Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potrebbe lo yogurt aiutare a ridurre la pressione alta?

Lo yogurt può avere un effetto benefico sulla pressione sanguigna delle donne, specialmente quando fa parte di una dieta sana.

Yogurt con frutta

Questa è stata la conclusione di uno studio recentemente presentato presso l’American Heart Association’s (AHA’s) Epidemiology / Lifestyle 2016 Scientific Sessions a Phoenix, AZ.

I ricercatori hanno scoperto che le donne che consumavano cinque o più porzioni di yogurt a settimana avevano un rischio più basso di sviluppare la pressione alta rispetto a donne simili che quasi mai mangiavano yogurt.

Secondo l’AHA, l’ipertensione arteriosa – definita come superiore a 140/90 mm / Hg – è potenzialmente pericolosa perché affatica il cuore, indurisce le arterie e aumenta il rischio di emorragia cerebrale e problemi ai reni.

Se non controllata, l’ipertensione può causare malattie cardiache e renali, ictus e cecità.

Precedenti studi hanno già dimostrato che i prodotti lattiero-caseari possono ridurre il rischio di ipertensione negli adulti a rischio, affermano i ricercatori, ma pochi studi a lungo termine hanno esaminato l’effetto indipendente dello yogurt da solo.

“Credo che questo sia il più grande studio del suo genere fino ad oggi per valutare gli effetti specifici dello yogurt sulla pressione sanguigna”, dice l’autore principale Justin Buendia, un dottorando presso la Boston University School of Medicine, MA.

Per lo studio – che è stato finanziato dal National Dairy Council – Buendia ei suoi colleghi hanno utilizzato i dati delle prime e seconde coorti (NHS e NHS II) dello studio sulla salute degli infermieri, in cui i partecipanti erano principalmente donne di età compresa tra 25 e 55 anni e anche dallo studio di follow-up dei professionisti della salute (HPFS), in cui i partecipanti erano per lo più uomini.

Oltre 18-30 anni di follow-up, 75.609 dei partecipanti hanno sviluppato pressione alta.

20% di rischio inferiore di ipertensione con assunzione di yogurt più alta

Dopo essersi adeguati ad altri fattori che potrebbero influenzare il collegamento all’ipertensione, come età, razza, storia familiare di pressione alta, attività fisica e dieta, i ricercatori hanno esaminato il legame tra lo yogurt e lo sviluppo della pressione alta nei tre gruppi.

Hanno scoperto che rispetto alle donne che mangiavano meno di una porzione al mese, le donne che mangiavano cinque o più porzioni di yogurt alla settimana avevano un rischio statisticamente significativo del 20% più basso di sviluppare la pressione alta.

Una porzione di yogurt è una tazza, o intorno a un misurino delle dimensioni di una palla da baseball.

C’era un legame molto più debole tra il consumo regolare di yogurt e l’ipertensione arteriosa negli uomini, ma ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli uomini nei gruppi esaminati consumavano quantità molto inferiori di yogurt rispetto alle donne, affermano i ricercatori. Non significa necessariamente che lo yogurt non ha effetti benefici sulla pressione sanguigna degli uomini.

Il team ha quindi esaminato nuovamente i dati delle donne e si è concentrato sulla dieta. Hanno assegnato un punteggio a ciascun partecipante, a seconda di quanto la sua dieta corrispondesse a quella progettata per abbassare la pressione sanguigna, chiamata approcci dietetici per fermare l’ipertensione (DASH).

L’effetto più forte dello yogurt è come parte di una dieta sana

La dieta DASH è ricca di frutta, verdura, latte magro o magro e prodotti a base di latte, cereali integrali, pesce, pollame, fagioli, semi e noci.

I risultati hanno mostrato che le donne la cui dieta si avvicinava maggiormente a DASH e che mangiavano cinque o più porzioni di yogurt a settimana avevano un rischio inferiore del 31% di sviluppare la pressione alta. Questo è stato confrontato con le donne con i punteggi DASH più bassi e con le assunzioni di yogurt più basse (una porzione o meno a settimana).

Il team ha anche esaminato i collegamenti tra altri prodotti lattiero-caseari e l’ipertensione. Hanno trovato un legame positivo tra le dosi giornaliere di latte e formaggio e il minor rischio di ipertensione, ma secondo Buendia, questo non era forte quanto l’effetto dello yogurt.

I ricercatori suggeriscono che l’effetto benefico dello yogurt sulla riduzione del rischio di ipertensione, specialmente se assunto come parte di una dieta sana, potrebbe essere abbassando l’indice di massa corporea (BMI – una misura dell’obesità); i collegamenti erano più deboli quando si adattavano al BMI.

Ciò rafforza l’idea che è improbabile che si riduca il rischio di ipertensione semplicemente aggiungendo yogurt alla propria dieta. È quando lo yogurt fa parte di un programma di dieta progettato per ridurre l’ipertensione, che ha anche un effetto positivo sull’aiutare a raggiungere un peso sano, che sembra avere il massimo beneficio. Come conclude Buendia:

“Nessun alimento è una pallottola magica, ma aggiungere lo yogurt a una dieta altrimenti sana sembra contribuire a ridurre il rischio a lungo termine di pressione alta nelle donne”.

Nel frattempo, da un altro studio presentato nella stessa riunione, imparato che tagliare il prezzo di frutta, verdura e cereali del 10% e segnare i prezzi delle bevande zuccherate con la stessa quantità, potrebbe prevenire più di mezzo milione di americani che muoiono prematuramente di malattie cardiovascolari tra adesso e il 2035.

Like this post? Please share to your friends: