Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potrebbe il nuovo fattore di crescita di formazione dell’osso invertire l’osteoporosi?

Gli scienziati del Children’s Medical Center Research Institute dell’UT Southwestern di Dallas, in Texas, hanno scoperto un nuovo fattore di crescita di formazione dell’osso che potrebbe invertire la perdita ossea associata all’osteoporosi. Dicono che questa scoperta abbia implicazioni per la medicina rigenerativa.

[frattura ossea della colonna vertebrale]

L’osteoporosi si sviluppa per diversi anni ed è una condizione che indebolisce le ossa. Questa debolezza rende le ossa più fragili e suscettibili alle rotture. Più di 50 milioni di persone negli Stati Uniti con più di 50 anni sono affette da osteoporosi o bassa massa ossea.

I trattamenti per l’osteoporosi attualmente comportano il trattamento e la prevenzione delle fratture ossee, nonché l’uso di farmaci per rafforzare le ossa. I bifosfonati sono farmaci che rallentano o impediscono il danno alle ossa. La terapia con estrogeni viene anche utilizzata in alcuni gruppi di persone per aiutare a mantenere la densità ossea.

Mentre la maggior parte dei trattamenti esistenti per l’osteoporosi riducono il tasso di perdita ossea, non promuovono una nuova crescita ossea. C’è un agente, chiamato Teriparatide (PTH), che è approvato per la formazione di nuovo osso. Tuttavia, l’uso del PTH è limitato a soli 2 anni a causa del rischio di sviluppare osteosarcoma (cancro osseo).

I ricercatori del Children’s Medical Center Research Institute (CRI) dell’UT Southwestern hanno chiamato il nuovo fattore di crescita osteopotetico Osteolectin, o Clec11a, e hanno pubblicato i loro risultati nel.

Il Dr. Sean Morrison – direttore della CRI, Mary McDermott Cook Chair in Pediatric Genetics e Kathryne e Gene Bishop Illustre Chair in Pediatric Research – ha condotto lo studio.

Particolare midollo osseo e cellule ossee sono stati trovati per produrre osteolettina. Il team di CRI afferma di essere il primo a dimostrare che l’osteolettina promuove la nuova formazione ossea dalle cellule staminali scheletriche nel midollo osseo.

L’osteolettina ha aumentato significativamente il volume osseo, la perdita ossea invertita

Morrison e colleghi hanno scoperto che quando l’osteolettina è stata eliminata nei topi, hanno subito un’accelerazione nella perdita ossea durante l’età adulta. I topi hanno anche manifestato sintomi di osteoporosi, come la diminuzione della forza ossea e la ritardata guarigione delle fratture.

I ricercatori hanno cercato di scoprire se era possibile che l’osteolettina invertisse la perdita ossea dopo che l’osteoporosi si era sviluppata. Morrison e il team hanno usato due gruppi di topi che hanno rimosso le ovaie per imitare il tipo di osteoporosi che si sviluppa nelle donne in postmenopausa. Hanno fornito ai topi un’iniezione giornaliera di PTH o Osteolectina.

Se confrontato con il PTH – un agente già dimostrato di promuovere la formazione ossea – l’osteolettina ha mostrato risultati simili. Rispetto ai topi non trattati, il volume osseo in entrambi i topi trattati con PTH e trattati con Osteolectina era significativamente aumentato.

Entrambi i trattamenti hanno dimostrato di invertire con successo la perdita ossea che si è verificata a seguito della rimozione delle ovaie.

“Questi risultati dimostrano il ruolo importante che l’osteolettina gioca nella nuova formazione ossea e nel mantenimento della massa ossea nell’adulto.Questo studio apre la possibilità di utilizzare questo fattore di crescita per il trattamento di malattie come l’osteoporosi”, afferma Morrison.

“Questi primi risultati sono incoraggianti, suggerendo che l’osteolettina potrebbe un giorno essere un’opzione terapeutica utile per l’osteoporosi e nella medicina rigenerativa”.

Dr. Sean Morrison

Morrison è anche il principale investigatore del Laboratorio di Hamon per la biologia delle cellule staminali e del cancro. Accanto agli scienziati del laboratorio Hamon, Morrison prevede di condurre ulteriori esperimenti per testare il potenziale terapeutico dell’osteolettina.

L’obiettivo del team è quello di identificare il recettore per l’osteolettina, che dicono aiuterà a capire il meccanismo di segnalazione che il fattore di crescita utilizza per promuovere la formazione dell’osso.

Scopri come la terapia ormonale migliora la salute delle ossa nelle donne in postmenopausa.

Like this post? Please share to your friends: