Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Problemi di sonno? Assumere una pillola o bere alcolici potrebbe non essere la migliore opzione

Secondo un nuovo studio degli esperti della Ryerson University pubblicato nel numero di dicembre di Behavior Therapy, prendere un sonnifero o bere alcolici potrebbe non essere il modo più efficace per ottenere un sonno notturno migliore a lungo termine per le persone che soffrono di insonnia.

Heather Hood, uno studente di dottorato in psicologia clinica e ricercatore capo dello studio commenta:

“I poveri dormienti che praticano ciò che chiamiamo” comportamenti di sicurezza “, come assumere farmaci per il sonno o bere alcolici, in realtà stanno interrompendo il loro sonno a lungo termine, guidati da convinzioni inutili sul sonno, ma persone che soffrono di insonnia o il povero sonno sente di dover fare queste cose per aiutarli ad addormentarsi. “
Hood, uno specialista della terapia dell’insonnia, che aveva già studiato il legame tra disturbi d’ansia e comportamento di sicurezza in uno studio precedente, voleva stabilire se vi fosse anche un legame con l’insonnia, dato che il 10-15% dei canadesi soffriva di livelli clinici di insonnia.

Hood, il dottor Colleen Carney, il suo supervisore accademico e direttore del Laboratorio del sonno e della depressione di Ryerson e altri laureati. Lo studente di psicologia Andrea Harris ha condotto un sondaggio online in cui ha interrogato 397 studenti universitari sui loro comportamenti di sicurezza, vale a dire le loro routine per evitare di essere svegli durante la notte, con che frequenza hanno completato questi compiti e quanto pensavano di svolgere queste attività al fine di dormire. Sono stati anche interrogati su quale fosse la loro definizione di sonno insufficiente e in quale misura sono andati per evitare di sentirsi stanchi.

I risultati hanno rivelato che il 40% degli studenti erano poveri dormienti che probabilmente usavano comportamenti di sicurezza che non aiutavano.

Hood ha commentato:

“Questi studenti non solo facevano affidamento su questi comportamenti di sicurezza per aiutarli, ma credevano veramente che queste routine li aiutassero a dormire meglio di notte, ma le loro convinzioni forti in questi comportamenti stavano effettivamente causando loro maggiori problemi di sonno.

Un povero dormiente o qualcuno con insonnia può avere molte ragioni per aver bisogno di fare queste cose per aiutarli a dormire, ma il nostro studio mette in discussione le loro convinzioni se sono davvero utili. “
Il team di ricerca ha anche osservato che i poveri dormienti si sentivano dipendenti da determinati compiti per aiutarli a dormire. Gli studenti che non hanno avuto problemi ad addormentarsi spesso non pensavano a nulla, semplicemente si addormentavano.

Carney, che è anche terapeuta del sonno e che ha vinto un premio dal programma Early Researchers Award del governo dell’Ontario per promettenti ricercatori universitari nel 2009, ha dichiarato:

“Le persone che dormono male esercitano un sacco di energia cercando di forzare il sonno.Il sonno è qualcosa che deve svolgersi in modo naturale, quindi più ti impegni nei comportamenti per cercare di dormire, meno è probabile che ti addormenti.”
Suggerisce la terapia cognitiva comportamentale come una soluzione più efficace a lungo termine per chi soffre di sonno, dicendo:

“Nella terapia cognitiva comportamentale, che è ciò che stiamo studiando a Ryerson, stiamo insegnando ai pazienti a rinunciare a questa lotta e a lavorare con la loro fisiologia per aiutarli ad imparare come addormentarsi naturalmente. La terapia cognitiva comportamentale è la terapia raccomandata in prima linea per l’insonnia cronica, ti insegna ad adottare le abitudini di un buon dormiente cambiando le abitudini del sonno e avendo un atteggiamento più rilassato verso il riposo notturno. “
Scritto da Petra Rattue

Like this post? Please share to your friends: