Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Primo soccorso, posizione di recupero e CPR

Molte vite vengono salvate ogni anno grazie al primo soccorso, dato prima dell’arrivo dei servizi di emergenza.

Pronto soccorso di emergenza è la cura che viene data a un ferito o malato prima del trattamento da parte di personale medico qualificato.

In questo articolo vedremo la storia del primo soccorso, come funziona e come farlo.

Fatti veloci sul pronto soccorso

Ecco alcuni punti chiave sul primo soccorso. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Il primo soccorso può essere sia semplice che salvavita
  • I Cavalieri Ospitalieri provvedevano ai pellegrini e ai cavalieri
  • Gli obiettivi del primo soccorso sono di preservare la vita, prevenire i danni e promuovere il recupero
  • Nel pronto soccorso, ABC sta per vie aeree, respirazione e circolazione
  • La posizione di recupero aiuta a minimizzare ulteriori lesioni
  • CPR è sinonimo di rianimazione cardio-polmonare; aiuta a mantenere il flusso di sangue ossigenato
  • Mentre fai le compressioni toraciche, potresti sentire delle crepe: è normale
  • Il termine “primo soccorso” fu usato per la prima volta nel 1863
  • Nel 1877, St. John Ambulance si formò in Inghilterra.

Cos’è il primo soccorso?

Alcune malattie auto-limitanti o lesioni lievi possono richiedere solo un intervento di primo soccorso e nessun ulteriore trattamento. Il primo soccorso consiste generalmente in alcune semplici tecniche, spesso salvavita, che la maggior parte delle persone può essere addestrata a svolgere con attrezzature minime.

Il pronto soccorso di solito si riferisce alla somministrazione di cure a un essere umano, sebbene possa essere fatto anche sugli animali. Lo scopo del primo soccorso è prevenire un deterioramento della situazione del paziente, aiutare il recupero e preservare la vita.

Tecnicamente, non è classificato come trattamento medico e non dovrebbe essere paragonato a quello che potrebbe fare un professionista medico qualificato. Il primo soccorso è una combinazione di alcune semplici procedure, oltre all’applicazione del buon senso.

Una breve storia di primo soccorso

[Simbolo di primo soccorso]

La storia del primo soccorso varia a seconda di quale parte del mondo si sta riferendo a. Intorno all’XI secolo in Europa fu creato l’Ordine di San Giovanni con lo scopo di addestrare le persone a curare medicalmente le vittime di ferite sul campo di battaglia: questi erano laici addestrati formalmente nella somministrazione del primo soccorso.

Intorno a questo periodo, i Cavalieri Ospitalieri prestavano assistenza a pellegrini e cavalieri, addestrando anche altri cavalieri ad affrontare le ferite sul campo di battaglia.

Durante il Medioevo in Europa i primi soccorsi passarono in secondo piano e non riapparvero fino alla seconda metà del 19 ° secolo. Nel 1859 Henry Dunant, un uomo d’affari svizzero, addestrò e organizzò gente del villaggio locale per amministrare il primo soccorso alle vittime del campo di battaglia della battaglia di Solferino, in Italia.

Nel 1863, quattro nazioni si incontrarono a Ginevra, in Svizzera, e formarono un’organizzazione che divenne la moderna Croce Rossa – durante questo incontro il termine primo soccorso fu usato per la prima volta con il suo significato moderno.

L’obiettivo iniziale della Croce Rossa era di amministrare aiuti ai soldati malati e feriti. Durante la rivoluzione industriale la Gran Bretagna aveva un certo numero di equipaggi civili di ambulanze che sarebbero venuti all’aiuto di emergenza di minatori, ferrovieri e poliziotti.

Obiettivi di primo soccorso

Gli obiettivi del primo soccorso sono:

  • Conservare la vita: questo è l’obiettivo principale del primo soccorso; per salvare vite. Ciò include la vita del primo soccorritore, il ferito (la vittima, la persona ferita / malata) e gli astanti
  • Per prevenire ulteriori danni: il paziente deve essere tenuto stabile e le sue condizioni non devono peggiorare prima dell’arrivo dei servizi medici. Ciò può includere lo spostamento del paziente fuori dal pericolo, l’applicazione di tecniche di primo soccorso, il mantenimento di lui caldo e asciutto, la pressione sulle ferite per fermare il sanguinamento, ecc.
  • Promuovere il recupero: questo può includere l’applicazione di un cerotto (bendaggio) a una piccola ferita; tutto ciò che può aiutare nel processo di recupero.

Abilità di primo soccorso

[Ambulanza in eccesso]

ABC (e talvolta D)

Il termine più comune di cui al primo soccorso è ABC, che sta per Airway, Breathing e Circulation. In realtà, il termine è anche comunemente usato tra i professionisti della salute di emergenza. La D sta per defibrillazione.

  • Airway: il primo soccorritore deve assicurarsi che le vie aeree della vittima siano libere. Il soffocamento, che risulta dall’ostruzione delle vie aeree, può essere fatale
  • Respirazione: quando il primo soccorritore ha stabilito che le vie aeree non sono ostruite, deve determinare l’adeguatezza della respirazione della vittima e, se necessario, fornire la respirazione di soccorso
  • Circolazione: se la vittima non sta respirando, il primo soccorritore dovrebbe procedere dritto per le compressioni toraciche e per la respirazione di soccorso. Le compressioni toraciche forniranno la circolazione. La ragione è che il tempo – controllare la circolazione di un infortunato non-respiratore consuma tempo che potrebbe essere usato con le compressioni toraciche e la respirazione di soccorso. Con perdite meno gravi (quelle che stanno respirando), il primo soccorritore deve controllare il polso della vittima
  • Sanguinamento mortale o defibrillazione: alcune organizzazioni hanno questo quarto passo, mentre altre lo includono come parte della circolazione

Come valutare e mantenere l’ABC di un paziente dipende da quanto ben addestrato è il primo soccorritore. Non appena l’ABC è stato assicurato, il primo soccorritore può quindi concentrarsi su eventuali trattamenti aggiuntivi.

Alcune organizzazioni usano il sistema 3B, che sta per Respirazione, Sanguinamento e Ossa, mentre altri usano 4B, che sta per Respirazione, Sanguinamento, Cervello e Ossa.

Le ABC e le 3B vengono insegnate per essere eseguite in ordine di sequenza. Tuttavia, ci sono momenti in cui il primo soccorritore può eseguire due passaggi contemporaneamente, come potrebbe essere il caso nel fornire la respirazione di soccorso e le compressioni toraciche a una vittima che non respira e non ha polso.

Molte organizzazioni hanno altri acronimi (simili alle abbreviazioni) che ricordano alle persone la loro sequenza di passaggi.First Aid Works, un’organizzazione che forma persone nel Regno Unito, usa il DRAB per ricordare ai primi soccorritori cosa fare durante la loro indagine primaria:

Primary Survey – DRAB (pericolo, risposta, vie respiratorie, respirazione)

  • Pericolo: controlla i pericoli per la vittima e per te come soccorritore. Se c’è un pericolo presente, puoi sbarazzarti del pericolo o spostare il ferito dal pericolo? Se non c’è niente che puoi fare, stai lontano e ricevi un aiuto professionale. La cosa peggiore che un soccorritore può fare è diventare un’altra vittima
  • Risposta: se è sicuro avvicinarsi, la vittima è cosciente? Verifica se il paziente è attento, fai domande e vedi se ricevi una risposta, scopri se risponde al tuo tocco. I primi soccorritori ben addestrati sapranno scoprire se la vittima risponde al dolore
  • Airway: le vie aeree della vittima sono aperte e chiare? Se non provi a cancellarlo. I formatori consigliano ai soccorritori di tenere la vittima distesa sulla loro schiena, quindi di mettere una mano sulla sua fronte e posizionare due dita dall’altra mano sul mento della vittima e inclinare delicatamente la testa all’indietro sollevando leggermente il mento verso l’alto. Eventuali ostacoli devono essere rimossi dalla bocca della vittima, comprese le protesi. I primi soccorritori sono addestrati solo a mettere le dita nella bocca della vittima se riescono a vedere lì un ostacolo
  • Respirazione: la vittima respira in modo efficace? Il primo a guardare il torace per il movimento, la sua bocca per i segni di respirazione (ad esempio i suoni), avvicinarsi alla vittima e vedere se l’espirazione aerea può essere percepita sulla guancia del primo aiutante.

The Secondary Survey – DOMS (deformità, ferite aperte, etichette di avviso medico, gonfiori)

Se la vittima sta respirando adeguatamente, allora è possibile effettuare un’indagine secondaria. Questo è un rapido controllo di tutto il corpo. Non appena ciò è stato fatto, la vittima dovrebbe essere posta in una posizione di recupero. A questo punto il primo soccorritore dovrebbe chiamare un’ambulanza.

Posizione di recupero

[Posizione di recupero]Anche se la vittima respira, ma è incosciente, c’è ancora un rischio significativo di ostruzione delle vie aeree. La posizione di recupero riduce al minimo il rischio per il paziente. Un primo soccorritore dovrebbe fare quanto segue:

  • Rimuovere gli occhiali se il ferito li indossa
  • Posiziona il braccio più vicino a te perpendicolarmente al corpo della vittima (sei inginocchiato accanto a lui / lei)
  • Portare l’altro braccio sul petto; tenere la parte posteriore della sua mano contro la sua guancia più vicina
  • Con l’altra mano, tieni la coscia della vittima più lontana da te e tira su il ginocchio. Assicurati che il suo piede sia appiattito a terra
  • Abbassa lentamente il ginocchio sollevato della vittima e spingilo verso di te
  • Muovi leggermente la gamba in modo che l’anca e il ginocchio della vittima siano piegati ad angolo retto. Questo assicura che non si tirino indietro sul loro viso
  • Inclinare delicatamente la testa all’indietro in modo che le vie aeree siano mantenute aperte.

Rianimazione cardio-polmonare (CPR)

Se il ferito non respira, il primo soccorritore dovrà eseguire la RCP (rianimazione cardio-polmonare). Nel 2008 il Consiglio europeo di rianimazione e l’American Heart Association, in un’inversione di politica, hanno sottoscritto l’efficacia delle sole compressioni toraciche, senza respirazione artificiale, per gli adulti che improvvisamente collassano in arresto cardiaco.

È improbabile che la RCP possa iniziare un cuore. Il suo scopo è di mantenere il flusso di sangue ossigenato al cervello e al cuore, e quindi prevenire o almeno ritardare la morte dei tessuti. La RCP può estendere la breve finestra temporale in cui può verificarsi una rianimazione efficace senza danni permanenti al cervello.

Nel 2005 ILCOR (International Liaison Committee on Resuscitation) ha concordato nuove linee guida. Le nuove linee guida rendono più semplice sia per i soccorritori laici che i professionisti della salute sfruttare al massimo il potenziale di rianimazione precoce.

Le nuove linee guida stabilivano che i soccorritori dovrebbero andare direttamente al CPR se non respirano, piuttosto che cercare un impulso. Ha anche aggiunto che la respirazione di soccorso senza compressioni toraciche non deve essere eseguita.

La ricerca indica che una percentuale considerevole di personale non addetto alla localizzazione non può rilevare un impulso quando è presente, e alcuni rilevano un impulso quando uno non è presente.

  • 30 compressioni toraciche – il primo soccorritore dovrebbe essere inginocchiato accanto alla vittima che dovrebbe essere sdraiato sulla sua schiena. Posiziona il tallone di una mano nel centro del torace della vittima e posiziona l’altra mano sulla tua prima mano e intreccia le dita. Spingere il petto verso il basso (comprimere il torace) a circa 1,5 a 2 pollici (da 4 a 5 cm).

    Se la vittima è un bambino di età compresa tra 1 e 8 anni, comprime fino a un massimo di 1,5 pollici (4 cm). Quindi lascia andare e aspetta fino a che il torace non si ritrae (torna su) completamente prima di ripetere. I gomiti devono essere mantenuti dritti per tutto il tempo.

    Spingere lo sterno su e giù fino a una profondità di circa 5 cm – fare questo 30 volte con una frequenza cardiaca di 100 al minuto. Se l’infortunato è un bambino di età compresa tra 1 e 8 anni, usa una sola mano per le compressioni

  • Dare 2 respiri – Assicurarsi che le vie respiratorie siano aperte e pizzicare il naso in modo che si chiuda. Sollevare delicatamente il mento verso l’alto con le due dita dell’altra mano. Fai un respiro profondo e sigilla la bocca sulla bocca della vittima ed espira nelle vie aeree della vittima. Dovresti vedere l’ascesa e la caduta del torace della vittima. Per ottenere un altro respiro alza la testa e inspira profondamente. Eseguire di nuovo l’intera procedura.

Ripeti le 30 compressioni toraciche seguite da due respiri circa cinque volte e poi controlla se il ferito ha iniziato a respirare normalmente. Altrimenti, continua ad eseguire la RCP. Se la respirazione inizia normalmente, rimani con la vittima fino all’arrivo dell’aiuto.

Se ti senti a disagio nel dare sollievo al soccorso, ricorda che le compressioni toraciche da sole sono i risparmiatori di vita – non stare lì semplicemente senza fare nulla.È importante non far rimbalzare le mani quando si eseguono le compressioni toraciche – assicurarsi che il tallone della mano tocchi continuamente il torace della vittima durante le compressioni toraciche. Potresti sentire schiocchi e schiocchi durante le compressioni toraciche; questo è normale, quindi non fermarti.

Like this post? Please share to your friends: