Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Pronto soccorso per l’ictus: cosa fai?

Un ictus è un’emergenza medica. Un intervento rapido può aumentare la possibilità di sopravvivenza di una persona e ridurre il rischio di invalidità a lungo termine.

Gli ictus si verificano quando l’apporto di sangue al cervello è bloccato o limitato. Ogni anno, oltre 795.000 persone negli Stati Uniti hanno un ictus – che è circa uno ogni 40 secondi.

Se qualcuno sta avendo un ictus, un’azione rapida è vitale. Chiama subito il 911 o chiama qualcun altro.

Fatti veloci sul pronto soccorso per l’ictus:

  • Esistono diverse forme di ictus con ciascuna che ha una causa diversa.
  • La rapidità con cui è stato trattato il tratto gioca un ruolo significativo nel recupero dell’ictus.
  • I sintomi dell’ictus variano in gravità.
  • Anche se i sintomi di un ictus si risolvono rapidamente, è necessaria l’assistenza medica immediata.

Quali sono i primi passi nell’affrontare l’ictus?

Primo soccorso.

Dopo aver chiamato il 911:

  • Mantenere la calma.
  • Assicurarsi che l’area circostante sia sicura e che non vi sia alcun pericolo imminente, ad esempio da veicoli in movimento.
  • Parla con la persona. Chiedi loro il loro nome e altre domande. Se l’individuo non è in grado di parlare, chiedi loro di stringere la mano in risposta alle domande. Se la persona non risponde, è probabile che sia inconscia.

Se la persona è cosciente:

  • Posizionali delicatamente in una posizione comoda. Idealmente, dovrebbero essere distesi su un fianco con la testa e le spalle leggermente sollevate e sostenute da un cuscino o un capo di abbigliamento. Dopo questo, prova a non spostarli.
  • Allentare tutti gli indumenti stretti, come colletti delle camicie abbottonati o sciarpe.
  • Se sono freddi, usa una coperta o un cappotto per tenerli caldi.
  • Controlla che le loro vie aeree siano chiare. Se ci sono oggetti o sostanze, come il vomito, in bocca che potrebbero ostacolare la respirazione, posizionare la persona dalla propria parte nella posizione di recupero (vedere sotto).
  • Rassicurare la persona Di ‘loro che l’aiuto è in arrivo.
  • Non dare loro cibo o liquidi.
  • Annota i sintomi della persona e cerca eventuali cambiamenti nella condizione. È importante fornire al personale di emergenza quante più informazioni possibili sulla situazione.
  • Cerca di ricordare il momento in cui sono iniziati i sintomi, guarda se possibile un orologio. È difficile stimare il passare del tempo quando si è in una situazione stressante.

Se la persona è incosciente:

  • Spostali nella posizione di recupero (vedi sotto).
  • Monitora le loro vie respiratorie e respiratorie. Per fare questo:
    • sollevare il mento della persona e inclinare leggermente la testa all’indietro
    • guarda se il loro petto si sta muovendo
    • ascoltare i suoni respiratori
    • posizionare una guancia sulla bocca e cercare di sentire il loro respiro
  • Se non ci sono segni di respirazione, iniziare la RCP (rianimazione cardiopolmonare)

La pratica corrente per CPR è solo compressioni toraciche. Il 911 può istruirti su come farlo se non sai come.

La posizione di recupero

Posizione di recupero.

Se qualcuno è incosciente o se le vie aeree non sono completamente chiare, posizionarle nella posizione di recupero. Per fare questo:

  1. Inginocchiati accanto a loro.
  2. Prendi il braccio più lontano e posizionalo ad angolo retto rispetto al loro corpo.
  3. Metti l’altro braccio sul petto.
  4. La gamba più lontana dovrebbe rimanere dritta. Piegare l’altro ginocchio.
  5. Sostieni la testa e il collo e fai rotolare la persona sul fianco, in modo che la loro gamba inferiore sia diritta e la gamba superiore sia piegata al ginocchio, con quel ginocchio che tocca il suolo.
  6. Inclinare la testa leggermente in avanti e in basso in modo che il vomito nelle vie respiratorie possa defluire.
  7. Cancellare manualmente la bocca della persona, se necessario.

Esecuzione di rianimazione cardiopolmonare (CPR)

CPR è una tecnica salvavita che può essere eseguita per aiutare le persone il cui respiro e il battito del cuore si sono fermati. Se qualcuno che ha avuto un ictus non respira, eseguire la RCP fino all’arrivo dei servizi di emergenza, può salvargli la vita.

L’American Heart Association (AHA) raccomanda che coloro che non hanno ricevuto un addestramento formale alla RCP avviano la RCP a mani libere su adolescenti e adulti.

Questo tipo di RCP comporta l’uso delle mani senza rianimazione bocca a bocca. Consiste di due passaggi:

  1. Chiamando il 911.
  2. Spingendo forte e veloce al centro del petto.

Se è disponibile un dispositivo defibrillatore esterno automatico (AED), può essere utilizzato per controllare il ritmo cardiaco e fornire una scossa elettrica al torace, se necessario.

Conoscere i sintomi di un ictus

Riconoscere i segni di un ictus è una componente vitale per reagire a una situazione di emergenza causata da qualcuno che ha un ictus. Alcuni sintomi possono essere molto sottili mentre altri sono abbastanza ovvi.

Usa l’acronimo FAST per riconoscere i sintomi dell’ictus:

  • Viso. C’è debolezza o caduta su un lato della faccia della persona? Chiedere loro di sorridere o di sporgere la lingua può mostrare una sottile debolezza o abbassarsi.
  • Braccia. Sono in grado di alzare entrambe le braccia?
  • Discorso. Il loro discorso è confuso o difficile da capire?
  • Tempo. Se si verifica una delle condizioni sopra elencate, chiamare il 911 senza indugio.

Altri sintomi di ictus includono:

  • paralisi su un lato del viso o del corpo
  • improvvisa offuscamento o perdita della vista, specialmente da un occhio
  • difficoltà a parlare
  • difficoltà a deglutire
  • nausea
  • perdita di controllo dell’intestino o della vescica
  • apparendo “ubriaco” con cadute inspiegabili o perdita di equilibrio
  • mal di testa improvviso
  • confusione
  • perdita di conoscenza
  • vertigini

Questi sintomi possono essere un segnale di avvertimento di un ictus futuro.

Cause e fattori di rischio

Pressione sanguigna misurata.

Il trattamento di pronto soccorso di emergenza è lo stesso per tutti i tratti, indipendentemente dalla loro causa.

  • Ictus ischemico: questa è la forma più comune di ictus. È causato da un blocco o restringimento delle arterie che portano il sangue al cervello. I blocchi possono essere causati da coaguli di sangue o depositi di grasso.
  • Ictus emorragico. Questi sono causati quando le arterie nel cervello perdono sangue o si aprono.Questo sangue danneggia le cellule cerebrali e riduce l’afflusso di sangue al cervello.
  • Attacco ischemico transitorio. Con questa forma di ictus, il sangue al cervello viene brevemente interrotto, di solito causato da un coagulo di sangue. I sintomi di ictus transitori possono risolversi rapidamente, ma in genere fungono da segnale di avvertimento di ictus più gravi in ​​futuro.

Fattori di rischio

I seguenti fattori aumentano il rischio di ictus:

  • alta pressione sanguigna
  • colesterolo alto
  • storia di ictus
  • diabete
  • malattia del cuore
  • fumo

Il rischio di ictus aumenta con l’età.

Trattamento di follow-up

In ospedale, i medici esamineranno la persona e potranno eseguire test come una risonanza magnetica (MRI) o una tomografia computerizzata (TC) per confermare la diagnosi. Queste tecniche di imaging possono anche aiutare i medici a scoprire la causa dell’ictus.

Le opzioni di trattamento includono:

  • medicazione
  • Fisioterapia
  • logoterapia
  • cambiamenti dello stile di vita
  • chirurgia

Se l’ictus si è verificato nelle ultime ore, i medici potrebbero somministrare determinati farmaci per affrontare i coaguli di sangue e ridurre il rischio di effetti a lungo termine.

prospettiva

Le prospettive per le persone che hanno avuto un ictus varia. Inoltre, l’assunzione di condizioni mediche associate, come il diabete e l’ipertensione, può aumentare il rischio di ictus futuri e può ostacolare il recupero.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l’ictus è la quinta causa di morte negli Stati Uniti, i neri hanno quasi il doppio delle probabilità di avere un ictus, e qualcuno muore per un ictus ogni 4 minuti.

L’intervento rapido dopo i sintomi dell’ictus è di vitale importanza. Il CDC consiglia che le persone che arrivano al pronto soccorso entro 3 ore dall’apparizione dei sintomi dell’ictus hanno meno probabilità di sperimentare disabilità rispetto a quelle che hanno ricevuto cure ritardate.

Like this post? Please share to your friends: