Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Possiamo “disattivare” la celiachia?

I ricercatori della Stanford University potrebbero aver trovato un “interruttore” chimico che, se preso di mira, potrebbe bloccare la celiachia. I risultati sono stati pubblicati nel.

celiachia scritta in un libro

La celiachia è una malattia ereditaria che colpisce circa l’1% della popolazione negli Stati Uniti.

Ciò equivale ad almeno 3 milioni di cittadini statunitensi che vivono con la malattia, la maggior parte dei quali non è stata formalmente diagnosticata.

I sintomi della celiachia sono innescati dal consumo di glutine, una proteina spesso presente nel frumento, nell’orzo e nella segale e in alcuni medicinali, vitamine e prodotti cosmetici come i balsami per le labbra.

Attualmente non ci sono terapie per la celiachia. Una volta diagnosticato, l’approccio comune è quello di attenersi semplicemente a una dieta priva di glutine.

Una nuova ricerca, tuttavia, ci avvicina alla ricerca di tali terapie; un “interruttore” chimico è stato identificato dagli scienziati guidati da Chaitan Khosla, un professore alla Stanford University in California.

Il ruolo del TG2 nella celiachia

È noto che il meccanismo alla base della celiachia coinvolge un enzima chiamato transglutaminasi 2 (TG2), che regola il glutine all’interno del piccolo intestino. Provoca una risposta autoimmune – o una in cui il sistema immunitario non riconosce il rivestimento dell’intestino tenue e lo attacca.

Il primo autore dello studio Michael Yi, uno studente laureato in ingegneria chimica alla Stanford University, ha ipotizzato, insieme ai suoi colleghi, che una scarsa comprensione del TG2 potrebbe essere la ragione per cui non esiste ancora un trattamento per la malattia celiaca.

Quindi, hanno deciso di investigare questo enzima più da vicino. In particolare, volevano vedere come si comporta il TG2 in persone sane. Per fare ciò, gli scienziati hanno costruito studi esistenti, che hanno rivelato che il TG2 può essere attivato o disattivato da un determinato legame chimico.

Il Prof. Khosla spiega che in un intestino tenue sano, anche se il TG2 è molto abbondante, è inattivo.

“Quando è diventato chiaro che anche se la proteina era abbondante, la sua attività era inesistente in un organo sano, la domanda diventava ‘Cosa accende la proteina e poi cosa trasforma la proteina?'”, Dice il prof. Khosla.

In uno studio del 2012, i ricercatori guidati dal Prof. Khosla hanno scoperto come attivare il TG2. In questo nuovo articolo, hanno scoperto come attivarlo, avvicinandosi così di più a un trattamento.

Come spegnere il TG2

Lo studio precedente del Prof. Khosla e del team ha scoperto che la rottura di un legame chimico chiamato legame disolfuro attiva il TG2. Un legame disolfuro è “un singolo legame covalente tra gli atomi di zolfo a due amminoacidi”.

In questo nuovo documento, il Prof. Khosla e il team hanno trovato un altro enzima che ricrea il legame disolfuro, disattivando così il TG2.

L’enzima – che è chiamato ERp57 – normalmente aiuta le proteine ​​a “piegarsi” o ad acquisire la loro struttura funzionale all’interno di una cellula.

Ma gli esperimenti di coltura cellulare condotti dal Prof. Khosla e dal team hanno rivelato che ERp57 spegne il TG2 dalla cellula. Secondo i ricercatori, questo solleva domande su come ERp57 funziona in persone sane.

“Nessuno in realtà capisce”, spiega il prof. Khosla, “come (Erp57) esce dalla cellula.Il pensiero generale è che viene esportato dalla cellula in piccole quantità, questa particolare osservazione suggerisce che in realtà ha un ruolo biologico al di fuori della cellula “.

I ricercatori hanno ora iniziato a esaminare i farmaci esistenti che potrebbero essere in grado di indirizzare questo “interruttore” appena scoperto.

Studi precedenti condotti su topi hanno dimostrato che la mancanza di TG2 non ha alcun effetto collaterale, quindi gli scienziati sperano che bloccarlo negli esseri umani possa essere una strada adatta per il trattamento della celiachia.

Like this post? Please share to your friends: