Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Può déjà vu dirci cosa accadrà dopo?

Hai mai avuto la strana sensazione di passare una persona e solo sapere di averli visti prima? Forse pensi addirittura di sapere cosa potrebbe accadere nel momento successivo. Questa strana sensazione è nota come “déjà vu” (“già visto”). Ma perché si verifica?

specchietto retrovisore

Anni fa, come matricola al college, mi sedetti a guardare una serie animata con i miei amici di una sera. Nel momento in cui è iniziato il primo episodio, ho avuto questa sensazione forte e inquietante che avevo già visto tutto prima.

Eppure sapevo senza ombra di dubbio che questa era la mia prima visione, e non avevo mai sentito parlare di quello spettacolo prima che i miei amici me lo indicassero.

Quello che ho vissuto è stato qualcosa che, almeno aneddoticamente, molte persone provano ad un certo punto della loro vita: déjà vu, o la misteriosa sensazione che qualcosa di nuovo sia inaspettatamente familiare.

Pochi ricercatori hanno preso molto interesse in questo fenomeno, ma Anne Cleary, della Colorado State University di Fort Collins, ne ha uno.

Ha prestato particolare attenzione ai meccanismi cerebrali di questa esperienza per alcuni anni, e recentemente ha esteso il suo progetto per rispondere alla domanda: la sensazione di premonizione spesso associata al déjà vu ha una base reale?

I risultati di questo studio – che Cleary ha co-diretto con l’ex studente universitario Alexander Claxton – sono stati ora pubblicati sulla rivista.

Un fenomeno di richiamo frustrato

Nella loro nuova ricerca, Cleary e Cox hanno indotto l’esperienza del déjà vu in partecipanti allo studio per testare la co-occorrenza di sentimenti premonitori e per vedere se tali sentimenti fossero coerenti con la situazione reale.

In altre parole, i ricercatori volevano vedere se le persone che avevano avuto un’esperienza di déjà vu potevano davvero prevedere ciò che sarebbe accaduto dopo o se quella sensazione fosse solo un trucco della mente.

Per indurre déjà vu, Cleary ha usato una strategia che aveva testato con successo in uno studio precedente.

Nel 2012, ha sostenuto che la sensazione di avere “già visto” è un fenomeno legato alla memoria, simile alla sensazione delle parole che ci sfuggono, proprio come quando abbiamo una parola “sulla punta della lingua”, come se fosse , tuttavia, prova come possiamo non ricordarlo, nonostante sappiamo che lo sappiamo.

Cleary ha scoperto che quando sperimentiamo déjà vu, potrebbe essere perché il contesto ci ricorda qualcosa che abbiamo già visto o vissuto nella vita reale ma che non possiamo più ricordare adeguatamente.

Quindi, potremmo avere la sensazione di essere già stati in un posto completamente nuovo se, per esempio, ci ricorda un luogo che una volta intravede da un treno ma che non siamo più consci di aver mai visto.

“Non possiamo ricordare coscientemente la scena precedente, ma il nostro cervello riconosce la somiglianza”, spiega Cleary. “Quell’informazione passa attraverso l’inquietante sensazione che siamo stati lì prima, ma non possiamo stabilire quando o perché.”

Sia il déjà vu che il sentimento della “punta della lingua” sono noti come fenomeni “metamemoria”: quando sappiamo che ricordiamo, o che dovremmo ricordare, qualcosa.

“La mia ipotesi di lavoro è che il déjà vu è una manifestazione particolare di familiarità: hai familiarità in una situazione in cui senti che non dovresti averla, ed è per questo che è così stridente, così sorprendente.”

Anne Cleary

Déjà vu e premonizioni

Nel loro recente studio, Cleary e Cox hanno fatto provare ai partecipanti il ​​déjà vu chiedendo loro di esplorare paesaggi virtuali tridimensionali.

La strategia era semplice: i paesaggi erano mappati in modo identico eppure sembravano completamente diversi – ad esempio, a volte i partecipanti vedevano scene di discarica, mentre in altre occasioni veniva mostrato un giardino di siepi.

In ogni caso, “[M] l’attraversamento della scena si fermò prima di una svolta critica.” Pertanto, tutti i partecipanti si sono sentiti come se avessero già visto un particolare paesaggio perché lo avevano – ma in una forma completamente diversa.

Poi, i ricercatori hanno testato se i partecipanti con déjà vu che pensavano di poter prevedere il prossimo turno sarebbero stati in grado di farlo correttamente, o se fossero stati semplicemente ingannati dal loro cervello.

Un tale stratagemma della mente, spiega Cleary, sarebbe spiegato da una particolare teoria della memoria, la quale sostiene che noi immagazziniamo memorie così che possiamo imparare a “prevedere” le situazioni future. Questo potrebbe permetterci di assicurare che sopravviviamo e prosperiamo.

I ricercatori hanno visto che circa la metà dei partecipanti che hanno riferito di déjà vu ha anche affermato di avere delle sensazioni premonitrici. Ma “la probabilità di scegliere la svolta corretta durante il […] déjà vu” non era più forte della probabilità di scegliere una direzione sbagliata.

In breve, mentre possiamo pensare che possiamo prevedere cosa accadrà in seguito in un’esperienza di déjà vu, quell’impressione rimane senza fondamento nella realtà.

Ora, Cleary sta conducendo esperimenti di follow-up incentrati sul sentimento che “tu sai solo che cosa succederà dopo.”

Nel fare ciò, spera di ottenere una migliore comprensione di ciò che causa questa sensazione, e se è realmente correlata alla sensazione di familiarità.

Like this post? Please share to your friends: