Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Puoi essere allergico alla marijuana?

Le persone possono avere reazioni allergiche innescate dalla marijuana, proprio come possono con molte altre piante e pollini. I sintomi possono variare da lievi a gravi.

Negli ultimi anni, sembra esserci stato un aumento nel numero di segnalazioni di allergie alla marijuana. Ciò può essere dovuto al fatto che la marijuana o la cannabis sta diventando più popolare come trattamento medicinale per una serie di condizioni. Alcuni stati hanno anche legalizzato il farmaco per uso ricreativo.

Il cannabidiolo, o l’olio di CBD, può anche causare reazioni negative in alcune persone.

Continuate a leggere per saperne di più sulle cause e i sintomi delle allergie alla marijuana e sui possibili effetti dell’olio di CBD.

Le cause

Germogli, articolazioni e foglie di marijuana sul tavolo di legno per rappresentare l'allergia alla marijuana.

Più di 50 milioni di americani hanno allergie. Mentre la marijuana può avere alcuni benefici medici, il polline della marijuana può innescare i sintomi di allergia in alcune persone.

Secondo l’American Academy of Allergy, Asthma e Immunology (AAAAI), una persona può sviluppare un’allergia o sensibilizzazione allergica alla marijuana dopo l’esposizione alla pianta. Le persone possono essere esposte agli allergeni della cannabis nei modi seguenti:

  • inalare il polline nell’aria
  • fumare marijuana
  • toccando marijuana
  • mangiare marijuana

Una ricerca pubblicata nel 2013 suggerisce che un particolare ceppo di cannabis chiamato può essere particolarmente irritante.

Un recente studio su piccola scala del 2018 riporta che le persone hanno maggiori probabilità di avere un’allergia alla cannabis se hanno allergie a peli di gatto, muffe, acari della polvere o piante.

Sono necessarie ulteriori ricerche, tuttavia, per stabilire questo possibile collegamento.

Sintomi

I sintomi comuni di un’allergia alla marijuana, molti dei quali sono simili ai sintomi di allergia stagionale, includono:

  • una tosse secca
  • congestione
  • prurito agli occhi
  • nausea
  • occhi rossi, pruriti o lacrimosi
  • naso che cola
  • starnuti
  • mal di gola o prurito

La manipolazione del farmaco può anche causare dermatite da contatto, una reazione cutanea che può avere i seguenti sintomi:

  • vesciche
  • pelle secca
  • orticaria
  • prurito
  • pelle arrossata e infiammata

I sintomi delle allergie alla marijuana possono manifestarsi immediatamente dopo l’esposizione alla pianta, anche se, in altri casi, possono non iniziare per un’ora o più.

Per evitare che i sintomi peggiorino, una persona che nota questi effetti dovrebbe immediatamente smettere di toccare o fumare il farmaco.

Meno comunemente, la marijuana può causare una grave reazione allergica chiamata anafilassi. Questa condizione può essere pericolosa per la vita e si verifica in pochi secondi o minuti di esposizione ad un allergene.

Segni e sintomi di anafilassi includono:

  • respirazione difficoltosa
  • vertigini
  • svenimenti
  • prurito e arrossato o pelle pallida
  • bassa pressione sanguigna
  • lingua gonfia o gola
  • impulso debole e rapido
  • vomito

L’anafilassi può causare coma o morte, quindi è fondamentale rivolgersi a un medico di emergenza se si sospetta questa reazione.

rischi

Banana sbucciata mangiata a metà sulla tavola di legno.

Insieme all’anafilassi, i principali rischi legati a un’allergia alla marijuana sono che potrebbe essere collegato a reattività crociata con altri allergeni.

La cross-reattività si verifica quando le proteine, come il polline, nella pianta di marijuana assomigliano alle proteine ​​di un’altra pianta. Una reazione allergica può quindi verificarsi quando una persona entra in contatto con proteine ​​simili altrove.

Gli alimenti con proteine ​​che assomigliano a proteine ​​della marijuana e che, quindi, possono causare una reazione allergica in persone con allergie alla marijuana, includono:

  • mandorle
  • mele
  • banane
  • castagne
  • melanzana
  • pompelmo
  • Pesche
  • pomodori

Diagnosi

I medici diagnosticano le allergie alla marijuana allo stesso modo di altri tipi di allergie, usando test cutanei o esami del sangue.

Test cutanei

Un medico prima prenderà la storia medica di una persona ed eseguirà un esame fisico. Possono quindi utilizzare un test della puntura della pelle. Questo test non è molto invasivo e i risultati tornano rapidamente.

In un test della puntura della pelle, il medico applicherà un allergene diluito, come la marijuana, sulla superficie della pelle con un ago. Se una protuberanza rossa o un prurito, prurito e rossore si sviluppano in quell’area entro 15 minuti, una persona potrebbe essere allergica a quella sostanza.

Un medico può anche utilizzare un test intradermico. Questo test prevede l’uso di un ago sottile per iniettare un allergene diluito appena sotto la superficie della pelle.

Analisi del sangue

Gli esami del sangue sono un altro modo per controllare le allergie alla marijuana. Un campione di sangue viene prelevato e testato per la presenza di anticorpi contro la marijuana. Se una persona ha più anticorpi nel sangue del previsto, è più probabile che sia allergica alla marijuana.

Gli esami del sangue possono essere migliori dei test della puntura della pelle in alcuni casi perché coinvolgono una puntura ad ago singolo. Sono anche meno probabilità di essere influenzati da altri farmaci. Tuttavia, i risultati richiedono più tempo per tornare e i test sono più costosi rispetto ai test cutanei.

Trattamento

Allo stato attuale, nessun trattamento è disponibile per un’allergia alla marijuana. Una persona può assumere antistaminici per gestire i sintomi e ridurre il disagio.

Per alcuni tipi di allergia ai pollini, viene prescritto un ciclo di colpi di allergia per ridurre la sensibilizzazione di una persona alla sostanza. Ma questi non sono attualmente disponibili per il polline di marijuana.

A causa della mancanza di opzioni di trattamento, coloro che sono allergici alla marijuana dovrebbero evitare di fumare, mangiare o toccare la pianta o il farmaco per prevenire i sintomi di allergia.

Se una persona ha una grave allergia alla marijuana, deve portare una iniezione di adrenalina (Adrenaclick, Epipen o altri) in caso di esposizione accidentale e successiva anafilassi.

Prevenzione

Guanti monouso blu, maschera facciale e occhiali protettivi.

Evitare l’esposizione alla marijuana è l’unico modo per prevenire una reazione allergica alla pianta o alla droga.

Una persona che sta usando marijuana medica e sospetta che possano essere allergici dovrebbe parlare con il proprio medico per trovare un trattamento alternativo.

Le persone che lavorano in un impianto di lavorazione della marijuana dovrebbero limitare l’esposizione usando:

  • farmaci allergia
  • maschere per il viso
  • guanti
  • inalatori

Reazioni all’olio CBD

Il cannabidiolo o CBD è una sostanza derivata dalla pianta di marijuana. È spesso usato in medicina per determinate condizioni, come nel trattamento dei disturbi convulsivi.

La CBD non sembra avere effetti psicoattivi, che a volte vengono definiti “alti” e può avere proprietà antipsicotiche e antinfiammatorie.

Tuttavia, i ricercatori non sanno quanto sia sicuro l’olio di CBD, soprattutto se usato in quantità elevate.

Una revisione del 2011 di precedenti studi sull’olio di CBD riporta risultati contrastanti. I ricercatori suggeriscono che, mentre l’uso a lungo termine e alte dosi fino a 1.500 milligrammi al giorno possono essere ben tollerati dalle persone, sono state osservate alcune reazioni avverse.

Ad alte prese, l’olio CBD può causare:

  • sonnolenza
  • bocca asciutta
  • interazioni con altri farmaci
  • vertigini
  • bassa pressione sanguigna

Uno studio del 2017 raccomanda di effettuare ulteriori ricerche sugli effetti della CBD su determinati enzimi, trasportatori di farmaci e gli effetti di altri farmaci.

Porta via

La maggior parte delle persone con sintomi di allergia alla marijuana ha una reazione da lieve a moderata simile alle condizioni di allergia stagionale. Si possono anche verificare reazioni cutanee.

Quando una persona evita il farmaco e il suo polline, i loro sintomi si risolvono rapidamente.

Coloro che sono gravemente allergici alla marijuana dovrebbero cercare un trattamento medico. Inoltre, dovrebbero trasportare farmaci per reagire rapidamente all’esposizione accidentale al farmaco.

Like this post? Please share to your friends: