Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potenziale svolta nel trattamento del diabete di tipo 2

Bloccando il VEGF-B, una proteina di segnalazione, il grasso non si accumula nei muscoli e nel cuore e le cellule all’interno di quei tessuti possono rispondere di nuovo correttamente all’insulina, i ricercatori dell’Istituto Karolinska, in Svezia, dell’Istituto Ludwig per la Ricerca sul Cancro, con sede a New York e la società biofarmaceutica australiana CSL Limited hanno riportato sulla rivista Nature.

Il professor Ulf Eriksson e il team hanno condotto esperimenti su ratti e topi e sono riusciti a prevenire lo sviluppo del diabete di tipo II, oltre a invertire la progressione della malattia negli animali con diabete di tipo II. La natura ha descritto questa scoperta come una “svolta nella ricerca sul diabete”.

Il professor Ulf Eriksson, del dipartimento di biochimica e biofisica medica al Karolinska Institutet, ha dichiarato:

“È una bella sensazione presentare questi risultati: abbiamo scoperto VEGF-B nel 1995 e da allora il progetto VEGF-B è stato un lungo soggiorno nel deserto, ma ora stiamo facendo una scoperta importante dopo l’altra. In questo studio abbiamo dimostrato che l’inibizione del VEGF-B può essere utilizzata per prevenire e trattare il diabete di tipo II e che ciò può essere fatto con un candidato farmaco “.
Tipicamente, il diabete di tipo II si verifica dopo che una persona diventa obesa, quindi si verifica la resistenza all’insulina – il diabete viene dopo. Quando ciò accade, le cellule non rispondono correttamente all’insulina, il che significa che il glucosio non entra nelle cellule e che i livelli di glucosio nel sangue (zucchero) aumentano. Quando il grasso viene immagazzinato nei luoghi “sbagliati” del corpo, è molto più probabile che si verifichi la resistenza all’insulina. I posti sbagliati includono i vasi sanguigni, il cuore e i muscoli. Gli esperti non sono sicuri di come funziona l’associazione.

insulinoresistenza
Con la resistenza all’insulina, il glucosio non entra abbastanza nelle cellule – si accumula nel sangue, con conseguente glicemia alta

Sappiamo che una proteina chiamata VEGF-B influisce sul trasporto e sullo stoccaggio del grasso nel tessuto corporeo. Il gruppo di ricerca del prof Eriksson lo ha scoperto nel 2010 e ha pubblicato un rapporto nella stessa rivista. Nell’ultimo esperimento, gli scienziati sono riusciti a bloccare la segnalazione VEGF-B nei ratti e nei topi di laboratorio.

Il 2H10 impediva il verificarsi o l’inversione del diabete

La natura ha riferito su quattro studi correlati. In uno, i topi indotti dal diabete hanno ricevuto 2H10, un farmaco candidato che è un anticorpo che inibisce le azioni del VEGF-B. I topi, che sono stati specificamente allevati per sviluppare spontaneamente il diabete, non hanno sviluppato insulino-resistenza né diabete. Gli scienziati hanno incrociato i topi con il diabete con topi che non potevano produrre VEGF-B – hanno scoperto che i loro cuccioli non sviluppavano mai il diabete.

In due diversi studi, hanno usato ratti e topi non specificamente allevati per sviluppare il diabete di tipo II. Sono stati nutriti con una dieta ipercalorica ricca di grassi e sono diventati obesi. La progressione naturale degli animali verso il diabete è stata interrotta e anche invertita a vari livelli dopo il trattamento con 2H10.

Il professor Åke Sjöholm, un diabetologo consulente dell’Ospedale Generale Sud di Stoccolma, Svezia, ha dichiarato:

“I risultati che presentiamo in questo studio rappresentano un importante passo avanti e un principio completamente nuovo per la prevenzione e il trattamento del diabete di tipo II.I trattamenti esistenti possono causare molte reazioni avverse e i loro effetti normalmente svaniscono.E ‘un disperato bisogno di nuove strategie di trattamento per il diabete di tipo II “.
Il trattamento più comune per il diabete di tipo II oggi comporta inizialmente il posizionamento del paziente su una dieta speciale; a volte possono aver bisogno di assumere pillole che aumentano la secrezione di insulina e rendono anche le cellule più sensibili all’insulina. Occasionalmente vengono somministrate compresse per ridurre la produzione di glucosio. Tuttavia, dopo alcuni anni, per circa un terzo di tutti i pazienti questi trattamenti perdono gradualmente la loro efficacia e sono necessarie iniezioni di insulina.

Il trattamento più efficace oggi per prevenire l’insorgenza di diabete di tipo II tra i pazienti molto obesi è la chirurgia bariatrica.

Il diabete di tipo II è visto oggi da molti come un grave problema di salute globale – alcuni lo descrivono come un’epidemia. Entro la fine del 2030 si stima che oltre mezzo miliardo di persone vivano con diabete di tipo II a livello globale.

La medicina sperimentale, 2H10, è un anticorpo monoclonale (un anticorpo prodotto da un singolo clone di cellule) che è stato sviluppato da CSL Limited, una società biofarmaceutica australiana.

Scritto da Christian Nordvist

Like this post? Please share to your friends: