Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Puoi vivere con un gatto se hai delle allergie?

Le persone con allergie da gatto reagiscono a sostanze specifiche prodotte dai gatti, come la saliva, i fiocchi di pelle chiamati peli o l’urina.

Le sostanze che causano queste reazioni sono chiamate allergeni. Un’allergia ai gatti può causare sintomi che vanno da lievi problemi respiratori a una sindrome potenzialmente letale chiamata anafilassi.

Le allergie ai gatti sono tra le allergie più comuni. Secondo uno studio, circa il 12 percento degli americani è allergico ai gatti, ma in Europa è molto più alto intorno al 26 percento.

Fatti veloci sulle allergie dei gatti:

  • La maggior parte delle persone presenta sintomi da lievi a moderati.
  • Alcune persone che soffrono di allergie potrebbero essere in grado di vivere con i gatti.
  • I ricercatori non capiscono completamente perché alcune persone sviluppino allergie ai gatti e altre no.

Perché le persone si ammalano di gatto?

La gatta sulle donne gira mentre legge. Possibili allergie ai gatti

Le allergie si sviluppano quando il sistema immunitario reagisce in modo esagerato a una sostanza solitamente innocua.

Ciò fa sì che il sistema immunitario di una persona reagisca a quella sostanza come se fosse un virus, un batterio o un altro invasore. La maggior parte delle persone reagisce alle sostanze trovate nel sudore, nella saliva e nelle ghiandole anali di un gatto.

Alcune persone che hanno reazioni avverse ai gatti pensano di essere allergiche ai peli del gatto. Non sono i capelli a provocare la reazione.

Invece, il problema sono altre sostanze, come il pelo di gatto, l’urina di gatto, la saliva di gatto e altre sostanze che possono attaccarsi ai capelli di un gatto. Queste sostanze contengono alcune proteine ​​che possono causare reazioni allergiche.

Sintomi

I sintomi delle allergie da gatto variano a seconda della proteina a cui è allergico e della loro esposizione a quella proteina. Ad esempio, piccoli allergeni da gatti possono atterrare nel naso o negli occhi di una persona, causando bruciore o prurito.

I sintomi più comuni di un’allergia al gatto includono:

  • un attacco d’asma nelle persone che hanno l’asma
  • sintomi respiratori come tosse, starnuti o naso chiuso
  • occhi irritati o rossi
  • prurito della pelle
  • un’eruzione cutanea su aree del corpo che sono venute a contatto con gli allergeni del gatto

Molto raramente, le persone con allergia ai gatti possono sviluppare una grave reazione allergica chiamata anafilassi. L’anafilassi rende difficile respirare, può abbassare la pressione sanguigna a livelli pericolosi e può mandare il corpo in stato di shock.

Una persona che ha difficoltà a respirare o si sente come soffocata in seguito al contatto con un gatto dovrebbe cercare cure di emergenza immediate. Anafilassi è una reazione pericolosa per la vita.

Una persona allergica ai gatti può continuare ad avere sintomi anche dopo che il gatto non è più presente. Ciò accade perché i peli di gatto e altri allergeni del gatto possono atterrare su mobili e tappeti, rimanere su vestiti non lavati e indugiare in biancheria.

Cosa causa allergie ai gatti?

Starnuti alle donne a causa di allergie ai gatti

Una teoria è che l’esposizione agli animali molto presto nella vita di una persona può sensibilizzare coloro che sono già vulnerabili alle allergie. Questo li induce a sviluppare in seguito un’allergia ai gatti. Uno studio del 2015 ha collegato l’esposizione iniziale dell’animale alle allergie successive.

Altre ricerche sono arrivate alla conclusione opposta. L’esposizione agli animali domestici nella fase iniziale della vita può effettivamente ridurre il rischio di asma e allergie. Ciò significa che le preoccupazioni sulle possibili allergie non dovrebbero determinare se una famiglia ottiene o meno un animale domestico.

Le persone con altre allergie hanno maggiori probabilità di essere allergiche ai gatti. Un’allergia ai cani è strettamente correlata con un’allergia ai gatti. Le persone che sono allergiche a mucche, maiali e cavalli possono anche essere allergiche ai gatti. Alcune persone potrebbero essere più sensibili ai peli di animali domestici e altre sostanze sui corpi degli animali domestici.

Come fai a sapere se sei allergico ai gatti?

La maggior parte delle persone sospetta di essere allergica ai gatti in base ai sintomi che avverte quando si trovano nei pressi dei gatti. I soli sintomi, tuttavia, non rivelano quali proteine ​​specifiche sono allergiche a una persona. I test allergologici, compresi gli esami del sangue o un test della puntura della pelle, possono determinare se una persona ha un’allergia ai gatti.

Un test per la puntura della pelle comporta il posizionamento di una piccola quantità di allergeni di gatto comuni appena sotto la pelle, quindi in attesa di una reazione. Le analisi del sangue possono testare specifiche sostanze immunitarie associate a gatto e altre allergie.

Conoscere le proteine ​​specifiche che una persona è allergica può aiutare nel decidere il trattamento giusto. Quindi le persone che hanno allergie ai gatti ma vogliono continuare a vivere con i gatti dovrebbero vedere un allergologo.

Allergie di gatto nei neonati

I bambini non possono parlare dei loro sintomi, quindi le allergie ai gatti nei neonati potrebbero non essere rilevate. Neonati e bambini piccoli che sono spesso malati, che hanno difficoltà a dormire, che hanno difficoltà a respirare, che sviluppano eruzioni cutanee o che hanno sintomi respiratori inspiegabili possono avere allergie.

Se ci sono gatti o altri animali in casa, considera di vedere un allergologo per i test allergologici. Altri allergeni domestici, come gli acari della polvere o la muffa, possono anche essere fattori scatenanti di sintomi allergici.

Puoi vivere con un gatto se sei allergico?

Il modo più semplice per curare le allergie ai gatti è di evitare le case con i gatti e di riportare a casa tutti i gatti che vivono con te. Per le persone che vedono i loro animali domestici come famiglia, questo è impensabile.

A seconda della gravità dell’allergia, potrebbe essere possibile vivere con i gatti. Fare ciò richiede una combinazione di trattamento delle allergie e una gestione diligente dei peli di gatto e altre particelle. Sapere quali proteine ​​specifiche causano la reazione allergica può aiutare le persone con allergie ai gatti a decidere il modo migliore per gestire i loro sintomi.

Le persone con anamnesi di reazioni anafilattiche o gravi attacchi di asma in risposta ai gatti non devono convivere con i gatti o stare intorno ai gatti. Questi tipi di gravi reazioni allergiche possono essere pericolose per la vita.

Prevenzione e gestione

gatto su un tappeto che può causare allergie ai gatti

Le persone con allergie che vogliono vivere con i gatti o visitare le case che hanno gatti possono fare diverse cose per gestire i loro sintomi. Provare questi può aiutare ad alleviare la gravità delle allergie.

Questi includono:

  • Parla con un medico dei trattamenti contro le allergie: gli inalatori possono ridurre il rischio di un attacco d’asma. Alcuni spray nasali possono anche aiutare. Alcune persone trovano che gli antistaminici riducono i sintomi.
  • Considerare i colpi di allergia: i colpi di allergia, talvolta chiamati immunoterapia, gradualmente desensibilizzano il sistema immunitario a particolari allergeni. Esponendo il corpo a quantità molto piccole di allergeni nel tempo, questi colpi possono ridurre la gravità delle reazioni allergiche.
  • Non utilizzare tappeti o tappeti, poiché possono intrappolare gli allergeni degli animali domestici: i tappeti a pelo corto possono ridurre i sintomi nelle case che devono utilizzare moquette.
  • Tenere gli animali domestici fuori dalle aree specifiche: comprendono camere da letto, mobili e fuori dal letto.
  • Governare: fai regolare la cura del gatto e chiedi a qualcuno che non ha allergie per spazzolarli.
  • Utilizzare l’aria condizionata per filtrare l’aria: i depuratori d’aria HEPA possono aiutare a rimuovere gli allergeni.
  • Aspirazione: utilizzare una sacca per microfiltro nel vuoto per evitare che gli allergeni del gatto tornino in aria.
  • Evitare di abbracciare o baciare i gatti: lavarsi le mani dopo averli accarezzati.
  • Aspirare regolarmente i mobili e i tappeti e spazzare i pavimenti: se possibile, chiedi a qualcuno che non soffre di allergie agli animali fa queste faccende.
  • Trasportare una penna per iniezione di adrenalina: per coloro che hanno reazioni più gravi ai gatti, parla con il tuo medico se una penna per epinefrina è un’opzione. Questo può essere usato per trattare gravi reazioni allergiche se qualcuno dovesse entrare in contatto non pianificato con un allergene.

Nessun trattamento specifico o strategia preventiva può garantire che una persona non sviluppi allergie ai gatti.

Porta via

Le allergie ai gatti possono essere un piccolo inconveniente o un grosso ostacolo alla salute. Potrebbe essere possibile vivere con i gatti nonostante un’allergia, quindi consultare un medico per discutere le opzioni di trattamento. Se i sintomi sono gravi, avvisare i propri cari dell’allergia prima di visitare ed evitare le case con i gatti.

Un’allergia non deve causare sofferenza cronica, quindi adottare misure proattive per ridurre la probabilità di una reazione allergica.

Like this post? Please share to your friends: