Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Potrebbe una mela al giorno proteggere dall’obesità?

Una mela al giorno può tenere lontano l’obesità, in particolare se si tratta della varietà Granny Smith, secondo un nuovo studio della Washington State University.

Mele Granny Smith

Il gruppo di ricerca, guidato da Giuliana Noratto della School of Food Science dello Stato di Washington, pubblica le loro scoperte sulla rivista.

Le mele hanno molti benefici per la salute, secondo la ricerca precedente. L’anno scorso, è stato riportato uno studio che suggeriva che mangiare una mela al giorno può essere altrettanto utile come l’uso quotidiano di statine per prevenire la mortalità vascolare.

Uno studio del 2011 ha anche affermato che mele e pere possono ridurre il rischio di ictus di oltre il 50%.

Ma secondo il team coinvolto in questa ultima ricerca, pochissimi studi hanno esaminato come i composti bioattivi nelle mele che non vengono assorbiti durante la digestione – come i polifenoli (un tipo di antiossidante) e la fibra alimentare – influenzano i batteri intestinali amichevoli che amplificano immunità e mantenimento del peso dell’aiuto.

Inoltre, Noratto rileva che pochi studi hanno esaminato il modo in cui gli effetti di questi composti bioattivi variano a seconda della varietà di mele.

I composti non digeribili in Granny Smith aumentano la crescita di buoni batteri intestinali

Con questo in mente, Noratto e il suo team hanno analizzato in che modo i composti bioattivi di sette diverse varietà di mele – Granny Smith, Braeburn, Fuji, Gala, Golden Delicious, McIntosh e Red Delicious – hanno influenzato i buoni batteri intestinali dei topi obesi indotti dalla dieta.

I ricercatori hanno scoperto che, rispetto a tutte le altre varietà di mele, le Granny Smith sembravano avere l’effetto più benefico sui buoni batteri intestinali.

L’equilibrio dei batteri intestinali tra le persone obese è generalmente compromesso. Ma confrontando le feci di topi obesi nutriti con Granny Smiths con le feci di topi magri, il team ha scoperto che le proporzioni di batteri – in particolare la presenza di,,, e – erano molto simili.

I ricercatori spiegano che i Granny Smith sono ricchi di fibre alimentari e polifenoli non digeribili e con pochi carboidrati. Anche dopo la masticazione e l’esposizione agli acidi dello stomaco e agli enzimi digestivi, i composti rimangono intatti quando raggiungono il colon. I batteri presenti nel colon poi fermentano i composti, producendo acido butirrico che stimola la crescita dei batteri intestinali amichevoli.

Circa il 34,9% degli adulti americani è obeso e, di conseguenza, è a rischio aumentato di condizioni correlate all’obesità, come malattie cardiache, ictus, diabete di tipo 2 e persino cancro.

Noratto dice che i loro risultati possono portare a strategie che prevengono l’obesità e i suoi disturbi associati.

Uno squilibrio dei batteri intestinali – determinato dal cibo che mangiamo – può causare un’infiammazione cronica che porta al diabete. Ma i ricercatori dicono che ristabilire l’equilibrio dei batteri intestinali attraverso il consumo di mele Granny Smith può ridurre tale infiammazione, oltre a promuovere la sazietà.

Commentando i risultati, Noratto dice:

“Sappiamo che, in generale, le mele sono una buona fonte di questi composti non digeribili, ma ci sono differenze nelle varietà.I risultati di questo studio aiuteranno i consumatori a discriminare tra le varietà di mele che possono aiutare nella lotta contro l’obesità”.

L’articolo del nostro Knowledge Center sui benefici per la salute delle mele osserva alcuni degli altri modi in cui il frutto può essere buono per noi.

Like this post? Please share to your friends: