Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potrebbe un soffio di cannabis alleviare la depressione?

Un nuovo studio fa luce su come diverse quantità di tetraidrocannabinolo e cannabidiolo – i composti psicoattivi nella cannabis – influenzano i livelli di stress, ansia e depressione.

una sigaretta di cannabis

I ricercatori della Washington State University (WSU) hanno scoperto che gli adulti hanno riportato una riduzione dei sintomi depressivi con una sola dose di marijuana medica ad alto contenuto di cannabidiolo (CBD) e basso nel tetraidrocannabinolo (THC).

Il team ha anche scoperto che almeno 10 sbuffi di marijuana ad alto contenuto di CBD e THC hanno portato a significative riduzioni dello stress auto-riferito, mentre due sbuffi di cannabis con qualsiasi livello di CBD o THC hanno portato ad una riduzione dell’ansia.

Tuttavia, lo studio ha anche scoperto che l’uso a lungo termine della marijuana medicinale può effettivamente esacerbare i sintomi della depressione.

L’autrice principale dello studio, Carrie Cuttler, del Dipartimento di Psicologia della WSU, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati nel.

La riduzione dell’ansia, dello stress e della depressione sono tra i motivi più comuni per cui la gente usa la cannabis, ma la droga funziona davvero? Ad oggi, i pochi studi che hanno tentato di rispondere a questa domanda hanno prodotto risultati contrastanti.

“La ricerca esistente sugli effetti della cannabis su depressione, ansia e stress è molto rara”, dice Cuttler, “e sono stati effettuati quasi esclusivamente con pillole di THC somministrate per via orale in un laboratorio.”

Studio dei dati da un’app cannabis

Per questa ultima ricerca, Cuttler e colleghi hanno iniziato a studiare in che modo le diverse concentrazioni di THC e CBD nella cannabis influenzano i sintomi di ansia, stress e depressione degli utenti quando vengono inalati.

THC e CBD sono i due più comuni cannabinoidi – composti chimici che agiscono sui recettori cannabinoidi nel cervello – presenti nella cannabis.

“Ciò che è unico nel nostro studio”, spiega Cuttler, “è che abbiamo esaminato la cannabis effettivamente inalata da pazienti di marijuana medica che la stavano usando nel comfort della propria casa piuttosto che in un laboratorio”.

Per raggiungere i risultati, Cuttler e il team hanno analizzato i dati di Strainprint, un’app canadese utilizzata per monitorare l’uso di cannabis terapeutica e la gravità dei sintomi di circa 280 condizioni mediche.

Per questo studio, Cuttler e colleghi hanno valutato circa 12.000 voci di adulti che hanno utilizzato l’app per monitorare i sintomi di ansia, stress e depressione.

Gli utenti dell’app hanno riportato il loro genere, il metodo di utilizzo della cannabis, la quantità di uso di cannabis (come il numero di boccate prese quando fumano il farmaco) e la percentuale di THC e CBD nella loro cannabis.

Circa 20 minuti dopo la somministrazione del farmaco, gli utenti sono tenuti a riportare la gravità dei sintomi su una scala da 1 a 10.

L’uso cronico può peggiorare la depressione

Nel complesso, gli utenti hanno riferito che i loro sintomi di depressione si sono dimezzati a causa dell’uso di cannabis, mentre i sintomi di ansia e stress sono stati ridotti del 58%.

Guardando a come le concentrazioni di THC e CBD hanno influenzato la gravità dei sintomi, il team ha scoperto che una sola dose di cannabis ad alto contenuto di CBD e basso contenuto di THC era sufficiente per abbassare i sintomi depressivi, mentre due sbuffi di qualsiasi forma di cannabis erano legati a una riduzione nell’ansia.

Per i sintomi di stress, almeno 10 sbuffi di cannabis ad alto contenuto di CBD e ad alto contenuto di THC hanno prodotto i maggiori benefici.

Secondo i ricercatori, questi risultati contraddicono la nozione popolare secondo cui il THC è il cannabinoide più vantaggioso per la salute mentale. “Molti consumatori sembrano essere convinti che un maggior numero di THC sia sempre migliore”, afferma Cuttler.

“Il nostro studio mostra che il CBD è anche un ingrediente molto importante nella cannabis e può aumentare alcuni degli effetti positivi del THC.”

Carrie Cuttler

Tuttavia, quando si trattava di valutare gli effetti della cannabis a lungo termine, i dati identificavano un aumento dei sintomi della depressione.

“È importante sottolineare”, concludono gli autori dello studio, “mentre l’intossicazione acuta da cannabis allevia temporaneamente stati di depressione, ansia e stress, l’uso ripetuto della cannabis non sembra portare a una riduzione a lungo termine di questi sintomi”.

Like this post? Please share to your friends: