Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Psiconeuroimmunologia: ridete e state bene

L’idea che una visione positiva della vita e una disposizione allegra aiutino a scongiurare la malattia è antica quanto le colline. Forse sorprendentemente, questo adagio è molto più di un racconto di vecchie mogli.

[Cellule immunitarie che interagiscono con i recettori]

Negli ultimi decenni, i legami intriganti e pervasivi tra neuroscienza e sistema immunitario sono stati scoperti lentamente.

Ciò che potrebbe sembrare, in un primo momento, come un matrimonio difficile tra il cervello e l’immunità è cresciuto costantemente in un’area di studio interdisciplinare a pieno titolo.

Questo campo è noto come psiconeuroimmunologia (PNI).

È ben stabilito, nella mente della maggior parte della gente, che lo stress può indurre malattia e che, al contrario, un’occasione piena di divertimento con i propri cari può lenire dolori e dolori e allontanare la stessa malattia.

Ciò che potrebbe essere stato definito pseudoscienza qualche decennio fa ora trova un forte sostegno da molte parti. PNI ha profonde ramificazioni per il futuro della ricerca medica, il trattamento delle malattie e il nostro atteggiamento verso la gestione dello stress.

In questo articolo, daremo un’occhiata alla nascita di PNI, come interagiscono i sistemi immunitario e nervoso e alcuni dei modi in cui questi percorsi di comunicazione ci riguardano tutti.

L’impatto della mente sulla salute

In primo luogo, daremo uno sguardo molto breve ad alcuni esempi di come la psicologia abbia dimostrato di influenzare il sistema immunitario:

  • Lutto: storie di persone recentemente in lutto che muoiono dopo il loro partner sono comuni. Questi racconti non sono solo apocrifi. Uno studio che ha seguito 95.647 persone recentemente vedove ha rilevato che durante la prima settimana dopo il lutto, la mortalità era il doppio del tasso previsto. C’è di più in questo che in un “cuore spezzato” metaforico
  • L’intestino: è ormai abbastanza consolidato che esiste una forte associazione tra gli eventi di vita stressanti prolungati e l’insorgenza di sintomi nei disturbi gastrointestinali funzionali, nella malattia infiammatoria intestinale e nella sindrome dell’intestino irritabile
  • Cancro: i professionisti della salute che lavorano con i malati di cancro sanno fin troppo bene che le prospettive di un paziente e la loro quantità e qualità di supporto psicologico possono avere un impatto enorme sul risultato della loro malattia
  • HIV (virus dell’immunodeficienza umana): studi hanno trovato prove significative del fatto che livelli elevati di stress e un ridotto supporto sociale accelera la progressione dell’infezione da HIV
  • Disturbi della pelle: psoriasi, eczema e asma sono tutti noti per avere aspetti psicologici per loro. Una giornata stressante in ufficio può farti grattare mentre ti avvicini alla pompa per l’asma
  • Guarigione delle ferite: la velocità con cui un paziente chirurgico guarisce è stata collegata a fattori psicologici. Ad esempio, aumentati livelli di paura o angoscia prima dell’intervento sono stati associati a esiti peggiori, tra cui soggiorni più lunghi in ospedale, maggiori complicanze postoperatorie e tassi più elevati di reospedalizzazione. In uno studio su pazienti con lesioni croniche della parte inferiore della gamba, quelli che hanno riportato i più alti livelli di depressione e ansia hanno mostrato una guarigione significativamente ritardata.

Nonostante i resoconti di prima mano di eventi psicologici stressanti o estenuanti che hanno avuto un impatto negativo sul benessere fisico, le prove scientifiche alla base di queste storie non sono state inizialmente disponibili.

In che modo l’attività neurale può influenzare l’attività del sistema immunitario? Il classico sistema di messaggistica del sistema immunitario – il sistema linfatico – non è presente nel sistema nervoso centrale, quindi le conversazioni tra i due sono considerate impossibili.

Quel che sembra una ciarlataneria medievale ora è considerato un fatto scientifico; i meccanismi che stanno alla base delle interazioni del cervello immune sono costantemente scoperti.

Come con così tante scoperte scientifiche, è stata un’osservazione casuale a far girare la palla.

La nascita della psiconeuroimmunologia

Robert Ader è ampiamente considerato il padre della PNI moderna. Le sue prime ricerche, che prevedevano il condizionamento nei ratti, aprirono le porte per lo studio della comunicazione immune cerebrale.

[Le cellule immunitarie attaccano il cancro

Ader, uno psicologo di mestiere, lavorava a stretto contatto con Nicholas Cohen, un immunologo.

La loro specialità li ha resi la squadra perfetta per il lavoro, anche se non se ne sono resi conto al momento.

La loro scoperta fondamentale è stata la cortesia del vecchio amico della scienza, la serendipità.

Ader stava lavorando su varianti del classico esperimento sui cani di Pavlov: la salivazione nei cani era condizionata da uno stimolo uditivo – come un metronomo – prima che venissero alimentati ogni giorno. Di conseguenza, lo stimolo ha indotto la salivazione senza la presenza di cibo.

Nella versione di Ader dell’esperimento, ha somministrato ai ratti diverse quantità di soluzione di saccarina e contemporaneamente li ha iniettati con Cytoxan – un farmaco che induce disturbi gastrointestinali e sopprime il sistema immunitario. I ratti sono stati condizionati per evitare di bere la soluzione, come previsto.

Ader ha poi cessato di iniettare i ratti, ma ha continuato a presentare l’acqua reticolata con saccarina. I topi hanno evitato la soluzione ma, stranamente, alcuni di loro sono morti. Notò che la risposta di evitamento e il livello di mortalità variavano a seconda della quantità di acqua di saccarina che erano stati presentati.

I risultati hanno incuriosito Ader; sembrava che la risposta di evitamento fosse stata condizionata come previsto, ma, inaspettatamente, anche il corrispondente calo di immunità. In un’intervista del 2010, ha spiegato:

“Come psicologo, non ero a conoscenza del fatto che non ci fossero connessioni tra il cervello e il sistema immunitario, quindi ero libero di considerare ogni possibilità che potesse spiegare questa relazione ordinata tra la grandezza della risposta condizionata e il tasso di mortalità.

Un’ipotesi che mi sembrava ragionevole era che, oltre a condizionare la risposta di evitamento, stavamo condizionando gli effetti immunosoppressivi [di Cytoxan]. “

Il suo studio successivo, pubblicato nel 1975, dimostrò oltre ogni dubbio che la sua intuizione, benché sorprendente e apertamente derisa da altri scienziati, era azzeccata.

Il gioco era davvero cambiato. Un segnale neurale (gusto) era riuscito a innescare una riduzione condizionata del sistema immunitario. I risultati furono replicabili, e sebbene la teoria avesse ricevuto qualcosa in più della sua giusta dose di flack, non sembrava esserci altro modo di spiegarlo.

Tutto ad un tratto, il sistema nervoso centrale e l’immunità erano compagni di letto.

Le prove per le interazioni cervello-immuno montano

Seguendo questi esperimenti seminali, la scienza ha iniziato a costruire un’immagine di questa nuova e inaspettata interazione.

[Due macrofagi]

Se il sistema immunitario era in combutta con il sistema nervoso, ci devono essere punti in cui si intersecano. Ben presto anche questo fu dimostrato.

Nel 1981, David Felten fece la prossima grande scoperta. Ha scoperto una rete di nervi che portava ai vasi sanguigni e, soprattutto, alle cellule del sistema immunitario.

La squadra di Felten trovò i nervi nel timo e nella milza terminati vicino a gruppi di importanti componenti del sistema immunitario: linfociti, macrofagi e mastociti.

Nel 1985, Candace Pert trovò neurotrasmettitori e recettori neuropeptidici sulle pareti cellulari del sistema immunitario e del cervello. Questa scoperta ha dimostrato che le sostanze chimiche di comunicazione del sistema nervoso potrebbero anche parlare direttamente al sistema immunitario.

Ciò che ha reso questa scoperta particolarmente affascinante è stata la scoperta di collegamenti neuropeptidici al sistema immunitario.

Il ruolo dei neuropeptidi

I neuropeptidi sono le ultime molecole che si uniscono ai ranghi dei neurotrasmettitori. I neuroni li usano per comunicare tra loro e, ad oggi, più di 100 neuropeptidi distinti sembrano essere utilizzati dal sistema nervoso.

Piuttosto che l’azione relativamente breve del neurotrasmettitore classico, i neuropeptidi hanno effetti più duraturi e possono influenzare un numero di operazioni, dall’espressione genica alla costruzione di nuove sinapsi.

È interessante notare che i neuropeptidi sono implicati in una vasta gamma di funzioni che coinvolgono un aspetto emotivo. Per esempio, i neuropeptidi sono noti per avere un ruolo nella ricerca della ricompensa, nei comportamenti sociali, nella riproduzione, nella memoria e nell’apprendimento.

Come parla il cervello con il sistema immunitario?

Mentre il campo della PNI cresce e si sviluppa, vengono scoperti molti percorsi discreti di chiacchiere tra psicologia e immunità.

Negli ultimi decenni, la profondità di integrazione tra sistema nervoso e sistema immunitario è stata lentamente ignorata.

Per brevità, menzioneremo solo una delle reti meglio interpretate in gioco: l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) e l’impatto che lo stress psicologico ha su quella particolare rete.

Asse ipotalamo-ipofisi-surrene

L’asse HPA coinvolge tre piccole ghiandole endocrine – ghiandole che secernono ormoni direttamente nel sangue. Le ghiandole in questione sono l’ipotalamo e l’ipofisi, che sono vicini neurologici e le ghiandole surrenali, situate sopra i reni.

Questo triumvirato di tessuti controlla le reazioni allo stress e regola i processi tra cui la digestione, il sistema immunitario, la sessualità, l’umore e l’utilizzo di energia.

[Accensione sinapsi]

Una sostanza chimica nota nell’attività dell’asse HPA è l’ormone rilasciante la corticotropina (CRH). L’ipotalamo rilascia CRH in risposta a stress, malattia, esercizio fisico, cortisolo nel sangue e cicli sonno / veglia. Picchietta subito dopo il risveglio e diminuisce lentamente per tutto il resto della giornata.

In un individuo stressato, tuttavia, i livelli di cortisolo sono elevati per periodi di tempo prolungati.

Durante lo stress, il corpo crede che sia in pericolo imminente, quindi il cortisolo innesca una serie di cambiamenti metabolici per assicurare che sia disponibile energia sufficiente in caso sia necessario un combattimento o un volo.

Una di queste tattiche di risparmio energetico è quella di sopprimere il sistema immunitario metabolicamente costoso, risparmiando il glucosio vitale per l’evento che si avvicina alla vita.

Certamente, negli umani moderni, i livelli di stress possono aumentare per una serie di motivi. Pochissime di queste situazioni comportano una vera minaccia alla vita, ma l’asse HPA si è evoluto molto prima delle scadenze di dissertazione e delle interviste di lavoro.

In questo modo, lo stress continuo può ridurre le capacità del sistema immunitario in quanto il corpo salva la sua energia per uno sforzo fisico che non arriva mai.

Al contrario, ci sono alcune prove che l’ossitocina, prodotta durante le interazioni sociali positive, aiuta a smorzare l’attività dell’asse HPA. Questo ha dimostrato di promuovere benefici per la salute, come aumentare la velocità di guarigione delle ferite.

L’interazione tra l’ipotalamo, l’ipofisi e le ghiandole surrenali è complessa, così come l’influenza di altri centri cerebrali su ciascuno di essi. Anche se abbiamo un’immagine di alcuni dei suoi meccanismi, siamo molto lontani dal tracciare l’intera gamma di influenze e influencer. E l’asse HPA è solo uno dei sistemi scoperti da PNI.

Diverso stress, diversa risposta immunitaria

Una meta-analisi di 300 studi empirici ha rilevato che alcuni tipi di stress alteravano diversi aspetti del sistema immunitario. Hanno confrontato brevi fattori di stress, come gli esami, con fattori di stress cronici – eventi che cambiano l’intera vita di una persona, come la cura di un partner con demenza.

Brevi fattori di stress tendevano a sopprimere l’immunità cellulare (il tipo che si occupa di invasori cellulari, come i virus) preservando l’immunità umorale (di solito si occupa di patogeni al di fuori delle cellule, come parassiti e batteri).

I fattori di stress cronici tendevano a sopprimere entrambi i tipi di immunità.

Lo stress ha un effetto misurabile sulla forza del sistema immunitario e quindi sulla sua capacità di proteggerci. In un modo molto reale, la gestione dei livelli di stress può aiutare a massimizzare la virilità del tuo sistema immunitario.

La ricerca ha dimostrato più e più volte che le persone in situazioni stressanti hanno cambiamenti misurabili nelle risposte fisiche alle lesioni. Se è rallentata la guarigione delle ferite, una maggiore incidenza di infezione o una prognosi peggiore per la sopravvivenza del cancro.

Rams a casa il messaggio che gestire lo stress è un’importante capacità di apprendimento e che sostenere chi è in situazioni stressanti è altrettanto importante.

Per molti anni, il sistema immunitario è stato considerato un meccanismo autonomo autonomo. Questo, come ora sappiamo, non è il caso. Il cervello parla regolarmente ed eloquentemente alle cellule del sistema immunitario e viceversa.

Lo stress è sia psicologico che fisico.

Like this post? Please share to your friends: