Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Può una dieta priva di glutine aiutare con la psoriasi?

La psoriasi è una malattia cronica della pelle in cui chiazze di pelle rossa e scaglie argentee spesse coprono qualsiasi parte della pelle.

Questa condizione è una malattia della pelle autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca i tessuti sani perché li scambia per quelli malsani.

I sintomi della psoriasi comprendono eruzioni cutanee, secchezza, sfaldamento, desquamazione, piccoli urti, spessore della pelle e arrossamento.

Secondo la National Psoriasis Foundation, fino al 25% delle persone con psoriasi sono sensibili al glutine. Queste persone potrebbero prendere in considerazione una dieta priva di glutine per aiutarli a gestire i sintomi della psoriasi.

Psoriasi e glutine: qual è il link?

[prodotti a base di grano e glutine]

Il glutine è il nome dato a un gruppo di proteine ​​presenti nel grano e in altri cereali simili, tra cui segale, orzo e avena. Il glutine è ciò che modella fisicamente determinati cibi, in un modo simile a come la colla lega le cose insieme.

Il glutine si trova in una vasta gamma di alimenti, tra cui pane, cereali, pasta, torte e biscotti. E poiché è in tanti cibi, il modo migliore per evitarlo è leggere le etichette dei prodotti alimentari.

Un sondaggio del 2013 del gruppo NPD ha rilevato che almeno il 30% degli adulti americani sta cercando di ridurre o di aver completamente rimosso il glutine dalla propria dieta.

Sensibilità al glutine

La maggior parte delle persone può tollerare il glutine, ma per gli altri, specialmente quelli con gravi condizioni di salute, il glutine causa problemi. Alcune persone hanno la celiachia, che è la forma più grave di intolleranza al glutine. La celiachia è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario tratta il glutine come un invasore straniero e attacca il glutine e il rivestimento dello stomaco.

Qualcuno con la psoriasi potrebbe non avere la malattia celiaca ma può comunque essere sensibile al glutine. Se qualcuno è sensibile al glutine ma non ha la celiachia, ha una condizione chiamata sensibilità al glutine non celiaca.

Secondo alcune ricerche, ben il 13% delle persone è sensibile al glutine. Tuttavia, come si sa poco sulla sensibilità al glutine, è possibile che la percentuale reale sia più alta.

I sintomi della sensibilità al glutine includono:

[l'uomo tiene il ventre del dolore]

  • mal di stomaco e crampi
  • diarrea
  • eruttazione
  • bruciore di stomaco
  • gas
  • nausea
  • stanchezza
  • intolleranza al lattosio
  • perdita di peso

Non esiste un modo specifico per diagnosticare la sensibilità al glutine. Se una persona sperimenta problemi dopo aver mangiato il glutine, prima di diagnosticare la sensibilità al glutine un medico dovrà prima escludere la celiachia e altre allergie.

La connessione

Molte persone con psoriasi si chiedono se una dieta priva di glutine possa aiutare a migliorare i loro sintomi. Studi recenti dimostrano che il glutine può avere un ruolo nella gravità della psoriasi e che una dieta priva di glutine può aiutare a migliorare i sintomi in alcune persone.

Uno studio, incluso nel, ha riportato l’impatto di una dieta priva di glutine in 33 pazienti affetti da psoriasi con livelli elevati di un certo tipo di anticorpi chiamati anticorpi anti-gliadina.

Gli anticorpi si formano quando il tuo corpo sta cercando di combattere gli invasori stranieri. La gliadina è una delle principali proteine ​​del glutine e principalmente responsabile della sensibilità al glutine.

Dopo 3 mesi di dieta priva di glutine, i livelli di anticorpi anti-gliadina erano inferiori nell’82% dei partecipanti allo studio, il che suggerisce che le diete prive di glutine possono aiutare alcuni pazienti affetti da psoriasi.

Un altro studio pubblicato ha scoperto che più di un terzo dei partecipanti aveva elevati anticorpi alla gliadina in campioni di sangue prelevati da essi.

Le diete prive di glutine aiutano?

La ricerca sembra suggerire che le diete prive di glutine possono aiutare le persone a gestire i sintomi della psoriasi. Tuttavia, alcuni esperti non credono che la sensibilità al glutine sia una condizione reale. Invece, credono che i sintomi siano probabilmente causati da altre condizioni.

Uno studio del 2015 ha esaminato 400 persone che hanno affermato di essere sensibili al glutine e hanno esaminato se i loro sintomi fossero migliorati con una dieta priva di glutine. Dal gruppo di 400, solo 27 sono stati diagnosticati come sensibili al glutine. I ricercatori hanno concluso che i sintomi che gli altri partecipanti stavano vivendo potrebbero essere spiegati da altre condizioni.

La ricerca è mista se le diete prive di glutine aiutano le persone a controllare i sintomi della psoriasi. Ma le persone che stanno mangiando diete prive di glutine con la psoriasi sembrano avere meno sintomi e complicazioni.

Pro e contro di una dieta priva di glutine

Alcuni possibili benefici di una dieta priva di glutine sono i sintomi della psoriasi, una dieta più sana e più energia. Mangiando del glutine, le persone tendono a rimuovere certi cibi spazzatura dalla loro dieta.

[pane avena e pasta piena di glutine]

I seguenti alimenti contengono tipicamente glutine:

  • pane
  • pasta
  • pizze
  • biscotti
  • torte
  • pranzo
  • condimenti per insalata

Le persone che seguono una dieta priva di glutine sono limitate agli alimenti che sono al 100% privi di glutine. Per garantire che tutto ciò che acquistano sia completamente privo di glutine, è importante leggere attentamente la confezione.

Questo può essere difficile per molte persone. Quando acquisti cibo, le persone dovrebbero concentrarsi sulle aree che vendono frutta e verdura fresca, carne e latticini.

Alcune persone che sono rigorosamente prive di glutine possono trovarsi carenti in alcune vitamine e sostanze nutritive. Questi includono, ma non sono limitati a:

  • ferro
  • calcio
  • fibra
  • niacina
  • folati

Le persone potrebbero voler chiedere al proprio medico di verificare le carenze e suggerire modi per ottenere più di queste vitamine e sostanze nutritive chiave. Possono essere ottenuti attraverso integratori alimentari e alimenti senza glutine.

prospettiva

Una persona che ha la psoriasi e che decide di mangiare senza glutine dovrebbe perseverare con la dieta per almeno 3 mesi. A volte può essere necessario questo tempo per l’eventuale miglioramento dei sintomi della psoriasi.

Dopo 3 mesi, le persone possono iniziare ad aggiungere il glutine nella loro dieta per vedere se c’è un aumento dei sintomi della psoriasi, come ad esempio:

  • macchie di pelle
  • pizzicore
  • dolori articolari

Se non c’è una chiara differenza nei sintomi, probabilmente è bene aggiungere di nuovo il glutine alla dieta.

Chiunque consideri una dieta priva di glutine dovrebbe parlare con il proprio medico o un dietologo del modo migliore per farlo. La Celiac Disease Foundation è un’ottima fonte di informazioni sulle diete prive di glutine. Il loro sito web contiene elenchi di alimenti da evitare e includere come parte di una dieta priva di glutine.

Like this post? Please share to your friends: