici, le madri possono chiedere di conservarle.

In alcune culture, le famiglie seppelliscono la placenta per onorare questo organo epocale e celebrare la vita del loro bambino. Ma negli ultimi anni sempre più mamme optano per una pratica alquanto controverso: la placentofagia.

Polpette di placenta-in-una-pillola o placenta?

La placentofagia è semplicemente la pratica di consumare la placenta dopo la nascita. Si ritiene che la pratica derivi dall’antica medicina cinese, in cui l’organo sarebbe usato per aiutare a trattare condizioni mediche come infertilità e problemi al fegato.

capsule medicinali

Il metodo più popolare di consumo di placenta – molto favorito dalle celebrità di cui sopra – è l’incapsulamento, in cui la placenta viene disidratata, macinata e messa in una capsula. Ci sono molte ostetriche o doulas che possono fornire questo servizio.

La placenta può produrre fino a 200 pillole. Poco dopo la nascita, le madri possono prendere le loro pillole di placenta come supplemento giornaliero.

Per le madri con uno stomaco più forte, può essere preferibile mangiare la placenta cruda – in un frullato, per esempio – o cucinare e prepararlo per un pasto. La rete di servizi Doula fornisce alcune interessanti ricette placenta, tra cui lasagne placenta e spaghetti placenta.

E per quelli di voi che vogliono sapere che sapore ha la placenta, ecco una descrizione di un uomo che ha preparato e mangiato la placenta di sua moglie:

“La placenta cotta […] era in realtà piuttosto buona: mentre la stavo condendo sul tagliere, il piatto rosso brillante e quasi luminoso della placenta era più attraente di molti tagli di frattaglie che avevo affrontato, e sembrava piuttosto appetitoso “.

“La carne era ricca”, ha aggiunto, “con una qualità da manzo: era tenera, un po ‘come il petto d’arrosto e non dissimile dal BBQ del Texas”.

Pratiche di preparazione a parte, c’è davvero solo una domanda che le madri in attesa vogliono una risposta: sta mangiando la placenta benefica?

I potenziali benefici della placentofagia

Sfortunatamente, la risposta a questa domanda non è un semplice “sì” o “no”.

Esistono poche prove scientifiche a dimostrazione del fatto che la placenta-placca offre benefici per la salute. Ma la ricerca ha dimostrato che la placenta contiene una varietà di nutrienti – come fibre, proteine ​​e potassio – così come ormoni tra cui estradiolo e testosterone.

Inoltre, c’è un’abbondanza di madri in tutto il mondo che sostengono che il placentofagia ha contribuito a migliorare la loro salute postnatale, e molti avvocati credono che queste esperienze personali sconfiggano la scienza.

Quindi, quali sono i benefici per la salute di mangiare la placenta?

Miglioramento della produzione di latte

Per molte nuove mamme che desiderano allattare al seno, una delle maggiori preoccupazioni è se saranno in grado di produrre abbastanza latte per soddisfare i bisogni del loro bambino. Potrebbe aiutare la placentofagia?

Scrivendo sul suo blog, Genevieve Howland rivela come consumare la sua placenta sotto forma di pillole ha aumentato significativamente la sua scorta di latte.

una madre che allatta al seno il suo bambino

“Entro 24 ore ho notato un aumento sostanziale della produzione di latte”, scrive. “E ‘noto che la tua placenta aumenta la produzione di latte e questo è stato certamente il mio caso”.

Spiegare che la placentofagia è “nota” per aumentare l’offerta di latte potrebbe essere percepita come un’esagerazione, dal momento che uno degli studi più citati per suggerire che questo potrebbe essere il caso è più di 60 anni.

Tuttavia, ci sono molte madri che commentano i forum di genitori che dicono che la placentofagia ha avuto un effetto positivo sulla loro produzione di latte.

Umore migliorato e maggiore energia

In un blog su – che è una rivista online per mamme – Elizabeth Stark racconta di come consumare pillole di placenta ha migliorato significativamente la sua esperienza postpartum.

“Con mia sorpresa, non ho riscontrato sbalzi d’umore e ho avuto più energia mentre prendevo le pillole”, scrive. “Anche se non ho uno studio in doppio cieco, sottoposto a peer review per sostenere la mia richiesta, sono fiducioso che il consumo di placenta abbia reso le prime settimane postparto più facili”.

Parlando alla rivista online della sua esperienza dopo aver consumato pillole di placenta, la madre-di-due Alice Ross dice: “Sentivo che mi davano più energia e mi facevano sentire un po ‘più a terra. Se mi sentivo basso, stanco e piangevo , Prenderei un tablet e, sinceramente, mi sento meglio. “

In uno studio pubblicato nel 2013, i ricercatori hanno condotto un’indagine su 189 donne che avevano praticato la placentofagia, molte delle quali avevano avuto precedenti esperienze di disturbi dell’umore postnatale.

Circa il 40% delle donne nello studio ha riportato un miglioramento dell’umore post-natale dopo il consumo di placenta e quasi tutte le donne hanno dichiarato che si sarebbero impegnate nella placentofagia con il loro prossimo figlio.

Sollievo dal dolore

I sostenitori della placentofagia sostengono che la pratica può aiutare a gestire il dolore post-parto. Uno studio su ratti ha scoperto che i roditori femminili che hanno mangiato la loro placenta avevano una soglia di dolore più alta rispetto ai ratti che non mangiavano la loro placenta.

Tuttavia, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano che il consumo di placenta offra sollievo dal dolore negli esseri umani.

La placentofagia è rischiosa?

Mentre sembra esserci abbondanza di prove aneddotiche per i benefici della placentofagia, la ricerca racconta una storia diversa.

Una revisione del 2015 condotta da ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, IL, ha concluso che non vi sono prove sufficienti per suggerire che mangiare la placenta offra benefici alla salute per le neo mamme.

La conclusione è arrivata da un’analisi approfondita degli studi esistenti sugli animali e sull’uomo che hanno valutato gli effetti sulla salute della placentofagia.

Inoltre, un case report dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicato all’inizio di quest’anno indica che il consumo di placenta potrebbe persino essere dannoso, non solo per la madre, ma anche per il bambino.

batteri streptococco

Il rapporto ha rivelato che una madre che ha consumato pillole di placenta ha contratto il gruppo B (GBS) e che questo è stato trasferito a suo figlio.

Il CDC suggerisce che durante l’incapsulamento, la placenta non è stata riscaldata alla temperatura richiesta per distruggere il batterio GBS.

“Non esistono standard per l’elaborazione della placenta per il consumo”, affermano gli autori del rapporto. “[…] In questo caso, il riscaldamento per un tempo sufficiente a una temperatura adeguata a ridurre il conteggio batterico di GBS potrebbe non essere stato raggiunto.Il consumo di placenta placenta potrebbe avere un aumento della colonizzazione intestinale e della cute della GBS, facilitando il trasferimento al bambino. “

“Il processo di incapsulamento della placenta non di per sé sradica gli agenti patogeni infettivi, quindi, l’ingestione della capsula della placenta deve essere evitata”, aggiungono.

Ma in risposta a questo rapporto, un sito web che sostiene la placentofagia, scrive che il CDC non dovrebbe raccomandare di non consumare pillole placenta basate su un caso.

“Abbiamo bisogno di tenere a mente che il rapporto proviene da un caso di studio SINGLE – non è alcun tipo di precedente: se non permettiamo a un singolo caso di studio di dimostrare l’efficacia della placentofagia, allora non possiamo permettere un singolo caso studiare per gettare disparità sull’intera pratica “, argomentano.

Mangiare placenta ‘confina con il cannibalismo’

A causa della mancanza di prove scientifiche che la placentofagia sia benefica per l’uomo, molti critici ritengono che la pratica non dovrebbe essere raccomandata alle neomamme.

“Dal punto di vista medico, la placenta è un prodotto di scarto”, afferma il dott. Alex Farr, dell’università medica di Vienna, in Austria, che recentemente ha collaborato alla revisione della placentofagia umana.

“La maggior parte dei mammiferi mangia la placenta dopo la nascita, ma possiamo solo immaginare perché facciano così: dopo che la placenta è geneticamente parte del neonato, mangiare la placenta confina con il cannibalismo”.

Il Dr. Farr e il suo team di revisione notano anche che le future mamme con un interesse per la placentofagia dovrebbero essere avvertite dei potenziali rischi che la pratica pone.

“Inoltre,” aggiungono, “i medici dovrebbero informarsi su una storia di ingestione di placenta nei casi di infezioni post partum materne o neonatali come la sepsi del gruppo B.”

Camminare su “territorio sconosciuto”

Tuttavia, parlando nel 2015, la dottoressa Clark ha affermato che la decisione di dedicarsi alla placentofagia dovrebbe alla fine essere attribuita alla madre.

“Ma quello che consiglio [ai] miei pazienti che stanno pensando alla placentofagia”, spiega, “è che la realtà è che non abbiamo alcuna prova per sostenere la richiesta degli avvocati, né abbiamo alcuna prova per informare il rischi. E quindi la mia preoccupazione per loro sarebbe che questo è un territorio sconosciuto “.

Il consenso generale è che, al momento, non ci sono prove sufficienti per dire se la placentofagia sia buona o cattiva per la salute postnatale. Ma date le prove aneddotiche, molte donne credono che più nuove madri dovrebbero fare un tentativo.

Scrivendo in un blog sul sito dei genitori all’inizio di quest’anno, la madre-di-due Sarah Bregel parla della sua esperienza con l’uso di incapsulamento placenta per aiutare a scongiurare la depressione postpartum.

“[…] quando si tratta di ottenere un buon mood lift vecchio stile,” dice, “sono felice di garantire il consumo di placenta in qualsiasi giorno, e lo farei di nuovo se ne avessi l’opportunità.”

“Anche se ha avuto solo un effetto placebo su di me”, aggiunge, “mi ha totalmente aiutato ad adattarmi alla vita come madre di due figli nelle settimane successive al mio bambino. Mi è sembrato incredibile usare qualcosa che il mio corpo aveva fatto, piuttosto che buttarlo fuori con la spazzatura. “

“La giuria è ancora fuori se la placenta ha reali benefici per la salute, ma non si può negare che i nostri corpi possono fare cose incredibili”.

Quali sono i tuoi pensieri sulla placentofagia? L’hai provato? Se è così, come ti ha influenzato? Sentiti libero di aggiungere i tuoi commenti a questo articolo.

Like this post? Please share to your friends: