Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potassio importante quanto il sodio per la pressione sanguigna sana

È noto che un’alta dieta salina aumenta il rischio di ipertensione. Una recente revisione conclude che il consumo di adeguati livelli di potassio potrebbe essere altrettanto importante per mantenere una pressione sanguigna sana.

[Simbolo di potassio e cibo]

La pressione alta (o ipertensione) è un killer silenzioso. In tutto il mondo, colpisce circa 1 miliardo di persone. Circa 75 milioni di questi vivono negli Stati Uniti – per un totale di circa 1 persona su 3.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) calcola che l’ipertensione è dietro al 51% dei decessi correlati agli ictus e al 45% dei decessi per malattie cardiache.

Studi condotti negli ultimi anni hanno chiaramente dimostrato che mangiare una dieta ricca di sale (e quindi di sodio), come la dieta occidentale standard, può portare all’ipertensione.

Questa revisione più recente, pubblicata in, mostra che un elevato apporto di sodio non è l’unico fattore dietetico importante; il potassio ha anche un ruolo vitale da svolgere.

L’importanza del potassio

Il potassio, un elettrolita, è necessario perché i nervi trasportino i messaggi e i muscoli si contraggano. Mantiene il battito del cuore e aiuta a spedire i nutrienti nelle cellule e rimuovere i rifiuti cellulari. Il potassio aiuta anche nel mantenimento di ossa sane e riduce il rischio di calcoli renali.

L’autrice dell’attuale rivista, Alicia McDonough, Ph.D., professore di cellula e neurobiologia presso la Keck School of Medicine presso l’Università della Southern California, riassume i suoi risultati: “Ridurre l’apporto di sodio è un modo consolidato per abbassare pressione sanguigna, ma le prove suggeriscono che l’aumento del potassio nella dieta può avere un effetto altrettanto importante sull’ipertensione. “

Alimenti ricchi di potassio

  • tonno e salmone
  • Yogurt
  • latte scremato
  • uova
  • noci di macadamia e mandorle
  • funghi
  • crusca

Ulteriori informazioni su potassio

La sua analisi esplora i legami tra il potassio, il sodio e il rapporto sodio-potassio, approfondendo una serie di studi sul campo e tracciando conclusioni sui benefici del potassio.

L’indagine ha incluso studi interventistici e sulla popolazione, nonché ricerche sui meccanismi molecolari coinvolti.

McDonough ha trovato una serie di studi di popolazione che dimostrano che un più alto contenuto di potassio nella dieta, come valutato dall’escrezione urinaria o dal richiamo dietetico, era generalmente associato a una pressione sanguigna più bassa, indipendentemente dal livello di assunzione di sodio.

Altri studi guardando specificamente agli integratori di potassio hanno dato risultati simili.

Oltre agli studi sulla popolazione, McDonough ha esaminato la ricerca sul sodio-potassio nei modelli di roditori per aiutare a spiegare i potenziali meccanismi alla base di questa interazione. Sembra che il corpo usi sodio per mantenere un controllo sui livelli ematici di potassio.

“Quando il potassio alimentare è alto, i reni espellono più sale e acqua, il che aumenta l’escrezione di potassio.Il mangiare una dieta ricca di potassio è come prendere un diuretico.”

Alicia McDonough, Ph.D.

La sua conclusione, in poche parole, è che il potassio è vitale per mantenere la pressione sanguigna entro un intervallo normale. Il sodio è ancora un giocatore chiave, ma semplicemente riducendo l’assunzione di sale da solo potrebbe non essere sufficiente per controllare l’ipertensione.

McDonough spiega che l’aumento dei livelli di potassio nella dieta richiederà uno sforzo consapevole. Man mano che gli umani si evolvevano, mangiavano una grande quantità di frutta, verdura, radici, fagioli e cereali, che forniscono un ampio apporto di potassio. Tuttavia, il sodio era meno facile da trovare e, quindi, ci siamo evoluti per bramare il sale. Il nostro naturale desiderio di sale è stato soddisfatto dall’industria alimentare, che mescola più del necessario in alimenti trasformati.

Allo stesso tempo, i livelli di potassio nella nostra dieta sono diminuiti costantemente mentre ci allontaniamo da frutta e verdura fresche.

Come dice McDonough: “Se mangi una tipica dieta occidentale, il tuo apporto di sodio è alto e il consumo di potassio è basso, aumentando significativamente le possibilità di sviluppare ipertensione”.

Quanto potassio dovremmo consumare?

Gli autori del documento spiegano che, poiché il nostro corpo si è evoluto per far fronte a un’alimentazione povera di sodio e alto contenuto di potassio, “consumare una quantità eccessiva di potassio alimentare” è una “buona strategia”.

Secondo un rapporto dell’Institute of Medicine del 2004, si consiglia agli adulti di consumare almeno 4,7 grammi di potassio al giorno per abbassare la pressione sanguigna. Questo livello di consumo, dicono, ridurrà gli effetti del sale e ridurrà il rischio di calcoli renali, nonché la perdita di tessuto osseo.

McDonough raccomanda di aggiungere il contenuto di potassio alle etichette degli alimenti per aiutare il pubblico a prendere decisioni più consapevoli sul consumo di potassio.

Poiché la revisione prende in considerazione una serie di studi, i risultati sono convincenti. Ulteriori ricerche porteranno, senza dubbio, un quadro più chiaro di come il sodio e il potassio interagiscano per mantenere la pressione sanguigna a livelli sani. Tuttavia, le conclusioni del documento traggono conclusioni familiari, come scrivono gli autori: “Le comunità mediche, [la prima] First Lady Michelle Obama e il buon senso ci dicono di mangiare più frutta e verdura e di fare regolarmente esercizio fisico per ottimizzare la nostra salute”.

Scopri come le diete ricche di potassio potrebbero proteggere i reni delle persone con diabete.

Like this post? Please share to your friends: