Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Possiamo incolpare il cibo delizioso per il nostro aumento di peso delle vacanze?

L’accesso a cibi deliziosi ci incoraggia a mangiare troppo e quindi a prendere peso, indipendentemente dal contenuto calorico del cibo – almeno, questa è la teoria. Tuttavia, nuove ricerche dimostrano che questo potrebbe non essere il caso.

[Deliziosi piatti a buffet]

Molti di noi hanno sentito il detto che “se ha un buon sapore, deve essere negativo per te”. Anche se comunemente tenuto, questo vecchio adagio potrebbe non contenere molta verità dopo tutto.

Un team di ricercatori guidati dal dott. Michael Tordoff, psicologo fisiologico presso il Monell Chemical Senses Center in Pennsylvania, ha deciso di testare questa credenza in modo più dettagliato. “La maggior parte delle persone pensa che il buon cibo che assaggia l’obesità”, spiega.

Tordoff non era convinto e quindi progettò una serie di esperimenti per vedere se la teoria contenesse acqua. Le sue scoperte sono state recentemente pubblicate sulla rivista.

Indagare sul sapore e sull’aumento di peso

È stato stabilito che se si alimentano biscotti, patatine e crema con il mouse, questi diventeranno obesi. Ma è il sapore degli alimenti che causano l’eccesso di cibo? O potrebbe essere la densità di nutrienti che promuove il rimpinzarsi? Dopotutto, gli animali si sono evoluti per cercare cibi grassi e zuccherini come una questione di sopravvivenza.

Studi precedenti che hanno tratto conclusioni sul buon gusto (in questo contesto, che significa sapore e consistenza) e il suo effetto sull’aumento di peso sono stati imperfetti. Ad esempio, molti non hanno tenuto conto dell’impatto della varietà sul comportamento alimentare; avere una varietà di cibi diversi tra cui scegliere può indurre uno a indulgere troppo. Un buffet è un ottimo esempio di questo.

Secondo gli autori della recente ricerca, solo tre studi hanno esaminato specificamente l’influenza del sapore sull’aumento di peso. Nessuno di questi studi è stato conclusivo, tuttavia. Le ragioni di questo includono la dimensione del campione e, ancora una volta, gli effetti della varietà.

La prima fase dello studio di Tordoff prevedeva di stabilire se i topi preferissero il cibo con ingredienti oleosi o dolci aggiunti che non fossero nutritivi. Ai topi venivano serviti due vasi di cibo – uno standard e uno con un dolcificante sucralosio o un olio minerale (entrambi senza calorie).

Come previsto, i topi preferivano il cibo con olio minerale e il cibo sucraloso. Hanno virtualmente ignorato la tariffa della lezione. In effetti, i topi pensavano così poco al chow standard che, secondo gli autori dello studio, “spesso defecavano nella tazza contenente la dieta normale”.

I cibi gustosi incoraggiano l’eccesso di cibo?

La seconda fase della sperimentazione ha comportato la suddivisione dei topi in tre gruppi, ciascuno con una dieta diversa per 6 settimane: semplice chow, chow con olio minerale o chow con sucralosio.

Alla fine del periodo di 6 settimane, i topi sono stati misurati. Non ci sono state differenze significative nel peso o nel contenuto di grassi in nessuno dei tre gruppi sperimentali. In altre parole, anche i cibi più gustosi non incoraggiavano l’eccesso di cibo.

“Anche se abbiamo somministrato ai topi deliziose diete per un periodo prolungato, non hanno ingrassato. La gente dice che” se un cibo è buono, deve essere cattivo per te “, ma i nostri risultati suggeriscono che non è così. dovrebbe essere possibile creare alimenti che siano sia sani sia di buon gusto. “

Dr. Michael Tordoff

Dopo la dieta di 6 settimane, i topi erano ancora in grado di mangiare preferibilmente il cibo più gustoso quando offrivano cibo standard, dimostrando che non si erano stancati del cibo arricchito.

In una terza parte della ricerca, il team ha somministrato ai topi una dieta ricca di grassi che è nota per contribuire all’obesità nei topi. I ricercatori hanno aggiunto sucralosio a questo cibo per renderlo ancora più delizioso. Trovarono, tuttavia, che il tempo impiegato per far diventare obesi i topi non era diverso; l’aumento del gusto piacevole non ha influenzato la quantità di cibo mangiato. Infatti, il sucralosio ha leggermente ridotto l’aumento di peso e le riserve di grasso.

La conclusione è che il buon cibo da degustazione da solo non influenza l’obesità. Il sapore determina ciò che scegliamo di mangiare, ma non quanto ne mangiamo a lungo termine.

Scopri come le preferenze alimentari possono essere alterate da specifici percorsi cerebrali.

Like this post? Please share to your friends: