Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Qual è la malattia di Peyronie?

La malattia di Peyronie, nota anche come curvatura del pene, è una condizione in cui il pene, una volta eretto, si piega in modo anomalo. È una causa rara di disfunzione erettile – una condizione in cui un uomo ha difficoltà a raggiungere o mantenere l’erezione.

È causato da tessuto cicatriziale fibroso (placche fibrose) che si sviluppa sotto la pelle del pene.

Secondo il NIH, l’1-23% degli uomini tra i 40 ei 70 anni ne è colpito.

È comune che il pene di un uomo si curva leggermente; questo è considerato normale. Tuttavia, se la curva causa dolore o se la curva è grave, allora è un problema. La malattia di Peyronie può minare la capacità di un uomo di fare sesso e può anche causare disfunzione erettile.

Preoccuparsi di una curvatura del pene può causare stress e ansia, che possono portare a disfunzione erettile.

Tuttavia, un numero considerevole di maschi adulti che hanno la malattia di Peyronie hanno una vita sessuale soddisfacente.

I sintomi della malattia di Peyronie

[L'uomo sul letto sembra turbato]

Segni e sintomi della malattia di Peyronie possono emergere gradualmente nel tempo o apparire bruscamente. Il sintomo principale è una notevole curvatura del pene – il pene si piega, lateralmente, verso il basso o verso l’alto, a seconda di dove si trovano le placche.

A volte, il pene eretto può diventare molto stretto a un certo punto. In alcuni individui, la curva diventa lentamente più pronunciata, per altri, migliora lentamente e, per altri ancora, la curva rimane la stessa. Altri sintomi includono:

  • Placche – tessuto cicatriziale che si sente sotto la pelle del pene. Sembra una fascia di tessuto duro. Per alcuni, potrebbe sembrare una massa appiattita.
  • Disfunzione erettile: gli uomini con la malattia di Peyronie possono avere difficoltà a ottenere o mantenere un’erezione.
  • Lunghezza del pene – La malattia di Peyronie può eventualmente portare ad un accorciamento del pene.
  • Dolore: i pazienti possono avvertire dolore quando hanno un’erezione e / o durante l’orgasmo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, questo gradualmente scompare dopo alcuni mesi (senza alcun trattamento).

Cause della malattia di Peyronie

Le cause della malattia di Peyronie non sono completamente comprese.

Molto probabilmente, è il risultato di danni ai piccoli vasi sanguigni, che possono essersi verificati durante il sesso, un evento sportivo, un colpo o un incidente automobilistico. Le cellule potrebbero rimanere intrappolate dove si è verificata la ferita durante il processo di guarigione, con conseguente tessuto cicatriziale.

Il pene contiene due tubi di spugna su entrambi i lati, ognuno chiamato il corpo cavernoso. Questi tubi sono pieni di capillari (piccoli vasi sanguigni). Quando un maschio è sessualmente eccitato, i capillari diventano gonfio di sangue, determinando un’erezione.

Il corpo cavernoso si trova in un involucro di tessuto elastico – la tunica albuginea. Questo rivestimento si allunga quando il pene è eretto. Se il pene è danneggiato, il tessuto di questo involucro elastico può danneggiarsi. Una corretta guarigione non comporterà conseguenze evidenti.

Tuttavia, se vi è un tessuto cicatriziale permanente, esiste la possibilità che il paziente possa sviluppare la malattia di Peyronie, perché quella parte dell’involucro non può più allungarsi correttamente; quando il pene diventa eretto, la parte sfregiata che non riesce ad allungare tira il pene, piegandolo.

Vale la pena notare che un gran numero di maschi che subiscono una lesione al pene non sviluppano la malattia di Peyronie.

La guarigione delle ferite può essere influenzata da diversi fattori che potrebbero aumentare il rischio di malattia di Peyronie:

  • Eredità – le persone con parenti stretti che hanno la malattia di Peyronie hanno maggiori probabilità di svilupparsi da sole.
  • Disturbo del tessuto connettivo – per esempio, la contrattura di Dupuytren, un ispessimento e un rafforzamento dei tessuti nella mano, che fa sì che le dita si tirino verso l’interno.
  • Età: le persone anziane hanno maggiori probabilità di cicatrizzare mentre guariscono.

Poiché alcuni casi di malattia di Peyronie si verificano senza lesioni, i ricercatori ritengono che possa esserci un disturbo del sistema immunitario che lo causa in alcuni casi.

Opzioni di trattamento per la malattia di Peyronie

Il medico chiederà al paziente domande sui sintomi, quanto tempo sono stati lì e come si sono sviluppati nel tempo (improvviso o graduale). Il paziente dovrà anche sottoporsi ad un esame fisico.

Se la curvatura del paziente non peggiora, non c’è dolore o il dolore è molto lieve ei sintomi non interferiscono con il sesso, il medico probabilmente raccomanderà un’attesa vigile – un approccio attendista. In generale, l’individuo sarà invitato ad osservare i cambiamenti per almeno 12 mesi prima di considerare un intervento chirurgico.

Nei casi più gravi, il paziente può essere prescritto farmaci o consigliato di avere un intervento chirurgico.

Opzioni di droga

Clostridium hystolyticum (Xiaflex) – questo è l’unico farmaco approvato dalla FDA per l’uso nella malattia di Peyronie. È raccomandato per le persone il cui pene si flette ad un angolo di 30 gradi o più quando eretto.

Iniezioni del pene – la curvatura può essere ridotta con iniezioni direttamente nel pene. Il trattamento può protrarsi per diversi mesi. L’interferone aiuta ad abbattere il tessuto fibroso e ne riduce la produzione. Verapamil, un farmaco per l’ipertensione, stimola l’attività della collagenasi, che svolge un ruolo nella formazione del tessuto cicatriziale e nella cicatrizzazione delle ferite.

Tuttavia, sono stati effettuati solo piccoli studi sulle iniezioni del pene. Gli urologi sono preoccupati che le iniezioni stesse – perforando la pelle – possano causare lesioni che potrebbero favorire la crescita della placca.

Vitamina E e aminobenzoato di potassio: questi farmaci possono ridurre il dolore, ma in genere non hanno un impatto significativo sulla curvatura anormale preesistente.

Tamoxifene – questo farmaco, usato per trattare i cancri della mammella positivi al recettore dell’estrogeno, può ridurre il dolore, la curvatura e la dimensione del grumo in alcuni pazienti.

Collagenasi – un enzima che riduce le dimensioni delle placche e talvolta le elimina del tutto.

Altri composti attualmente in fase di studio per il trattamento della malattia di Peyronie includono acetil-l-carnitina e coenzima Q10.

Opzioni Nondrug

Alcuni individui con la malattia di Peyronie hanno trovato sollievo con:

  • Iontofasesi: utilizza un segnale elettrico debole per trasferire i farmaci attraverso la pelle
  • Terapia ad onde d’urto – rompe il tessuto cicatriziale
  • Terapia di trazione del pene – aiuta ad allungare il pene
  • Dispositivi per vuoto

Cambiamenti nello stile di vita

Alcuni cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a ridurre i sintomi:

  • Ridurre l’assunzione di alcol
  • Non fumare tabacco
  • Evita le droghe illegali
  • Esercitare frequentemente

Interventi chirurgici

Se la curvatura è grave e impedisce al paziente di avere rapporti sessuali, l’urologo può raccomandare un intervento chirurgico. La maggior parte degli esperti afferma che il paziente non deve aver sofferto per diversi mesi per gli interventi chirurgici da prendere in considerazione; inoltre, la curvatura deve aver smesso di peggiorare.

Accorciare un lato del pene

Il lato non affetto del pene, il lato senza placche, può essere accorciato; questo ferma la flessione durante l’erezione. Questa procedura accorcia la lunghezza del pene. Questa procedura può essere presa in considerazione se la curvatura non è troppo severa (meno accorciamento richiesto) e il pene dell’uomo è abbastanza lungo.

Allungando un lato del pene

Il tessuto cicatriziale viene tagliato in più punti, permettendo alla guaina di allungarsi nuovamente. Se la guaina si estende adeguatamente, il pene eretto dell’uomo sarà dritto. Durante la procedura, parte del tessuto cicatriziale può essere rimosso. Alcuni tessuti vengono innestati su parti che vengono estratte. Questa procedura è più comunemente raccomandata per i pazienti con un pene più corto o una curvatura più grave. Tuttavia, l’allungamento del lato ha un rischio più elevato di causare impotenza rispetto all’accorciamento.

Impiantare

Il tessuto spugnoso che diventa gonfio di sangue durante l’eccitazione sessuale e produce un’erezione può avere impianti inseriti chirurgicamente. Esistono due tipi di impianti: quelli permanenti e quelli che si gonfiano con un’azione pompa nello scroto.

Gli impianti permanenti daranno all’uomo un pene semi-rigido, che è abbastanza eretto per i rapporti sessuali, mentre quello attivato dalla pompa fornirà una migliore erezione. Alcuni dei tessuti cicatriziali possono essere rimossi per ridurre la curvatura.

Complicazioni dalla malattia di Peyronie

La principale complicazione è l’incapacità di avere rapporti sessuali a causa del dolore, della disfunzione erettile o di entrambi. Il paziente può anche provare una grave ansia e stress, che può ulteriormente aggravare i problemi di funzionalità erettile.

Chiunque abbia una curvatura del pene che sta causando loro disagio o sofferenza dovrebbe parlare con un medico. Le opzioni di trattamento sono disponibili.

Like this post? Please share to your friends: