Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Qual è la differenza tra morbo di Crohn e colite ulcerosa?

La malattia di Crohn e la colite ulcerosa sono entrambe malattie infiammatorie intestinali con molte somiglianze. Tuttavia, ci sono alcune differenze chiave tra le due condizioni che influenzano il modo in cui sono gestite.

Sia le malattie di Crohn che la colite ulcerosa causano disagio digestivo e infiammazione nel tratto gastrointestinale. Tuttavia, a differenza della malattia di Crohn, la colite ulcerosa è legata a una risposta del sistema immunitario.

Le differenze tra il morbo di Crohn e la colite ulcerosa sono analizzate in dettaglio di seguito.

Panoramica

diagramma del colon

La malattia di Crohn è una condizione infiammatoria cronica del tratto gastrointestinale (GI). Appartiene a un gruppo di condizioni conosciute come malattie infiammatorie intestinali (IBD).

La malattia di Crohn colpisce più spesso la fine dell’intestino tenue e l’inizio del colon, ma può anche interessare qualsiasi parte del tratto GI dalla bocca all’ano.

Come la malattia di Crohn, anche la colite ulcerosa appartiene al gruppo IBD. La colite ulcerosa è una malattia cronica che colpisce solo il colon (intestino crasso).

La colite ulcerosa si verifica quando il sistema immunitario reagisce in modo esagerato e confonde il rivestimento del colon, come un oggetto estraneo da attaccare.

Questa reazione eccessiva immunitaria fa infiammare il rivestimento del colon e sviluppa ulcere o piccole ferite aperte. Questi possono produrre muco e pus.

La combinazione di infiammazione e ulcerazione provoca disagio addominale e frequenti movimenti intestinali, tra gli altri sintomi.

Analogie

La malattia di Crohn e la colite ulcerosa sono esempi di IBD. Entrambi possono avere sintomi molto simili, inclusi i seguenti che possono essere aggravati dalla dieta e dallo stress:

  • dolore addominale o disagio
  • sgabelli sanguinolenti
  • crampi
  • stipsi
  • movimenti intestinali iperattivi
  • febbri
  • perdita di appetito
  • perdita di peso
  • cicli mestruali anormali nelle donne

Entrambe le malattie sono condizioni croniche che possono colpire uomini o donne. Sebbene i medici non siano a conoscenza di quali siano le cause di entrambe le malattie, i ricercatori sospettano che i fattori genetici siano coinvolti nella loro insorgenza.

Tuttavia, nonostante le loro somiglianze, le due malattie sono distinte e dovrebbero essere trattate di conseguenza. Una diagnosi errata può portare a trattamenti scorretti e continue sofferenze.

Differenze nei sintomi

I sintomi di entrambe le malattie sono molto simili. Per questo motivo, è quasi impossibile diagnosticare o determinare se una persona ha la malattia di Crohn o la colite ulcerosa, osservando solo i sintomi.

Una differenza tra le due malattie è che il Crohn colpisce l’intero tratto gastrointestinale, mentre la colite ulcerosa colpisce solo il colon.

Di conseguenza, alcune persone il cui morbo di Crohn è più vicino allo stomaco, possono avere maggiori probabilità di manifestare nausea e vomito.

Differenze nella diagnosi

endoscopia

La diagnosi precoce per entrambe le malattie è simile. Un medico chiederà a una persona diverse domande prima di fare un esame fisico. Le domande possono riguardare:

  • salute generale
  • dieta
  • storia famigliare
  • ambiente

In entrambi i casi, un medico esaminerà campioni di sangue e di feci per aiutare a escludere virus o altre infezioni batteriche nel tratto GI.

Per determinare quale malattia ha una persona, un medico dovrà eseguire test per entrambi. Esecuzione di test per uno solo può causare una diagnosi errata. Una diagnosi corretta è indispensabile, poiché il trattamento è diverso per le due malattie.

Dopo un esame superficiale, è possibile eseguire un’endoscopia, in cui uno strumento simile a un serpente con una fotocamera e una luce all’estremità, viene inserito nel tratto GI. I tipi di endoscopia variano tra le due malattie.

Per il morbo di Crohn esistono due tipi di endoscopia, come segue:

  • Colonscopia: il tubo flessibile, noto come endoscopio, viene inserito attraverso l’ano per consentire un esame del colon.
  • Endoscopia superiore: il tubo flessibile viene inserito attraverso la bocca, lungo l’esofago, nello stomaco e nella prima parte dell’intestino tenue.

Al contrario, la colite ulcerosa comporta l’inserimento dell’endoscopio solo attraverso l’ano. I due tipi sono:

  • Sigmoidoscopia: consente al medico di esaminare il retto e il colon inferiore per l’estensione e il grado di infiammazione in quelle aree.
  • Colonscopia totale: si verifica quando il medico esamina l’intero colon.

Sia la malattia di Crohn che la colite ulcerosa potrebbero comportare una biopsia o un piccolo campione di tessuto prelevato dalle aree infette per l’esame al microscopio.

Tuttavia, nelle persone affette da morbo di Crohn, un medico potrebbe voler prendere i raggi X sia del tratto GI superiore che inferiore per ottenere un’immagine di ciò che sta accadendo, prima di eseguire una biopsia o un’endoscopia.

Se una persona ha una colite ulcerosa cronica, un medico può raccomandare una cromoendoscopia, che è un test in cui la tintura blu viene applicata al tratto gastrointestinale. Questo cerca cambiamenti nel rivestimento dell’intestino, mostrando cambiamenti precancerosi noti come displasia.

Infine, per aiutare a diagnosticare la malattia di Crohn, un medico può utilizzare l’imaging per esaminare parti dell’intestino tenue che non possono essere raggiunte con una colonscopia. Ancora una volta, queste tecniche in genere coinvolgono coloranti che si mostrano bene nelle immagini.

La colite ulcerosa non verrebbe vista in queste immagini, in quanto non sale nell’intestino tenue.

Differenze nel trattamento

Entrambe le malattie rispondono bene a una varietà di trattamenti. Questi possono includere:

medicazione

Entrambe le malattie possono essere controllate attraverso l’uso corretto di farmaci che prendono di mira le risposte infiammatorie del corpo. Ridurre l’infiammazione può ridurre ed eliminare molti dei sintomi comuni delle malattie, come dolore e diarrea.

Oltre ai sintomi di targeting, i farmaci possono anche essere usati per diminuire la frequenza dei razzi, in quella che è nota come mantenimento della remissione.Man mano che il trattamento appropriato viene somministrato nel tempo, i periodi di remissione possono essere prolungati e possono essere ridotti i periodi di riacutizzazione dei sintomi.

Entrambe le malattie hanno diversi tipi di farmaci disponibili.

Terapie combinate

In alcune circostanze, un medico può raccomandare una terapia aggiuntiva a quella iniziale per aumentarne l’efficacia.

Ad esempio, la terapia di combinazione può aggiungere in biologici con un immunomodulatore. Come con tutte le terapie, ci sono benefici e rischi associati alla terapia di combinazione.

La combinazione di terapie può aumentare l’efficacia nel trattamento delle malattie, ma potrebbe esserci un aumento del rischio di effetti collaterali e tossicità.

Nutrizione e piani dietetici

donna che scrive piano nutrizionale

Entrambe le malattie hanno la tendenza a ridurre l’appetito di una persona. Gli alimenti non sono responsabili della causa di entrambe le malattie, ma le persone tendono a scoprire che modificare ciò che mangiano, in base a ciò che aggrava i loro sintomi, è utile.

Le modifiche dietetiche variano tra individui e malattie. Ad esempio, una persona con la malattia di Crohn potrebbe trovare una dieta blanda è la cosa migliore durante un flare e può mangiare cibi che una persona con colite ulcerosa non sarebbe in grado di tollerare.

In entrambi i casi, una corretta alimentazione è essenziale. Quindi, le persone con entrambe le malattie dovrebbero tenere un diario alimentare e essere consapevoli di ciò che li turba.

Inoltre, un piano alimentare può aiutare un individuo a garantire che abbia abbastanza nutrienti. In entrambi i casi, un medico può aiutare a sviluppare un piano alimentare che eviti i sintomi aggravanti e fornisca un’alimentazione adeguata.

Chirurgia

Questo trattamento varia in frequenza e posizione tra il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

Il trattamento medico è il cardine sia per la malattia di Crohn che per la colite ulcerosa. La chirurgia è riservata ai casi in cui vi sono complicanze, come perforazione dell’intestino, sanguinamento eccessivo, crescita cancerosa o grave infiammazione non controllata con i farmaci. La malattia di Crohn potrebbe eventualmente tornare più tardi nella vita dopo l’intervento chirurgico. Al contrario, la rimozione del colon e del retto, che si fa nel caso della colite ulcerosa, è considerata una cura, poiché la malattia non ha più un posto dove risiedere.

La chirurgia per entrambe le malattie ha un numero di potenziali rischi e richiederà tempi di recupero. Un medico dovrebbe discutere con l’individuo i possibili benefici e rischi della chirurgia prima di raccomandare una procedura.

Like this post? Please share to your friends: