Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Psoriasi e stress: qual è il collegamento?

La psoriasi è una condizione della pelle a lungo termine, pruriginosa e scomoda che è collegata allo stress in diversi modi. Non solo lo stress può scatenare riacutizzazioni della psoriasi, ma vivere con la psoriasi può avere un effetto dannoso sulla salute mentale generale di una persona.

Quando una persona ha la psoriasi, il suo sistema immunitario causa la produzione di troppe cellule della pelle. Queste cellule si accumulano in chiazze rosse coperte di scaglie argentee. La psoriasi può anche causare infiammazioni in tutto il corpo.

Questo articolo esplora la relazione tra psoriasi e stress e considera come le persone con psoriasi possono gestire i loro trigger.

In che modo lo stress innesca la psoriasi?

Uomo d'affari che lavora sodo, stressato con mal di testa.

I medici sanno che un problema con il sistema immunitario causa l’eccessiva crescita delle cellule della pelle che è caratteristica della psoriasi. Tuttavia, le cause alla base di questa risposta immunitaria non sono ancora state comprese.

La psoriasi è una condizione a lungo termine e al momento non ha una cura.

Lo stress psicologico può scatenare riacutizzazioni. Quando una persona sperimenta livelli ridotti di stress, anche la sua pelle tende a migliorare.

Una revisione del 2013 rileva che il 68% degli adulti con psoriasi sperimenta riacutizzazioni dopo incidenti stressanti.

Gli scienziati non sanno esattamente perché lo stress peggiora la psoriasi, ma credono che si riferisca all’effetto che lo stress ha sull’infiammazione.

Uno studio del 2014 osserva che i fattori di stress possono aumentare la risposta del sistema immunitario coinvolto nell’infiammazione.

Ciò significa che essere sotto stress psicologico può portare a un’infiammazione fisica nel corpo. A sua volta, l’aumento dell’infiammazione può peggiorare i sintomi della psoriasi.

Questo studio del 2013 suggerisce anche che l’aumento delle cellule infiammatorie che deriva dallo stress aggrava i sintomi della psoriasi.

Inoltre, uno studio ha scoperto che le donne con depressione erano ad alto rischio di sviluppare la psoriasi.

Mentre i ricercatori stanno ancora esplorando la relazione tra depressione e infiammazione, la loro connessione potrebbe essere influente nei futuri trattamenti di psoriasi.

Come gestire i trigger della psoriasi

Gruppo praticando tai chi e consapevolezza nel parco.

Mentre evitare lo stress non è sempre possibile, si può fare molto per ridurre gli effetti che ha sul corpo e sulla mente di una persona.

Le seguenti attività possono aiutare a ridurre l’impatto dello stress su una persona affetta da psoriasi e rendono meno probabile la comparsa di riacutizzazioni:

  • Esercizio: anche solo una camminata veloce può aiutare a rilasciare endorfine. Queste sostanze chimiche felici possono aiutare a ridurre lo stress e promuovere un senso di benessere.
  • Yoga, meditazione e consapevolezza: tutte e tre queste attività possono aiutare a ridurre lo stress e l’ansia. Lo yoga è particolarmente utile in quanto è una forma fisica di meditazione. Ciò significa che ha il vantaggio di alleviare lo stress del rilascio di endorfine allo stesso modo di altre forme di esercizio.
  • Tai chi: questo è un altro esercizio fisico che incorpora la consapevolezza. Comporta movimenti lenti e deliberati guidati dal respiro, che possono aiutare a ridurre i livelli di stress.
  • Massaggio: fare un massaggio può aiutare a ridurre lo stress e le tensioni muscolari, oltre a favorire un senso di benessere.

Evitare di fumare o bere troppo alcol e seguire una dieta salutare ed equilibrata può anche essere utile per la gestione dello stress.

A volte, tuttavia, è difficile gestire i livelli di stress nonostante i cambiamenti dello stile di vita. Se una persona trova difficile gestire lo stress, un medico può chiedere a uno specialista di aiutarla.

Uno studio del 2016 suggerisce che l’accesso precoce all’intervento psicologico potrebbe essere un modo importante per aiutare a gestire la psoriasi.

Psoriasi e salute mentale

Psoriasi sul gomito.

Lo stress può scatenare riacutizzazioni della psoriasi e l’impatto che le fiammate possono avere sul bilancio della salute mentale di una persona. Ciò può comportare un circolo vizioso di stress e riacutizzazioni della psoriasi.

La psoriasi è una condizione a lungo termine che può essere pruriginosa, dolorosa e causare molto disagio. Potrebbe anche essere visibile e far sì che una persona si senta infelice o a disagio nel suo aspetto.

Gli effetti combinati del disagio fisico e dell’autocoscienza possono avere un profondo impatto sul benessere mentale di una persona.

Uno studio nel 2015 ha rilevato che lo stress cronico ha un’influenza significativa sulla qualità della vita correlata alla salute nelle persone con psoriasi.

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) si è dimostrata efficace nell’aiutare le persone con psoriasi che hanno problemi di salute mentale a causa delle loro condizioni.

prospettiva

Mentre la psoriasi è una condizione della pelle a lungo termine, ci sono alcuni trattamenti disponibili per aiutare a gestire i suoi sintomi. Questi includono la terapia della luce e i farmaci topici.

Lo stress è un fattore scatenante per le riacutizzazioni della psoriasi a causa di come si rapporta al sistema immunitario e all’infiammazione. Impegnarsi in attività che aiutano a gestire lo stress può aiutare le persone con psoriasi a ridurre le riacutizzazioni.

Capire come ridurre l’impatto dei trigger, come lo stress, può ridurre l’impatto negativo che la psoriasi può avere sulla vita di una persona. Seguendo un piano di trattamento della psoriasi come consigliato da un medico può anche aiutare a mantenere i sintomi sotto controllo.

Se una persona ha la psoriasi e sta vivendo l’ansia o la depressione, dovrebbe parlare con un medico. Un medico può indirizzarli a uno specialista che può offrire CBT o terapie simili.

Like this post? Please share to your friends: