Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

PTSD: cosa è necessario sapere

PTSD (Post-Traumatic Stress Disorder) è innescato da un evento traumatico – è una sorta di ansia derivante dall’esperienza di un evento che ha causato paura estrema, shock e / o sensazione di impotenza.

Molti di noi sperimentano un breve periodo di difficoltà nell’adattare e affrontare eventi traumatici. Tuttavia, gradualmente miglioriamo con il tempo e metodi di coping sani.

D’altra parte, ci sono momenti in cui i sintomi peggiorano e possono durare per diversi mesi o anni. Questo studio spiega come PTSD può emergere due anni dopo un evento traumatico. Un altro studio ha rilevato che un abitante su otto della Lower Manhattan probabilmente aveva il PTSD da due a tre anni dopo gli attacchi dell’11 settembre.

La vita del malato può essere completamente interrotta – in questi casi la persona soffre di PTSD. Per evitare che il PTSD diventi una malattia a lungo termine, è fondamentale che il malato riceva il trattamento il prima possibile.

I membri dei servizi militari che tornano dall’Iraq e dall’Afghanistan probabilmente soffriranno di disturbi post-traumatici da stress (PTSD) e di abuso di alcol contemporaneamente, secondo uno studio.

Secondo il dizionario medico di MediLexicon, il disturbo post-traumatico da stress (PTSD) è:

  1. Sviluppo di sintomi caratteristici a lungo termine a seguito di un evento psicologicamente traumatico che è generalmente al di fuori della normale esperienza umana; i sintomi includono ri-sperimentare costantemente l’evento e tentare di evitare stimoli che ricordano il trauma, la risposta insensibile agli stimoli ambientali, una varietà di disfunzioni neurologiche e cognitive e disforia.
  2. Una diagnosi DSM che viene stabilita quando vengono soddisfatti i criteri specificati. “(DSM = un’abbreviazione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali della American Psychiatric Association).

Una persona può comunemente soffrire di PTSD dopo aver sperimentato o assistito a uno dei seguenti eventi:

Sofferenza del soldato con ansia visibile
PTSD può essere diagnosticato spesso nel ritorno dei membri del servizio militare.

  • Confronti militari
  • Disastri naturali
  • Incidenti gravi
  • Attacco terroristico
  • Morti violente
  • Stupro
  • Aggressioni personali
  • Qualsiasi situazione che innesca la paura, lo shock, l’orrore e / o l’impotenza.

Prevalenza: quanto è comune il DPTS?

Ognuno di noi può soffrire di PTSD, date le giuste circostanze. Si stima che circa il 5% degli uomini e il 10% delle donne soffrano di PTSD ad un certo punto della loro vita. PTSD può verificarsi a qualsiasi età. Secondo l’NHS (National Health Service, UK), circa il 40% dei pazienti ha sviluppato PTSD dopo la morte improvvisa di una persona cara (o qualcuno molto vicino). In genere, una persona con PTSD rivive l’evento orribile attraverso incubi e ha anche flashback; ci possono essere problemi di concentrazione e di sonno, così come sentimenti di isolamento e distacco dalla vita. I sintomi possono raggiungere un tale punto che la capacità del malato di vivere la vita quotidiana è seriamente compromessa.

Sintomi

La maggior parte delle persone esposte a un evento traumatico sperimenterà i sintomi elencati di seguito. Di solito si assottigliano e alla fine scompaiono in pochi giorni o settimane. Per alcune persone, i sintomi possono persistere e persino peggiorare nel tempo:

  • incubi
  • Pensieri spaventosi
  • Sudorazione e agitazione
  • Rifiuto di discutere l’evento
  • Evitare cose che ricordano la persona dell’evento
  • Sentirsi distaccati ed estraniati dagli altri
  • Sentirsi emotivamente e mentalmente intorpidito
  • Incapace di ricordare alcuni aspetti dell’evento
  • Ridotto interesse per la vita
  • Sindrome da volo / lotta
  • Difficoltà a concentrarsi
  • Insonnia (problemi di addormentarsi, svegliarsi e non poter tornare a dormire)
  • malumore
  • Irritabilità
  • Esplosione di rabbia
  • Sorveglianza di possibili pericoli
  • Sensazioni che l’evento è ricorrente
  • Sentimenti di colpa
  • Tratti comportamentali a lungo termine
  • Eccessivo consumo di alcol
  • Tossicodipendenza
  • Problemi di relazione
  • fobie
  • Disturbi d’ansia
  • Grave depressione
  • Mal di testa
  • Problemi di stomaco
  • Vertigini
  • Dolore al petto
  • Dolori e dolori muscolari
  • Sistema immunitario più debole
  • Problemi al lavoro
  • Una disabilità percepita maggiore attribuita al dolore cronico, questo studio indica. Tuttavia, questo studio ha trovato il contrario – che i pazienti con PTSD erano meno sensibili al dolore.

Le persone con PTSD possono scoprire che i sintomi vanno e vengono, mentre altri hanno sintomi gravi e cronici (in medicina “cronica” significa lunga durata, incessante). Alcuni rumori, come il riaccendere l’auto, possono riportare i sintomi o aumentare rapidamente la loro gravità, così come altri promemoria, come un notiziario o un odore.

Quando vedere un dottore

Frammento di definizione PTSD

Le persone possono avere sintomi dopo un evento traumatico ma non hanno PTSD – i sentimenti possono includere paura e ansia, così come mancanza di concentrazione, tristezza e cambiamenti nelle abitudini di sonno e di mangiare. Potrebbero anche esserci periodi di pianto. Questo non significa necessariamente che la persona abbia il DPTS. Tuttavia, se questi sintomi disturbanti persistono per più di un mese, e se sono abbastanza gravi da impedire la capacità della persona di tornare alla vita normale, lui / lei dovrebbe vedere un operatore sanitario. Un trattamento tempestivo con un professionista qualificato contribuirà in modo significativo a prevenire il peggioramento dei sintomi del DPTS.

Ci sono volte in cui i sintomi del DPTS diventano così gravi rispetto a quelli che considerano i danni a se stessi. Se ciò dovesse accadere, i servizi di emergenza dovrebbero essere cercati o aiutati da un familiare o da un buon amico.

Le cause

Gli esperti non possono spiegare completamente perché alcune persone sviluppano PTSD mentre altre no. Le persone di tutte le età sono potenziali malati di PTSD. È particolarmente comune tra le persone che hanno prestato servizio in combattimento (spesso definito “shock da urto, fatica da battaglia o stress da combattimento”). Sappiamo che ci sono alcuni fattori di rischio (un fattore di rischio può aumentare le probabilità di verificarsi di PTSD).

Fattori di rischio per PTSD

  • Gli eventi traumatici che comunemente scatenano il DPTS negli uomini – questi includono l’esposizione al combattimento, lo stupro, l’abbandono dell’infanzia e l’abuso fisico.
  • Gli eventi traumatici che comunemente scatenano il DPTS nelle donne – tra cui stupro, molestie sessuali, attacco fisico, minaccia di un’arma, abuso fisico infantile.
  • Altri eventi traumatici che scatenano il DPTS – tra cui incendi, disastri naturali, rapine, rapine, aggressioni, conflitti civili, incidenti automobilistici, incidenti aerei, torture, rapimenti, attacchi terroristici e attacchi da parte di un animale.
  • Diagnosi medica pericolosa per la vita o un evento medico importante – questo studio ha rilevato che i pazienti con carcinoma mammario che hanno una precedente storia di disturbi dell’umore e dell’ansia hanno un rischio molto più elevato di sperimentare disturbi da stress post-traumatico in seguito alla diagnosi. Un altro studio ha rivelato che la prevalenza dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico e del DPTS nei pazienti che seguono il ricovero in terapia intensiva è del 20% circa. Il sostegno del personale ospedaliero e della famiglia è un fattore importante nella prevenzione del disturbo da stress post-traumatico dopo un importante intervento di terapia intensiva, secondo i ricercatori dell’ospedale Charite di Berlino.
  • Storia familiare di problemi di salute mentale – le persone che hanno un parente stretto con problemi di salute mentale, o coloro che hanno esperienza di pedofilia sono a maggior rischio di sviluppare PTSD se hanno esperienza di eventi traumatici.
  • Genere – una donna ha quattro volte più probabilità di sviluppare PTSD rispetto a un uomo. Gli psichiatri sostengono che questo è probabilmente dovuto al fatto che le donne corrono un rischio maggiore di subire violenza interpersonale, come la violenza sessuale. In tempi di guerra il rischio può essere più alto per gli uomini, in percentuale della popolazione totale. Uno studio ha rilevato che, sebbene i maschi abbiano in media più eventi traumatici rispetto alle femmine, è più probabile che le femmine soddisfino i criteri diagnostici per il DPTS.
  • Genetica – gli scienziati stanno iniziando a suggerire che determinati fattori genetici possono aumentare il rischio di una persona di sviluppare PTSD. I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Bio-comportamentali dell’UCLA hanno scoperto una connessione genetica tra PTSD, depressione e ansia.
  • Fattori fisici – sappiamo che l’ippocampo – una parte del cervello legata alle emozioni e alla memoria – appare diverso nelle scansioni MRI nelle persone con PTSD. Queste alterazioni sono probabilmente collegate a flashback e problemi di memoria.
  • Scarsa salute fisica o mentale – secondo i ricercatori statunitensi, il personale militare con ridotta salute fisica o mentale prima dell’esposizione al combattimento è più vulnerabile allo sviluppo di PTSD dopo lo schieramento.
  • Guardare tragedie in TV – uno studio indica che guardare tragedie, come l’11 settembre in TV, può causare PTSD in alcune persone, anche se non erano fisicamente presenti.
  • Parto – Questo studio rivela che il parto innesca molti più casi di PTSD di quanto si pensi.
  • Risposta ormonale anormale allo stress – secondo gli studi, i livelli di ormoni sono anormali tra le persone con PTSD quando rispondono allo stress. Quando siamo in pericolo estremo, i nostri corpi producono oppiacei naturali che innescano una reazione nel corpo quando siamo messi sotto stress estremo o in una situazione di combattimento o di volo. Questi oppiacei attutiscono i sensi e il dolore sordo. Le persone con PTSD sembrano produrre alti livelli di queste sostanze chimiche quando non vi è alcun pericolo presente. Questo potrebbe essere il motivo per cui si sentono distaccati e senza emozioni.
  • Attacchi di panico e successiva suscettibilità al PTSD non collegati – uno studio interessante ha rilevato che se una persona sperimenta un attacco di panico durante un evento traumatico, non sarà più probabile che patisca il PTSD in futuro.

Diagnosi

La maggior parte dei medici di medicina generale (medici generici, medici di base) nel Nord America, in Europa e in molte altre parti del mondo sono in grado di diagnosticare PTSD dopo aver discusso tutti i sintomi con il paziente. Il medico dovrà sapere come si sente il paziente, la sua salute generale e come stanno dormendo. Esistono questionari appositamente progettati che aiutano un medico a diagnosticare il DPTS. La diagnosi è fatta sulla base di segni e sintomi e una valutazione psicologica. Spesso i medici generici possono indirizzare il paziente a uno psicologo per un’ulteriore valutazione.

Al paziente verrà anche chiesto di spiegare dettagliatamente i suoi sintomi, compresa la loro gravità, quando si presentano, e per quanto tempo durano. Probabilmente verrà chiesto al paziente di descrivere l’evento che ha portato ai sintomi. I medici possono anche effettuare un esame fisico per verificare eventuali altri problemi fisici.

Una persona con PTSD deve soddisfare i criteri enunciati nel DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) pubblicato dall’APA (American Psychiatric Association). Il manuale viene utilizzato da psicologi, psichiatri e altri professionisti della salute mentale per diagnosticare condizioni mentali da parte delle compagnie di assicurazione per determinare il rimborso per il trattamento (negli Stati Uniti).

Gli scienziati dell’Università di Alberta a Edmonton, in Canada, si stanno avvicinando a poter utilizzare le scansioni cerebrali per diagnosticare il PTSD.

Criteri comuni per la diagnosi di PTSD:

Un medico che parla con un paziente di possibili sintomi di PTSD

  • Il paziente ha assistito o assistito a un evento che comportava la morte o gravi lesioni o la minaccia di morte o lesioni gravi.
  • Il paziente ha risposto all’evento con intensa paura, shock, orrore e senso di impotenza.
  • Il paziente allevia le esperienze dell’evento, questo può includere avere ricordi o immagini angoscianti, sogni inquietanti, flashback e forse anche alcune reazioni fisiche.
  • Il paziente evita deliberatamente situazioni o fattori scatenanti che potrebbero ricordargli l’evento traumatico.
  • Il paziente può provare un senso di intorpidimento emotivo.
  • Il paziente si sente costantemente in stato di allerta per i segnali di pericolo. Ciò può comportare problemi di sonno e difficoltà di concentrazione mentale.
  • I sintomi del paziente sono continuati per più di un mese.
  • I sintomi possono interferire con la capacità del paziente di svolgere le sue normali attività quotidiane o causare un disagio significativo.

Sviluppi recenti sul disturbo da stress post-traumatico (PTSD) da notizie MNT

PTSD ‘aumenta i rischi delle donne di infarto e ictus’

Le donne con disturbo da stress post-traumatico hanno una probabilità fino al 60% più alta di infarto o ictus, secondo uno studio di quasi 50.000 partecipanti. I risultati della ricerca sono pubblicati sul giornale della American Heart Association.

Una bassa variabilità della frequenza cardiaca può influenzare il rischio di PTSD

Una bassa variabilità della frequenza cardiaca può contribuire al rischio di disturbi da stress post-traumatico nel personale militare di ritorno dallo schieramento di combattimento, suggerisce un nuovo studio pubblicato nel 2006.

Il cerotto frontale elettrico potrebbe trattare il DPTS cronico

Per la prima volta, una sperimentazione in un piccolo gruppo di pazienti mostra che un nuovo tipo di trattamento per l’epilessia e la depressione che utilizza uno stimolatore cerebrale elettrico indossabile esterno potrebbe ridurre significativamente la gravità del disturbo da stress cronico post-traumatico.

Lo studio suggerisce che il PTSD potrebbe essere prevenuto con microbi intestinali

Una squadra che lavora nel campo delle prestazioni dei vigili del fuoco suggerisce che i microbi intestinali possono essere la chiave per curare o prevenire disturbi da stress post-traumatico e disturbi dell’umore, come ansia e depressione.

Trattamento

Nel Regno Unito il medico generico affiderà molto probabilmente il paziente a un professionista della salute mentale, questo potrebbe essere un consulente, un’infermiera psichiatrica di comunità, uno psicologo o uno psichiatra. Un buon professionista sanitario spiegherà al paziente esattamente come intende proseguire il trattamento. Il PTSD è un disturbo d’ansia clinicamente riconosciuto: per ottenere i risultati terapeutici più efficaci è importante che il paziente e i suoi cari riconoscano questo fatto.

Il PTSD è generalmente trattato con psicoterapia, farmaci o entrambi.

Possibili trattamenti per PTSD

  • Riproduzione di alcuni giochi per computer – suonare “Tetris” dopo eventi traumatici potrebbe ridurre i flashback sperimentati nel PTSD, suggerisce una ricerca preliminare degli psicologi dell’Università di Oxford.
  • CBT (terapia cognitivo-comportamentale) – questo implica l’insegnamento di capacità di apprendimento che aiutano il paziente a cambiare i suoi processi di pensiero negativi. Include anche l’immaginario mentale dell’evento traumatico per aiutare a lavorare attraverso il trauma, al fine di ottenere il controllo della paura e dell’angoscia.
  • EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione del movimento oculare) – il paziente ricorda l’evento mentre esegue diversi movimenti oculari da lato a lato. Questo ha dimostrato di abbassare i livelli di sofferenza per le persone con PTSD, permettendo al paziente di avere più emozioni positive, comportamenti e pensieri.
  • Terapia dell’esposizione – questo comporta che il paziente affronti in modo sicuro la cosa che lo turba e lo disturba, in modo che lui / lei possa imparare ad affrontarlo efficacemente. Questo tipo di terapia è diventato controverso, con alcuni esperti di tutto rispetto che indicano che potrebbe, in effetti, fare più male che bene. Tuttavia, questo interessante articolo indica che la maggior parte delle terapie ha esiti non chiari, ad eccezione della “terapia di esposizione”, che sembra essere efficace.

Farmaci per PTSD

  • SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) – questi sono i farmaci più comunemente prescritti per PTSD; paroxetina è un esempio di un simile farmaco. Aiutano anche a trattare la depressione, l’ansia e i problemi del sonno – sintomi spesso legati al DPTS. I pazienti di età inferiore ai 18 anni non devono assumere SSRI, ad eccezione della fluoxetina sotto consiglio specialistico.
  • Benzodiazepine – queste sono efficaci per il trattamento di irritabilità, insonnia e ansia. Dovrebbero essere usati con cautela perché le persone con PTSD potrebbero diventare dipendenti. Sono, tuttavia, molto efficaci nel trattamento dei sintomi di PTSD, in particolare i sentimenti di ansia.
  • Ecstasy – MDMA – la versione farmaceutica di Ecstasy – può aiutare chi soffre di stress post-traumatico a imparare a gestire i propri ricordi in modo più efficace incoraggiando una sensazione di sicurezza, secondo un articolo pubblicato da SAGE.
  • Terapia ormonale cortisone: uno studio condotto dai ricercatori della Ben-Gurion University of the Negev (BGU) ha scoperto che un’alta dose di cortisone può aiutare a ridurre il rischio di PTSD.

Guida al trattamento NICE PTSD

NICE (Istituto nazionale per la salute e l’eccellenza clinica), un’organizzazione britannica che approva farmaci e trattamenti per il Servizio sanitario nazionale (assistenza sanitaria universale gratuita), ha le seguenti linee guida per il trattamento PTSD:

  • Se i sintomi sono lievi e sono presenti da meno di quattro settimane – attese attente.
  • Tutti i pazienti dovrebbero essere trattati con CBT concentrati sul trauma o EMDR su base individuale ambulatoriale.
  • Ai giovani, compresi i bambini, dovrebbe essere offerta una TCC focalizzata sul trauma, adattata alle loro condizioni ed età.
  • I farmaci non dovrebbero essere abitualmente utilizzati come trattamento di prima linea, preferibilmente al trattamento psicologico incentrato sul trauma. I farmaci devono essere considerati come prima linea di trattamento solo per gli adulti che si rifiutano di prendere parte al trattamento psicologico.
  • Le sessioni di debriefing non dovrebbero essere pratiche di routine (singole sessioni incentrate sull’evento traumatico). Tutti i piani di calamità devono avere una risposta psicologica pianificata per un disastro, con gli operatori sanitari che hanno chiare responsabilità concordate in anticipo.

complicazioni

  • Il cervello può essere influenzato fisicamente – questo studio ha rilevato che i bambini con disturbo da stress post-traumatico e alti livelli di cortisolo con ormone dello stress erano probabilmente soggetti a una diminuzione delle dimensioni dell’ippocampo – una struttura cerebrale importante nell’elaborazione della memoria e nelle emozioni.
  • Mortalità più elevata tra alcuni pazienti cardiopatici – in pazienti che ricevono defibrillatori cardiaci impiantabili dopo un improvviso evento cardiaco, esiste una maggiore probabilità di morte entro cinque anni se presentano sintomi di disturbo da stress post-traumatico, questo studio ha trovato.
  • Rischio maggiore di problemi di salute a lungo termine – uno studio ha rilevato che i veterani affetti da PTSD hanno la stessa probabilità di avere problemi di salute a lungo termine come persone con fattori di rischio di malattia cronica come un numero elevato di globuli bianchi e segni e sintomi biologici.
  • Rischio di malattie cardiache – gli uomini più anziani con PTSD hanno un rischio più elevato di sviluppare malattie cardiache, secondo uno studio condotto da ricercatori della Harvard School of Public Health.

Come dimenticare i ricordi indesiderati

Uno studio dell’Università di Cambridge, in Inghilterra, che è stato pubblicato su Neuron, 17 ottobre 2012, e intitolato “Meccanismi opposti supportano l’abbandono volontario di ricordi indesiderati”, ha spiegato cosa succede a livello neurale quando sopprimiamo i ricordi indesiderati, o sostituirli con un’altra memoria.

L’autore senior, Roland Benoit, ha dichiarato:

“Una migliore comprensione di questi meccanismi e del loro abbandono può alla fine aiutare a comprendere i disordini caratterizzati da una deficiente regolazione dei ricordi, come il disturbo da stress post-traumatico. Sapere che processi distinti contribuiscono a dimenticare può essere utile, perché le persone potrebbero naturalmente essere migliori ad un approccio o l’altro. “

I ricercatori ritengono che i loro risultati possano aprire la strada a terapie e farmaci innovativi per le persone con disturbi del controllo della memoria, come il PTSD.

Like this post? Please share to your friends: