Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Puoi imparare nel sonno? Sì, ed ecco come

Il sonno è noto per essere cruciale per l’apprendimento e la formazione della memoria. Inoltre, gli scienziati sono persino riusciti a individuare ricordi specifici ea consolidarli durante il sonno. Tuttavia, i meccanismi esatti dietro questo erano sconosciuti – fino ad ora.

donna addormentata circondata da libri

Quelli tra noi che sono cresciuti con il famoso cartone animato “Dexter’s Laboratory” potrebbero ricordare il famoso episodio in cui Dexter sta cercando di imparare il francese da un giorno all’altro.

Crea un dispositivo che lo aiuta a imparare nel sonno suonando frasi francesi a lui.

Naturalmente, dato che lo spettacolo è una commedia, il disco di Dexter si blocca sulla frase “” e il giorno dopo è incapace di dire qualsiasi altra cosa.

Questo è, ovviamente, un problema che lo mette in una serie di situazioni esilaranti.

L’idea che possiamo imparare nel nostro sonno ha affascinato le menti di artisti e scienziati; la possibilità che un giorno potremmo migliorare drasticamente la nostra produttività imparando nel nostro sonno è molto allettante. Ma un tale scenario potrebbe mai diventare una realtà?

Una nuova ricerca sembra suggerire di sì, e gli scienziati in generale si stanno avvicinando alla comprensione di ciò che accade nel cervello quando dormiamo e di come lo stato di riposo influenza l’apprendimento e la formazione della memoria.

Ad esempio, studi precedenti hanno dimostrato che il sonno non rapido (non-REM) del movimento oculare – o il sonno senza sogni – è cruciale per consolidare i ricordi.

È stato anche dimostrato che i fusi del sonno, o improvvisi picchi nell’attività cerebrale oscillatoria che possono essere visti su un elettroencefalogramma (EEG) durante il secondo stadio del sonno non-REM, sono la chiave per questo consolidamento della memoria.

Gli scienziati sono stati anche in grado di indirizzare in modo specifico determinati ricordi e riattivarli o rafforzarli utilizzando segnali uditivi.

Tuttavia, il meccanismo alla base di tali risultati è rimasto misterioso fino ad ora. I ricercatori erano anche inconsapevoli se tali meccanismi avrebbero aiutato a memorizzare nuove informazioni.

Pertanto, un team di ricercatori ha deciso di indagare. Scott Cairney, dell’Università di York nel Regno Unito, ha co-diretto la ricerca con Bernhard Staresina, che lavora presso l’Università di Birmingham, sempre nel Regno Unito.

Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista

Tasto di spegnimento automatico per il consolidamento della memoria

Cairney spiega la motivazione per la ricerca, dicendo: “Siamo abbastanza certi che i ricordi vengono riattivati ​​nel cervello durante il sonno, ma non conosciamo i processi neurali che sono alla base di questo fenomeno”.

“I fusi del sonno”, continua, “sono stati collegati ai benefici del sonno per la memoria nelle ricerche precedenti, quindi abbiamo voluto indagare se queste onde cerebrali mediano la riattivazione”.

“Se supportano la riattivazione della memoria, abbiamo ulteriormente ragionato che potrebbe essere possibile decifrare i segnali di memoria nel momento in cui questi mandrini hanno avuto luogo.”

Per testare le loro ipotesi, Cairney e i suoi colleghi hanno chiesto a 46 partecipanti “di imparare associazioni tra parole e immagini di oggetti o scene prima di un pisolino”.

In seguito, alcuni dei partecipanti hanno fatto un pisolino di 90 minuti, mentre altri sono rimasti svegli. A coloro che hanno dormito, “metà delle parole sono state […] riprodotte durante il pisolino per innescare la riattivazione dei ricordi dell’immagine appena appreso”, spiega Cairney.

“Quando i partecipanti si sono svegliati dopo un buon periodo di sonno”, dice, “li abbiamo presentati di nuovo con le parole e abbiamo chiesto loro di richiamare l’oggetto e le immagini di scena”.

“Abbiamo scoperto che la loro memoria era migliore per le immagini che erano collegate alle parole che venivano presentate nel sonno, rispetto a quelle che non erano”, riporta Cairney.

Utilizzando una macchina EEG, i ricercatori sono stati anche in grado di vedere che suonare le parole associate per riattivare i ricordi ha innescato mandrini del sonno nel cervello dei partecipanti.

Più nello specifico, i pattern del fuso sonno EEG “raccontavano” ai ricercatori se i partecipanti stessero elaborando memorie relative a oggetti o ricordi relativi a scene.

Come aumentare la memoria mentre dormiamo

“I nostri dati suggeriscono che i mandrini facilitano l’elaborazione delle caratteristiche di memoria rilevanti durante il sonno e che questo processo aumenta il consolidamento della memoria”, afferma Staresina.

“Anche se è stato dimostrato in precedenza”, continua, “che la riattivazione della memoria mirata può aumentare il consolidamento della memoria durante il sonno, ora mostriamo che i mandrini del sonno potrebbero rappresentare il meccanismo sottostante fondamentale”.

Cairney aggiunge: “Quando sei sveglio impari nuove cose, ma quando dormi li raffini, rendi più facile recuperarli e applicarli correttamente quando ne hai più bisogno. Questo è importante per come apprendiamo ma anche per come potremmo aiutare a mantenere funzioni cerebrali sane. “

Staresina suggerisce che questa nuova conoscenza acquisita potrebbe portare a strategie efficaci per aumentare la memoria durante il sonno.

“L’induzione diretta dei fusi del sonno – ad esempio, stimolando il cervello con gli elettrodi – forse combinati con la riattivazione mirata della memoria, può permetterci di migliorare ulteriormente le prestazioni della memoria mentre dormiamo”.

Bernhard Staresina

Quindi, anche se imparare le cose da zero alla “Dexter’s Lab” potrebbe richiedere del tempo per diventare una realtà, possiamo tranquillamente dire che il nostro cervello continua a imparare mentre dormiamo, e che i ricercatori sono diventati molto più vicini a capire perché questo accade.

Like this post? Please share to your friends: