Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Qual è l’anemia da carenza nutrizionale?

L’anemia è una condizione comune che deriva dalla mancanza di alcune vitamine e minerali. Non consumare una dieta equilibrata può portare a una carenza o alla malnutrizione.

L’anemia colpisce oltre il 30% della popolazione mondiale. È più grave tra le donne in gravidanza e nei bambini.

Una serie di problemi di salute può derivare da carenze nutrizionali. L’anemia da carenza nutrizionale può portare a un basso numero di globuli rossi, bassa emoglobina nei globuli rossi o globuli rossi che non funzionano come dovrebbero.

L’anemia da carenza nutrizionale deriva principalmente dalla mancanza di ferro, ma una carenza di folato o di vitamina B12 può anche causare anemia e una bassa assunzione di vitamina C può contribuire.

L’anemia da carenza nutrizionale può verificarsi a causa della mancanza di nutrienti nella dieta o di una malattia o condizione medica che rende difficile l’assorbimento dei nutrienti.

Fatti veloci sull’anemia da carenza nutrizionale:

Ecco alcuni punti chiave sull’anemia da carenza nutrizionale. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • L’anemia da carenza di ferro può verificarsi quando una persona non ha abbastanza ferro nella dieta o se ha una condizione che rende difficile l’assorbimento dei nutrienti.
  • Può portare a un basso livello di globuli rossi.
  • L’anemia da carenza di vitamina si verifica quando una persona non consuma o assorbe abbastanza vitamina B12 o B9, nota anche come folato.
  • Può far sì che i globuli rossi siano una forma insolita, quindi non possono funzionare correttamente.
  • L’anemia da carenza nutrizionale può influire su un’ampia gamma di funzioni corporee.
  • Il modo principale per curarlo o prevenirlo è attraverso una dieta salutare.

Anemia da carenza di ferro

Una mancanza di ferro o alcune vitamine del gruppo B possono portare all'anemia.

L’anemia derivante da carenza di ferro è considerata uno dei 10 principali contributori all’onere globale della malattia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) descrive l’anemia da deficienza di ferro come “la carenza nutrizionale più diffusa e diffusa nel mondo”.

Nel 2011, l’OMS ha stimato che, a livello globale, l’anemia colpisce il 43% di bambini fino all’età di 5 anni, il 38% delle donne durante la gravidanza e il 29% delle donne che non sono in gravidanza.

Nell’anemia da carenza di ferro, i globuli rossi appaiono anormali e sono insolitamente piccoli (microcitici) e pallidi (ipocromici). Il pallore dei globuli rossi riflette il loro basso contenuto di emoglobina.

Una persona con anemia da carenza di ferro spesso ha:

  • pelle pallida
  • affaticamento e mancanza di energia
  • mancanza di respiro
  • palpitazioni cardiache o battito cardiaco irregolare

Altri sintomi includono:

  • mal di testa
  • tinnito
  • cambia il senso del gusto
  • sensazione di prurito
  • un desiderio di mangiare il ghiaccio, noto come pica
  • piaghe o ulcere all’angolo della bocca
  • lingua dolorante
  • la perdita di capelli
  • unghie e unghie dei piedi a forma di cucchiaio
  • difficoltà a deglutire
  • depressione
  • mancato ciclo mestruale nelle donne durante i loro anni riproduttivi

L’anemia da carenza di ferro è comune nelle persone che:

  • consumare poco ferro nella loro dieta
  • avere una condizione che impedisce al corpo di assorbire i nutrienti
  • avere un’ulcera allo stomaco, mestruazioni pesanti o un’altra causa di sanguinamento
  • avere una malattia genetica, come l’anemia falciforme o un’altra condizione di salute, come la malaria

Carenza di ferro e dieta

L’anemia da carenza di ferro può derivare da una mancanza di ferro nella dieta. Durante la gravidanza, ad esempio, le donne hanno bisogno di più ferro per fornire il feto. Se non assumono abbastanza, questo può portare ad una anemia da carenza di alimenti.

Il ferro eme è la forma di ferro più biodisponibile e si trova solo nella carne. Il ferro non eme si trova negli alimenti a base vegetale e non è facilmente assorbito. Vegetariani e vegani devono essere consapevoli del loro apporto di ferro per assicurarsi che soddisfino i loro bisogni.

Una mancanza di vitamina C nella dieta può ridurre la capacità del corpo di assorbire il ferro, portando ad anemia.

L’anemia da carenza di ferro può influire sulla salute generale di una persona e sulla sua capacità di funzionare sul lavoro e nella sua routine quotidiana.

Anemia da carenza di vitamine

Le anemie da carenza di vitamina possono derivare da carenze di folato (vitamina B9) o vitamina B12.

Quando l’assunzione di questi nutrienti è bassa o se il corpo non li sta assorbendo correttamente, i globuli rossi possono diventare troppo grandi o non si producono quantità adeguate di globuli rossi.

Questo è chiamato anemia megaloblastica.

Una persona con anemia da carenza di vitamine può sperimentare:

I sintomi di anemia comprendono vertigini e stanchezza.

  • affaticamento e mancanza di energia
  • formicolio, o spilli e aghi
  • debolezza muscolare
  • una lingua irritata e rossa
  • ulcere della bocca
  • disturbo visivo
  • depressione e confusione
  • problemi di concentrazione, pensiero e memoria

Le complicanze a lungo termine includono:

  • disturbi del sistema nervoso, che possono essere permanenti
  • infertilità, che di solito è reversibile
  • problemi cardiaci e possibile insufficienza cardiaca
  • complicazioni durante la gravidanza
  • disturbi congeniti nei neonati

Le cause

Alcune persone hanno bassi livelli di nutrienti necessari a causa di:

  • un basso apporto dietetico di ferro, vitamina B12 o acido folico, dovuto, ad esempio, a una dieta vegana oa una “dieta monotona e vegetale”
  • un basso apporto dietetico di vitamina C
  • una mancanza di fattore intrinseco, una proteina secreta dallo stomaco che aiuta l’assorbimento della vitamina B12
  • una condizione di salute che rende difficile l’assorbimento di sostanze nutritive, come la celiachia
  • condizioni di salute che rendono più difficile per il corpo produrre abbastanza globuli rossi
  • farmaci, come gli inibitori della pompa protonica (PPI), che influenzano il modo in cui il corpo assorbe le vitamine

Riboflavina e rame sono necessari anche per il corpo per produrre globuli rossi. Se questi mancano dalla dieta o se una persona non li può assorbire, c’è un rischio più elevato di anemia.

Altri fattori di rischio per l’anemia

I fattori che aumentano il rischio di anemia includono:

  • problemi con l’ormone eritropoietina, che stimola il midollo osseo a produrre globuli rossi
  • condizioni come malattie renali e cancro, che rendono difficile per il corpo produrre abbastanza globuli rossi
  • alcuni trattamenti contro il cancro che possono danneggiare il midollo osseo o ridurre la capacità dei globuli rossi di trasportare ossigeno
  • midollo osseo danneggiato, che non può produrre globuli rossi abbastanza velocemente da sostituire quelli che muoiono o vengono distrutti

Altri fattori che aumentano il rischio di anemia includono:

HIV o AIDS: le infezioni o le medicine usate per trattare queste malattie possono portare all’anemia.

Gravidanza: durante i primi 6 mesi di gravidanza, la porzione fluida del sangue o del plasma di una donna aumenta più rapidamente del numero di globuli rossi. Questo diluisce il sangue e può portare all’anemia.

Consumo di alcol: ciò può influire sull’assorbimento di folato e vitamina B12, potenzialmente causa di anemia.

Anemia aplastica: alcune persone non sono in grado di produrre abbastanza globuli rossi dalla nascita. Neonati e bambini con anemia aplastica spesso hanno bisogno di trasfusioni di sangue per aumentare il numero di globuli rossi nel sangue. Alcune medicine, tossine e malattie infettive possono anche causare anemia aplastica.

Trattamento

Il trattamento per l’anemia da carenza nutrizionale avviene attraverso una dieta variata, compresi alimenti ricchi di minerali e fortificati e integratori vitaminici e minerali, se del caso.

Si raccomanda la seguente assunzione giornaliera di ferro, acido folico e B12.

Ferro (mg)

B12 (mcg)

Folate mcg DFE

Uomini 19-30 anni

8

2.4

400

Donne 19-30 anni

18

2.4

400

Uomini 31-50 anni

8

2.4

400

Donne 31-50 anni

18

2.4

400

DFE significa equivalente folato dietetico. Questo è usato perché l’acido folico e il folato sono assorbiti in modo diverso nel corpo.

Fonti alimentari di ferro, B12 e folato

Ecco alcune fonti alimentari di ferro:

Articolo alimentare

Quantità di ferro

Cioccolato fondente, 3 once

7 mg

Fegato di manzo fritto, 3 once

5 mg

Brasato di manzo, 3 once

2 mg

1 uovo sodo

1 mg

Tofu, sodo, mezza tazza

3 mg

Fagioli bianchi, in scatola, 1 tazza

8 mg

Spinaci, bolliti e scolati, mezza tazza

3 mg

Le fonti alimentari di B12 includono:

Articolo alimentare

Quantità di B12

Fegato di manzo, 3 once

84,1 mcg

Salmone, 3 once

4,8 mcg

Carne alla griglia, 3 once

1,4 mcg

1 uovo sodo

0,6 mcg

Formaggio svizzero, 1 oncia

0,9 mcg

Latte magro, 1 tazza

1,2 mcg

Buone fonti di cibo di folato sono:

Articolo alimentare

Quantità di folato

Fegato di manzo, 3 once

215 mcg DFE

Spinaci bolliti, 1 tazza

131 mcg DFE

Riso bianco, mezza tazza

90 mcg DFE

Avocado

59 mcg DFE

1 banana media

24 mcg DFE

Latte magro, 1 tazza

12 mcg DFE

I cereali fortificati sono una buona fonte di nutrienti. La quantità dipende dal prodotto e dal produttore.

La vitamina C aumenta l’assorbimento del ferro, mentre il tannino, che si trova nel tè, lo riduce. Consumare più vitamina C e ridurre l’assunzione di tannino, quindi, può anche aiutare a prevenire l’anemia. Buone fonti di vitamina C includono peperoni rossi, arance, fragole e broccoli.

Mentre alcune cause di anemia richiedono un trattamento medico, come le trasfusioni, l’OMS ha stimato che nel 2011, la metà di tutti i casi di anemia nelle donne potrebbe essere risolta attraverso l’integrazione.

Trattamento medico

Le persone a rischio possono assumere integratori per via orale o per iniezione. Quelli con gravi carenze possono aver bisogno di ricovero ospedaliero, dove possono ricevere i nutrienti per via endovenosa.

Una persona con anemia B12 può aver bisogno di iniezioni di vitamina una volta al mese, oppure può usare uno spray per il naso, una compressa sotto la lingua o una compressa che viene ingerita.

Le persone con deficienza di folati potrebbero dover assumere compresse di folato.

Se le carenze derivano dall’incapacità di assorbire i nutrienti, gli integratori possono essere trattati per tutta la vita.

Durante la gravidanza, le donne possono aver bisogno di assumere ferro supplementare e acido folico. Un operatore sanitario può consigliare l’uso di questi integratori.

Tuttavia, per la maggior parte delle persone che vivono in paesi sviluppati, una dieta sana che soddisfi le linee guida dietetiche per i nutrienti fornirà normalmente abbastanza ferro, acido folico e vitamina B12 per prevenire l’anemia.

Like this post? Please share to your friends: