Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potrebbe il litio aiutare a prevenire la demenza?

Il litio è un farmaco approvato per il trattamento del disturbo bipolare, ma un nuovo studio suggerisce che i suoi benefici terapeutici potrebbero non fermarsi qui. I ricercatori hanno scoperto un legame tra il litio nell’acqua potabile e il ridotto rischio di demenza.

litio sulla tavola periodica

La demenza sta rapidamente diventando una delle malattie più gravose del mondo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ci sono attualmente circa 47 milioni di persone in tutto il mondo che vivono con demenza, e questo numero dovrebbe raggiungere 75 milioni entro il 2030 e 132 milioni entro il 2050.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza e rappresenta circa il 60-80% di tutti i casi.

Mentre ci sono farmaci che possono aiutare a migliorare i sintomi della demenza, non ci sono attualmente trattamenti approvati che possono rallentare la progressione della malattia o curarla. Dato il previsto aumento globale dell’incidenza della demenza, c’è un bisogno disperato di identificare tali trattamenti.

Il nuovo studio – recentemente pubblicato in – suggerisce che il litio potrebbe essere un potenziale candidato per la prevenzione della demenza.

Rischio di litio e demenza

Mentre il litio è usato per ridurre gli episodi maniacali in persone con disturbo bipolare e altre malattie mentali, è prima di tutto un elemento chimico naturalmente presente nell’acqua potabile in molte parti del mondo.

Il coautore dello studio, il dott. Lars Vedel Kessing, dell’Università di Copenaghen in Danimarca, e il team hanno deciso di stabilire se ci potrebbe essere un legame tra l’esposizione al litio nell’acqua potabile e il rischio di demenza.

Il team ha analizzato i dati di un registro danese basato sulla popolazione, compresi 73.731 adulti che erano stati diagnosticati con demenza tra il 1995 e il 2013, insieme a 733.653 adulti che non avevano la demenza.

I ricercatori hanno anche analizzato campioni di acqua potabile recuperati da 151 acquedotti in Danimarca, che forniscono acqua a circa il 42% della popolazione del paese.

Calcolando il contenuto di litio in ciascuno dei campioni di acqua e rintracciando gli indirizzi residenziali di ciascun partecipante, i ricercatori sono stati in grado di stimare l’esposizione media al litio dei soggetti dal 1986.

Rispetto agli adulti a cui non era stata diagnosticata la demenza, è stato riscontrato che gli adulti che avevano ricevuto una diagnosi di demenza erano stati esposti a livelli più bassi di litio nell’acqua potabile.

In dettaglio, i ricercatori hanno scoperto che l’incidenza della demenza era del 17% più bassa per gli adulti la cui esposizione al litio era di 15 microgrammi per litro o più, rispetto agli adulti esposti a 2-5 microgrammi per litro.

Tuttavia, il team osserva che l’associazione tra esposizione al litio nell’acqua potabile e rischio di demenza era non lineare; gli adulti esposti a 5,1-10 microgrammi di litio per litro sono risultati a rischio di demenza maggiore rispetto a quelli esposti a 2-5 microgrammi per litro.

Un ‘intervento di salute pubblica d’oro’?

Gli autori indicano una serie di limitazioni dello studio. Ad esempio, non hanno tenuto conto dell’accesso dei partecipanti ai servizi sanitari, il che potrebbe influenzare la probabilità di una diagnosi di demenza.

“Inoltre,” scrivono i ricercatori, “poiché a tutti gli abitanti di un dato municipio viene assegnato lo stesso livello di esposizione al litio, non si può escludere che altri, non osservati fattori ambientali o di assistenza sociale relativi al comune di residenza degli individui potrebbero aver confuso l’associazione tra esposizione al litio e tasso di demenza. “

Inoltre, è possibile che i livelli di litio nelle forniture idriche siano cambiati durante il periodo di studio, il che potrebbe aver distorto i risultati. Tuttavia, il team osserva che a causa del lento rilascio di litio dal suolo e dai sedimenti, è più probabile che i livelli di litio rimangano stabili.

In un editoriale collegato allo studio, il Dr. John J. McGrath, dell’Università del Queensland in Australia, e Michael Berk, Ph.D., dell’Università di Melbourne, anche in Australia, affermano che i risultati dovrebbero essere interpretati con attenzione.

“Detto questo, la prospettiva che un intervento relativamente sicuro, semplice ed economico (cioè, l’ottimizzazione delle concentrazioni di litio nell’acqua potabile) potrebbe portare alla prevenzione primaria della demenza è la prospettiva atantalizzante”, scrivono.

“Se i risultati di Kessing e colleghi saranno supportati in studi futuri, anche una riduzione marginale dell’incidenza della demenza potrebbe determinare importanti guadagni sociali ed economici”.

“Nello spirito dell’alchimia, potremmo convertire il litio, un metallo semplice usato come stabilizzatore dell’umore, in un intervento di salute pubblica d’oro che potrebbe prevenire la demenza? Ciò dipenderà da ciò che rivelerà la prossima generazione di studi epidemiologici e studi clinici”.

Like this post? Please share to your friends: