Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Prioni che causano la diffusione della malattia della mucca pazza attraverso l’aria

I prioni, gli agenti che causano l’encefalopatia spongiforme bovina (BSE o malattia della mucca pazza) e la malattia di Creutzfeldt-Jakob, possono diffondersi nell’aria e provocare infezioni, secondo una nuova ricerca condotta dall’Università di Zurigo; una scoperta che potrebbe rivelarsi una grande sorpresa per molti, perché fino ad ora si pensava che i prioni trasportati dall’aria fossero innocui.

A causa delle loro scoperte, i ricercatori raccomandano che laboratori scientifici, macelli e impianti di alimentazione animale cambino le loro procedure di sicurezza per includere misure precauzionali contro la possibile trasmissione di prioni nell’aria.

Potete leggere come i ricercatori dell’Università di Zurigo e l’Ospedale universitario di Zurigo in Svizzera, oltre all’università di Tubinga in Germania, hanno fatto la loro scoperta nel numero del 13 gennaio di PLoS Pathogens.

Sappiamo già che i prioni possono essere trasmessi attraverso strumenti chirurgici contaminati, e più raramente, attraverso le trasfusioni di sangue, ma fino a questo studio, si pensava che i prioni non fossero in grado di essere trasportati dall’aria come virus, ad esempio l’influenza e la polvere, che vengono trasmessi in questo modo.

Per il loro studio, il ricercatore senior Dott. Adriano Aguzzi, professore presso l’Istituto di Neuropatologia dell’Università di Zurigo, e colleghi, hanno messo i topi in speciali camere per inalazione e li hanno esposti agli aerosol contenenti prioni.

Sono stati molto sorpresi nello scoprire che l’inalazione degli aerosol contaminati da prioni (in questo caso la scrapie) ha provocato una spaventosa efficienza: solo un minuto di esposizione ha infettato il 100 per cento dei topi, ha affermato Aguzzi in un comunicato stampa.

Inoltre, più a lungo i topi sono stati esposti agli aerosol contaminati da prioni, più breve è stato il periodo di incubazione della malattia e in breve tempo sono comparsi i sintomi di una malattia da prioni.

Hanno anche scoperto che lo stesso si è verificato nei topi privi di varie cellule immunitarie (come le cellule B e T) e nelle funzioni immunitarie, concludendo che “un sistema immunitario funzionalmente intatto non è strettamente necessario per l’infezione da prioni aerogeniche”.

Aguzzi ha dichiarato alla stampa che queste scoperte sono state una grande sorpresa e contraddicono l’opinione ampiamente diffusa secondo cui i prioni non sono abituati.

La malattia da prione che ha causato l’epidemia della mucca pazza ha portato alla morte di centinaia di migliaia di mucche negli ultimi decenni.

Un prione è una proteina che non è piegata nel modo richiesto per il normale funzionamento, e quando entra in contatto con altre proteine ​​agisce come un modello e le causa anche in modo errato, causando alla fine una reazione a catena che distrugge le cellule.

Quando gli esseri umani ingeriscono cibo prodotto da mucche infette da BSE, i prioni che assumono possono causare una variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD), una condizione neurodegenerativa fatale e fatale in cui la reazione a catena del prione provoca la morte delle cellule cerebrali e il tessuto cerebrale interessato assume una caratteristica forma spugnosa. Fino a 300 persone sono morte per aver catturato la vCJD in questo modo.

Luoghi come laboratori scientifici, macelli e impianti per l’alimentazione degli animali tendono ad avere regole severe per prevenire la trasmissione dei prioni, ma generalmente non includono le procedure per prevenire la trasmissione per via aerea perché si è supposto che i prioni non viaggino in quel modo.

Aguzzi e colleghi suggeriscono che questo dovrebbe essere modificato al fine di ridurre al minimo l’infezione negli esseri umani e negli animali. Hanno sottolineato che questi risultati provengono dalla produzione di aerosol contenenti prioni in condizioni di laboratorio e non vi è alcun suggerimento che persone con la malattia di Creutzfeldt-Jakob espirano prioni.

“Gli aerosol trasmettono i prioni ai topi immunocompetenti e immunodeficienti”.
Johannes Haybaeck, Mathias Heikenwalder, Britta Klevenz, Petra Schwarz, Ilan Margalith, Claire Bridel, Kirsten Mertz, Elizabeta Zirdum, Benjamin Petsch, Thomas J Fuchs, Lothar Stitz, Adriano Aguzzi.
PLoS Pathogens, 7 (1): e1001257, pubblicato online il 13 gennaio 2011
DOI: 10.1371 / journal.ppat.1001257

Fonte aggiuntiva: Università di Zurigo (comunicato stampa, 13 gennaio 2011).

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: